vecchia donna uccisa, ma nessuno testimonia

“Pazzi, vedevamo queste cose in tv, ma a Napoli, a Scampia, qui dentro Tor Bella Monaca, sotto il centro commerciale, davanti a supermercati e tabacchi, in pieno giorno, n. Potrebbe esserci qualcuno di noi, anche un bambino, assurdo. Cosa siamo diventati? “. Una signora si copre il viso con le mani, ha paura. Ieri pomeriggio verso le 15 due uomini hanno litigato per via Amico Aspertini, nel cuore della periferia romana, quartiere di narcotrafficanti e di edilizia sociale. Maledizioni, insulti, minacce, fino a quando Giampiero Rauso, 33 anni, condannato, con una storia di traffico di droga, abusi familiari, pistole, detto “violento”, ha tirato fuori un. che è passato sul marciapiede spingendo il caddy.

Quartiere dimenticato di Tor Bella Monaca: “Il parco giochi chiuso da tre anni”

La donna, TR, 78 anni, cuoca Rai in pensione, è stata salvata per miracolo. “Sant’Antonio, a cui sono così devota, mi ha protetto”, ha detto. Il proiettile gli ha sfiorato il polpaccio, gli ha rotto i pantaloni. Per niente spaventata, la vecchia si è rivolta alla giovane di 33 anni ancora con l’arma in mano, si è rivolta a lui: “Guarda cosa mi hai fatto!” Gli ho detto – ha detto la donna dopo aver rifiutato di farsi trasportare in ospedale in ambulanza – e in risposta mi ha mandato in profondità in questo Paese: Ma vaffa … ». L’intera scena è stata filmata dalle telecamere della banca di credito cooperativo e della tabaccheria che è anche una casa di scommesse.

Anziana fucilata a Tor Bella Monaca: “Io ferito per errore e insultato, ma nessuno testimonia”

READ  Europa (League) ha scoperto Colombo. Obiettivi iniziali e parola d'ordine: umiltà

MACCHINE FOTOGRAFICHE
In un attimo le auto dei carabinieri sono atterrate sul posto, subito sono accorsi anche i fucilieri della vicina stazione di via Domenico Parasacchi, quando i due litigi sono scomparsi, alcuni verso via Fernando Conti, altri al primo piano del centro. il piede. Torri di 14 piani. Una fuga ripresa anche dal sistema di videosorveglianza del centro “Le Torri”. Durante questo periodo, TR è stato salvato. “Le abbiamo dato una sedia su cui appoggiarsi, lei ha tamponato il sangue con il fazzoletto – ricorda Luigi, il tabaccaio – Ero dentro il negozio, ho sentito le voci di due uomini urlare, poi è stato sparato il colpo. Sono uscito e ho trovato la signora. La vecchia non voleva andare in ospedale. “C’è Covid e poi non mi hanno messo neanche un punto, solo che mi hanno detto che bastava che il proiettile mi portasse un centimetro più in basso e che avrebbe tagliato l’arteria femorale”, spiega. La donna aveva appena gestito un bancomat, avrebbe trovato rapidamente un’amica, poi le ho sparato per strada. E aggiunge: “Quando è arrivata la polizia, tutti quelli che erano davanti alla tabaccheria se ne sono andati, avevano paura di testimoniare”.

NEGOZIAZIONE
Nel frattempo, i fucilieri usciti dalla caserma non potevano che dare uno sguardo alle prime immagini della videosorveglianza e prendere le prime testimonianze, per capire che erano due volti non nuovi. In particolare, Rauso vive proprio accanto alla stazione. L’esercito ha condiviso le informazioni con la polizia. Sono andati a prenderlo. Nella casa c’era la moglie incinta, la coppia ha altri tre bambini piccoli. Il maresciallo Giovanni Villanucci, comandante della stazione Arma, le chiede di chiamare il marito e lo convince a tornare e farsi trovare. Dopotutto, sotto le torri c’erano dozzine di ufficiali e fucilieri. Rauso era già entrato in casa e aveva gettato una scatola con una pistola dentro e qualche grammo di hashish dalla finestra. Una volta preso, ha cercato di giustificarsi dicendo che si sentiva “minacciato” dall’altro. Secondo gli investigatori dietro la controversia, potrebbero esserci ragioni legate alla droga, una fattura non pagata. Rauso portato negli uffici della Questura di via Patini è stato arrestato per tentato omicidio, trasporto e possesso improprio di arma da fuoco, poi accompagnato al carcere di Regina Coeli.

READ  La rosa di Pirlo non spaventa nessuno: tutto quello che manca per ridiventare una vera Juve

Ultimo aggiornamento: 00:33


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *