Voli cancellati per il Covid? Ecco perché non tutto è Omicron-Corriere, è colpa

a partire dal Leonard Berberi

In due giorni e mezzo più di 7.300 viaggi cancellati in tutto il mondo. Ma 7 su 10 sono stati cancellati in Cina e negli Stati Uniti. E soprattutto non per il personale infetto

Più di 7.300 voli sono stati cancellati in tutto il mondo il 24, 25 e 26 dicembre. Molti di loro, è stato spiegato in questi giorni, sono stati cancellati a causa della diffusione della variante Omicron che ha finito per infettare il personale della compagnia aerea – piloti, assistenti di volo e di terra – e costringere quindi i colleghi incontrati ad isolarsi in casa.

Ma un’analisi del Corriere della Sera sui numeri pubblici, sui dati forniti dai vettori e dalle fonti rivela che entro questi tre giorni, solo un volo su dieci è effettivamente saltato a causa della diffusione del coronavirus tra il personale. Gli altri nove su dieci sono stati cancellati per motivi tecnici, in alcuni casi per cattiva programmazione del periodo di punta e anche per carenza di personale non ancora assorbita dopo i licenziamenti degli ex fattorini. .

Numeri

Cominciamo dai numeri. Il sito utilizzato e più volte citato in questi giorni – FlightAware – indica che il 24 dicembre sono stati cancellati 2.380 voli in tutto il mondo, 2.856 a Natale e le 14:15 (ora italiana) del 26 dicembre 2.071, per un totale provvisorio di 7.307 piattaforma ovviamente non dà anche le ragioni. Il 40% di questi viaggi cancellati è in CinaUn Paese che – ricorda più di un addetto ai lavori – registra da settimane un numero elevato di cancellazioni e non dovute alla diffusione della variante Omicron. Un ulteriore 30% di mancati decolli viene effettuato negli Stati Uniti. In breve, sette voli su dieci sono stati cancellati nei due Paesi. Il restante 30% si è distribuito nel resto del mondo senza particolari picchi, ad eccezione del Giappone dove nell’ultimo giorno sono stati cancellati più di 100 voli a causa della neve.

READ  "Il servizio digitale partirà da Roma"
Negli USA

Ma anche concentrandosi sugli Stati Uniti, si scopre che le oltre 2.300 cancellazioni dal 24 al pomeriggio del 26 dicembre non sono tutte imputabili alla diffusione della variante tra il personale aziendale. Quattro fonti americane che lavorano con altrettanti vettori a stelle e strisce spiegano al messaggistica che finora l’impatto di Omicron è stato così contenuto che le stime parlano di11,1% dei voli cancellati nel Paese perché piloti e assistenti di volo sono stati contagiati o sono andati in isolamento dopo uno stretto contatto con un soggetto positivo. Ciò non esclude che nei prossimi giorni Omicron possa effettivamente diventare il principale problema operativo, ma finora non lo è stato.

Le motivazioni

Cosa succede allora nei cieli? Le stesse fonti americane sottolineano che le cancellazioni hanno lasciato pressoché intatti i collegamenti con l’Europa (per ora solo qualche piccolo inconveniente): questo perché Le tutele UE nei confronti dei passeggeri obbligano inoltre tutti i vettori che servono il Vecchio Continente a risarcire 600 euro a viaggiatore in caso di volo cancellato meno di due settimane prima del decollo. Negli Stati Uniti questa protezione non esiste: come ricordato dal Dipartimento dei Trasporti degli Stati Uniti le compagnie aeree non sono nemmeno tenute a pagare i loro viaggiatori per l’hotel se una connessione viene cancellata in quel giorno. La maggior parte dei voli, almeno negli Stati Uniti, sono stati cancellati a causa del maltempo in parte del Paese, ma soprattutto per l’esiguo numero di piloti e assistenti di volo. A fronte di una rete che in questi giorni è tornata ai livelli pre-Covid, le fonti continuano.

READ  Partito laburista per un controverso accordo commerciale con il Canada, ora maggioranza al Senato
In Europa

In breve: molti furti, pochi dipendenti. Gli effetti – anticipano le fonti – dovrebbero farsi sentire anche il 2-3 gennaio, quando gli americani torneranno a casa dalle vacanze. Ma le cancellazioni, soprattutto sulle rotte a corto raggio, continueranno nelle prossime settimane a causa della carenza di personale. In Europa le cancellazioni, per ora modeste, sono dovute principalmente a minori prenotazioni e restrizioni che ha finito per svuotare gli aerei verso determinate destinazioni. Le compagnie aeree continentali hanno quindi preferito cancellare i voli che sarebbero decollati a vuoto. La variante Omicron è rilevante solo per una piccolissima parte delle operazioni. Diversi vettori si sono preparati. EasyJet, ad esempio, ha confermato di aver allertato i pensionati per evitare eventuali cancellazioni. Ma gli addetti ai lavori avvertono che proprio in Europa Il personale esposto al coronavirus potrebbe diventare la scusa perfetta per cancellare i voli senza preavviso e non risarcire i viaggiatori (dai 200 ai 600 euro a seconda della durata del viaggio).

L’azienda

il messaggistica contattato le otto maggiori società statunitensi per i dettagli. Le risposte preferiscono non fornire molti numeri. Le condizioni invernali in alcune parti degli Stati Uniti e la variante Omicron hanno influito sugli orari dei voliLa portavoce di Delta Air Lines, Allison Ducote, spiega via e-mail. Il giorno di Natale, la compagnia aerea ha cancellato 344 voli su circa 3.000 e prevediamo che più di 300 verranno cancellati il ​​26 dicembre. Le nostre operazioni procedono senza intoppi anche se una serie di chiamate per malattie legate al Covid ci ha portato a cancellare alcuni voli di linea, aggiunge Derek Walls, portavoce di American Airlines. Maddie Knif di United Airlines dice le cancellazioni del vettore sono per quelle all’interno degli USA, conferma che Omicron ha un impatto ma rappresentano solo una piccola parte dei 4.000.000 di voli di linea in media in questi giorni.

READ  Hai le 500 lire argento? Ecco il valore ufficiale della giornata: "Crazy!" • Periodico sociale
Il peso del Covid

Fornisce alcuni dettagli per Alaska Airlines. Da dicembre abbiamo aumentato il numero dei dipendenti per prepararci a un periodo di viaggio molto intenso – spiega un portavoce – tuttavia alcuni hanno dichiarato di essere stati esposti al virus e sono in quarantena a casa. Ma quale impatto hanno realmente sulle operazioni del vettore? Il 24 dicembre abbiamo dovuto cancellare 9 voli perché l’equipaggio si è trovato in isolamento e altri 2 il 25 dicembre. Undici dei 35 voli cancellati in due giorni, meno di uno su tre. JetBlue, SkyWest, Allegiant Air e Spirit non hanno risposto alle domande del messaggistica al momento della pubblicazione dell’articolo.

26 dicembre 2021 (modificato il 26 dicembre 2021 | 17:02)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.