West vuole paralizzare il traffico dei pagamenti in Russia, le banche russe di Swift

Lo ha detto ieri sera Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea annuncio† Gli Stati membri dell’UE vogliono dare un calcio alla Russia nella sua “cassa di guerra”, ha affermato von der Leyen. La disconnessione delle banche russe dal servizio di messaggistica cruciale per il traffico dei pagamenti è vista come una severa misura punitiva.

La misura colpisce “alcune banche russe”, afferma von der Leyen. L’esclusione di Swift “farà perdere loro l’accesso al sistema finanziario globale e comprometterà la loro capacità di operare a livello globale”.

È già successo una volta

È successo solo una volta che un paese è stato tagliato fuori da Swift. L’Iran è stato poi duramente colpito.

Anche la banca centrale russa può aspettarsi un’azione, dice von der Leyen, in parte a nome dei pesi massimi dell’UE Francia, Germania e Italia e Stati Uniti, Regno Unito, Regno Unito e Canada. I paesi occidentali vogliono impedirgli “di utilizzare le sue riserve internazionali per minare l’impatto delle nostre sanzioni”.

“Tasso di cambio artificiale”

Un ex alto funzionario della Banca centrale russa, Sergei Aleksashenko, ha detto ieri sera all’agenzia di stampa Reuters che la sanzione potrebbe avere enormi conseguenze per i mercati finanziari russi.

Si aspetta che il rublo russo scenda domani quando i mercati si apriranno. “Penso che smetteranno di fare trading allora”, dice Aleksashenko. “Il tasso di cambio viene quindi fissato a un livello artificiale, come in epoca sovietica”.

Nel suo discorso, von der Leyen ha anche elogiato il popolo ucraino “determinato e coraggioso” che sta resistendo ai russi. Dice che il mondo intero sta attualmente assistendo ad “azioni barbare” da parte delle truppe russe a poche decine di chilometri dal confine orientale dell’Europa.

READ  NS vuole sminuire lo status di boa del direttore d'orchestra: 'In realtà incoraggia l'aggressività' | Interno

Grata Ucraina

L’Ucraina è grata per il nuovo round di sanzioni finanziarie, ha detto ieri sera il primo ministro ucraino Denys Shmygal. “Grazie ai nostri amici per l’impegno a ritirare diverse banche russe da SWIFT”, scrive il Primo Ministro. Ringrazia anche “la paralisi degli asset della banca centrale russa”.

Risposta americana: disarmare la Russia

Gli Stati Uniti e i loro alleati stanno “disarmando la Russia fortezza” con le nuove sanzioni, ha affermato un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Le mosse mirano a impedire al presidente russo Vladimir Putin di utilizzare 630 miliardi di dollari di riserve della banca centrale per finanziare l’invasione dell’Ucraina e sostenere il declino del rublo. “Il governo di Putin è stato espulso dal sistema finanziario internazionale”, ha confermato il funzionario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *