Vera Bergkamp rimarrà presidente della Camera dei rappresentanti, nonostante i crescenti dubbi sul suo ruolo nell’affare Arib.

Vera Bergkamp rimarrà presidente della Camera dei rappresentanti, nonostante i crescenti dubbi sul suo ruolo nell’affare Arib.

La presidente della Camera Vera Bergkamp parla alla stampa.  foto dell'Anp

La presidente della Camera Vera Bergkamp parla alla stampa.foto dell’Anp

Bergkamp lo ha annunciato venerdì sera in una conferenza stampa frettolosamente programmata. Solo poche ore prima, alti funzionari della Camera avevano deciso di dimettersi per l’affare Arib. Bergkamp si è detto “sopraffatto” dalla decisione. Doveva ancora “lasciare che tutto affondi”.

Quel che è certo è che trova “molto importante” che l’indagine su Arib, membro del PvdA, prosegua. “Sono molto motivato a portare questa ricerca in acque sicure”, ha affermato Bergkamp (D66). Le aspre critiche di venerdì pomeriggio dall’alto funzionario della Camera, il cancelliere Simone Roos, secondo cui lei e il resto dell’alto funzionario non si sentivano protetti dall’attuale presidente della Camera, non è un motivo per lasciare Bergkamp.

“Penso che dovremmo tutti prendere sul serio il fatto che queste persone non si sentivano al sicuro”, ha detto Bergkamp. Ma secondo lei era così da “anni”. In precedenza, alti funzionari hanno affermato che avrebbero vissuto una “atmosfera di lavoro pericolosa” sotto Arib. Questa sensazione di insicurezza è stata rafforzata nelle ultime settimane da un “clima politico e mediatico inasprito”.

Secondo Bergkamp, ​​ora è il momento di “raccogliere i pezzi” e “tenere insieme le cose”. Non sarà facile, dato che la sua stessa posizione è sotto pressione da tempo a causa della sua scarsa prestazione come Presidente della Camera. Dice che si rammarica di aver “fallito” nel tenere le indagini su Arib fuori dalla politica. Ora vuole che l’Assemblea plenaria decida la prossima settimana prima di continuare le indagini. La scorsa settimana, alcuni gruppi hanno chiesto l’interruzione delle indagini.

READ  I giocatori affrontano il pubblico in un duello amatoriale • La polizia interrompe la corsa sulla A12 dopo un “raduno di auto” | Residenza

Reclami anonimi

Il motivo del tumulto che è sorto è il dubbio che ribolle da settimane sull’indipendenza di un’indagine su un possibile comportamento transfrontaliero dell’ex presidente della Camera Arib. I disordini sono scoppiati questa settimana, ma sono durati circa un mese e mezzo.

Il caso Arib è iniziato il 28 settembre, quando il consiglio esecutivo della Camera dei rappresentanti (il presidium) ha deciso di aprire un’indagine sull’ex presidente della Camera a seguito di due lettere anonime pervenute all’inizio di quest’anno. Presumibilmente contiene varie denunce sul membro PvdA. La questione è stata considerata seria, in parte perché tre membri dell’alto funzionario hanno affermato di aver riconosciuto le denunce e di aver sperimentato loro stessi un “ambiente di lavoro pericoloso” sotto Arib. Una lettera di denuncia dei consulenti riservati contenente 23 rapporti è stata presentata al presidium per avvalorare la gravità della questione.

Arib si è dimessa furiosamente dal suo posto quando ha saputo che i suoi ex colleghi avevano aperto un’indagine contro di lei, senza prima chiederle un’udienza. Ha parlato di “resoconto politico” e di “pugnalata alle spalle”.

Nessuno sa se è vero. Ad oggi, ad Arib e alla stampa non è permesso sapere esattamente cosa ha fatto di sbagliato come ex presidente della Camera dei rappresentanti. Le lettere di reclamo anonime sono riservate e non possono essere visualizzate. Ha anche contribuito ai disordini che circondano il caso non volendo placarsi.

Ruolo e presidenza Bergkamp

Nelle ultime sei settimane, gran parte della Camera ha espresso simpatia per le potenziali vittime, ma allo stesso tempo ha criticato aspramente il ruolo dell’attuale presidente della Camera Bergkamp e del Presidium. Dicono di essere stati a conoscenza delle lamentele su Arib prima, ma non sono intervenuti. Grande indignazione anche tra i parlamentari per il fatto che sia stata immediatamente divulgata la decisione di aprire un’inchiesta NRC, prima che Arib venga informato. Il National Bureau of Investigation è stato chiamato per indagare sulla fuga di notizie.

I parlamentari di SP, PvdA, PVV e il parlamentare indipendente Pieter Omtzigt, tra gli altri, hanno chiesto il coinvolgimento di alti funzionari e del Presidium nelle indagini. Dopo un voto in Commissione Metodologia della Camera, a Bergkamp è stato addirittura ordinato di sospendere temporaneamente le indagini su Arib: prima doveva essere chiaro come il presidente avrebbe garantito l’indipendenza delle indagini.

Dopo questo dibattito parlamentare a volte commovente, di Volkskrant Sabato scorso che la lettera con 23 rapporti secondo il confidenziale non come prova contro Arib avrebbe dovuto essere usato. Mercoledì è stato annunciato i dubbi crescono nella presidenza su ulteriori indagini. Giovedì portato di Volkskrant ha rivelato che il capo delle risorse umane, che in precedenza si era lamentato con i membri della presidenza per un ambiente di lavoro non sicuro da parte di Arib, era designato come cliente della ricerca. Secondo i professori, ciò metterebbe a repentaglio l’indipendenza della ricerca.

Non è ancora chiaro se le indagini su Arib proseguiranno. Bergkamp vuole che la Camera lo voti la prossima settimana. Non sa esattamente come dovrebbe prendere forma. La Camera dei Rappresentanti continuerà a discutere la questione mercoledì 16 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *