Wall Street Journal: “Meta ha licenziato i dipendenti che hanno violato gli account degli utenti” – Professionista IT – Notizie

Meta ha punito o licenziato più di ventiquattro dipendenti per aver dirottato gli account Facebook e Instagram di diversi utenti. Lo scrive giovedì il Wall Street Journal basandosi su fonti interne.

Gli autori sono secondo le fonti del giornale tra gli altri hanno assunto dipendenti della società di sicurezza Allied Universal. Il Wall Street Journal ha anche intervistato aziende che hanno affermato di aver messo in contatto persone con dipendenti Meta a pagamento, che erano disposte a dare loro accesso a determinati account. In alcuni casi, gli autori sono stati pagati migliaia di dollari per appropriazione indebita di conti.

Apparentemente i dipendenti hanno rilevato gli account con lo strumento di recupero di Meta Oops. Consente ai dipendenti di inviare segnalazioni su account inaccessibili, dopodiché il controllo viene ripristinato. Dovrebbe essere utilizzato solo in situazioni eccezionali, ad esempio quando i parenti di un utente deceduto desiderano accedere al proprio account. Si dice che l’uso di Oops sia aumentato negli ultimi anni, da 22.000 volte nel 2017 a 50.270 volte nel 2020, scrive il Wall Street Journal.

Meta non ha risposto sostanzialmente alla storia del giornale. Tuttavia, un portavoce dice contro Engadget che il Meta “continui a prendere le opportune azioni contro chiunque venda servizi fraudolenti all’interno dell’azienda”. Allied Universal dice al sito che “prende sempre sul serio le segnalazioni di violazioni”.

READ  Burbero per l'aumento dei prezzi di OV: "Non è davvero normale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *