Vuoi diventare più forte? Allenati come dice la scienza, facendo questi 3 grandi esercizi – Hamelin Prog

Vuoi diventare più forte? Allenati come dice la scienza, facendo questi 3 grandi esercizi – Hamelin Prog

Una nuova ricerca ha rivelato che l’allenamento di forza può essere un valido alleato nel contrastare il deterioramento cognitivo. Secondo lo studio, non è necessario dedicare cinque giorni a settimana o un’ora intera all’allenamento, ma bastano solo due sessioni settimanali per ottenere benefici significativi. Inoltre, non sono necessarie attrezzature specifiche perché è possibile fare un allenamento efficace a corpo libero.

Secondo gli esperti, le persone che si alleneranno con un workout di forza almeno due volte a settimana potrebbero ridurre il rischio di deterioramento cognitivo fino al 30% rispetto a coloro che non si allenano o che svolgono un allenamento diverso. Gli esercizi consigliati includono gli squat, le flessioni sulle braccia e gli esercizi per il core.

Se si è principianti, è consigliato iniziare con l’esercizio degli air squat, seguito dalle flessioni sulle braccia e infine dagli esercizi per il core. È fondamentale annotare le ripetizioni fatte durante l’allenamento per monitorare i progressi.

Nonostante sia consigliato allenarsi almeno due volte a settimana, chi è particolarmente motivato può aumentare l’allenamento a tre volte. Nel tempo, i periodi di riposo si accorceranno e il numero di ripetizioni aumenterà gradualmente.

Questi risultati emergono da uno studio condotto da Lifestyle Medicine, una fonte autorevole nel campo della medicina del benessere e dello stile di vita. I ricercatori sottolineano l’importanza di includere l’allenamento di forza nella routine di vita quotidiana per mantenere un cervello sano e attivo.

Con questi dati, diventa chiaro che l’allenamento di forza può offrire numerosi vantaggi per la salute del cervello. Quindi, non ci sono scuse per non iniziare subito a esercitarsi e ottenere una mente più lucida e attiva.

READ  Due farmaci nellocchio del ciclone: il rischio è tremendo, lo stop inevitabile - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *