“Viva Wilhelmina, viva Mussolini”, suonava sul Buiten-IJ

Il 1 luglio 1933, il pioniere dell’aviazione italiana Italo Balbo diretto a Chicago atterrò con 25 idrovolanti sul Buiten-IJ vicino a Schellingwoude. Amsterdam si prestò volentieri a questa spudorata propaganda del regime fascista di Mussolini.

Renée Karsten

Pieno di aspettative, migliaia di spettatori si erano radunati all’aeroporto di Schellingwoude sul Buiten-IJ il 1 luglio 1933. Dove “otto minuti all’una” atterrò lo squadrone di 25 idrovolanti italiani. L’aereo del generale Italo Balbo, ministro dell’Aviazione e braccio destro di Benito Mussolini, era chiaramente riconoscibile dai colori italiani rosso-bianco-verde e dalle tre stelle sopra la coda dell’aereo.

Sedici anni prima, nel 1917, la divisione idrovolanti della Royal Dutch Navy si stabilì nello Zeeburgereiland, allora poco più di una distesa fangosa creata da materiale dragato. Gli idrovolanti erano meno costosi degli idrovolanti perché non richiedevano la costruzione di piste. La base era quindi poco più di un hangar in legno con strutture per il varo dell’aereo.

Il Buiten-IJ era un luogo ideale. Era vicino ad Amsterdam e aveva acque calme. Nel 1922, la base fu in qualche modo professionalizzata, l’hangar di legno fu sostituito da un hangar di cemento. Da questo momento, anche gli idrovolanti civili iniziarono a utilizzare l’aeroporto. Anche il produttore di aeromobili olandese Anthony Fokker, con sede ad Amsterdam Nord, ha iniziato a testare i suoi idrovolanti presso l’aeroporto di Schellingwouder. Schellingwoude divenne così una base aerea con un certo fascino, utilizzata anche da sempre più visitatori internazionali.

Fascino impareggiabile

Lo stesso valeva per Italo Balbo, che aveva scalato le fila in Italia dopo la marcia di Mussolini su Roma. Balbo era una figura sgargiante, con un’elegante barba a punta e sgargianti capelli rossi, che prestava un fascino innegabile alla nuova Aeronautica Militare Italiana. Con la sua “Italian Air Armada” voleva pubblicizzare la nuova Italia fascista e assumere un ruolo pionieristico nell’aviazione commerciale.

Questa pubblicità era già stata suggerita dal famoso viaggio in dirigibile di Umberto Nobile al Polo Nord nel 1926. Nel 1933 lo stesso Balbo intraprende un “viaggio coraggioso” attraverso le Alpi fino a Chicago, dove parteciperà all’Esposizione Universale.

La sua prima tappa, dopo 1400 chilometri, fu sulla Buiten-IJ vicino a Schellingwoude. Migliaia di spettatori si erano radunati lì il 1 luglio. Rederij Bergman, che si trova a Damrak, aveva persino istituito un servizio di traghetti per il pubblico da Amsterdam a Durgerdammerdijk. Alle undici e mezza del mattino, poche ore prima dell’arrivo, gli Oranjesluizen sono chiusi e il traffico marittimo è interrotto. Finché la delegazione italiana era attraccata, il traffico marittimo poteva navigare ad una velocità massima di 5 chilometri orari.

Caduta di Durgerdam

In fitte file osservavano gli aerei della squadriglia italiana sorvolare e atterrare sopra il Buiten-IJ. Molti nativi italiani stavano sulla piattaforma dell’hangar di volo, gridando “Viva Wilhelmina! Cantò Viva Mussolini’. I giornali parlavano di una “grande impresa aviaria”.

Uno degli aerei italiani comandati dal capitano Baldini trovò la punta in acqua durante la discesa e si ribaltò poco prima del Durgerdammerdijk. In fretta e furia, due studenti della vicina Accademia Marittima, l’Amsterdam Ophoff e l’Haarlemmer Witkamp, ​​riuscirono a salvare alcuni degli annegati. L’aiuto è arrivato troppo tardi per il caporale Quintavalli.

Balbo all’epoca non era a conoscenza di alcun male. Fu accolto a terra in completo abito militare da una forte missione diplomatica olandese, mentre si gustava un bicchiere di champagne. Ad esempio, ha stretto la mano al ministro della Difesa olandese Laurent Deckers, al colonnello Van Reede e al sindaco di Amsterdam Willem de Vlugt.

Più tardi in serata, quando la notizia dell’incidente aereo è giunta alla delegazione italiana, il generale Balbo si è comunque dichiarato “particolarmente soddisfatto dell’andamento della prima tappa”. Secondo lui, l’incidente non sarebbe dovuto all’aereo o alla preparazione, ma “alla distrazione del pilota”. È del tutto possibile, dice Balbo, che i migliori aviatori a volte si lascino tentare “da una certa incoscienza o mancanza di concentrazione per eccessiva sicurezza”.

Il giorno successivo, nella chiesa di Obrecht, si tenne un solenne funerale per lo sfortunato Quintavalli; i suoi resti sarebbero stati successivamente trasportati in nave via Rotterdam a Genova.

Solo un articolo di giornale critico

Dopo il ricevimento festivo, gli italiani sono stati portati su barche della Marina olandese all’Amstelhotel, dove la delegazione è stata invitata a cena e ha trascorso la notte. Il giorno successivo, Balbo ha continuato il suo viaggio attraverso Derry nell’Irlanda del Nord fino a Chicago. Ancora una volta, molti spettatori, autorità e giornalisti si erano radunati a Schellingwoude.

I giornali olandesi sono rimasti notevolmente in silenzio sul regime fascista che Balbo stava promuovendo con il suo tour. Solo il quotidiano socialista persone ha dedicato un pezzo critico all’arrivo e al festoso ricevimento di Balbo. Secondo il quotidiano, il furto è servito da mantello per coprire la vera natura del regime fascista: “E la folla così informata, sotto il fascino dell’eroismo e del romanticismo che circonda la vicenda, dimentica purtroppo troppo la dura realtà, che è nascosto dietro.

Questo è un adattamento di un articolo dal ricco archivio di Ons Amsterdam: onsamsterdam.nl

Tirato dal cielo

Il ministro italiano dell’Aviazione, Italo Balbo (1896-1940), non se la cavava molto bene. Al ritorno dalla sua visita ad Amsterdam, fu nominato Governatore Generale della Libia, forse perché aveva criticato l’alleanza con la Germania nazista, o perché il dittatore Benito Mussolini considerava il suo ex braccio destro un rivale segreto. Il 28 giugno 1940 l’aereo di Balbo fu scambiato per un bersaglio nemico dalle difese aeree italiane di Tobruk e abbattuto. Non è sopravvissuto all’incidente.

READ  Nuovi appuntamenti per le prime dosi a rischio - Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.