Zona rossa, regioni e varianti covid: verso nuove misure

(Adnkronos)

Zona rossa più ampia per fermare l’infezione in Italia e contengono le varianti del coronavirus. Gli oltre 20.000 nuovi casi positivi registrati ieri lanciano un nuovo allarme, con l’avvicinarsi della cifra di 100.000 morti nella pandemia. Le misure e le limitazioni previste dal nuovo Dpcm Il 6 marzo, il premier del premier Mario Draghi, potrebbe non bastare per piegare la curva dell’epidemia. Si sta concretizzando la prospettiva di un nuovo inasprimento, sulla scia delle indicazioni che il CTS aveva fornito prima del lancio del Dpcm: il zona rossa, per gli esperti, dovrebbe essere attivato automaticamente dove si verificano 250 casi di Covid ogni 100.000 abitanti. Secondo il Dpcm, la dichiarazione di una zona rossa nelle zone ad alta incidenza dipende dai governatori. Per i tecnici, la chiusura della scuola nelle aree in cui il virus è particolarmente diffuso deve essere abbinata a misure più restrittive in generale.


Leggi anche

Riflettori puntati in particolare sulla variante inglese, destinata a spingere altre regioni nella zona rossa, dove sono già approdate Campania, Molise e Basilicata. Un’Italia più rossa è nelle previsioni del ministro della Salute, Roberto Speranza. “Sulla base dei dati – ha detto un’altra mezz’ora – credo che nelle prossime settimane l’impatto di questa variante aumenterà la curva, Sto aspettando le regioni che possono andare verso la zona rossa. Mi aspetto che gli ordini saranno ancora restrittivi. “È probabile che marzo diventi un periodo particolarmente complesso, in attesa del decollo definitivo della campagna di vaccinazione”. Questo mese è complicato, dobbiamo dire come stanno andando le cose. Le varianti del virus hanno prodotto una nuova fase di accelerazione dell’epidemia. Secondo un rapporto della ISS, la variante inglese è in grado di diffondersi più velocemente, tra il 35 e il 40%, rispetto al ceppo originale. Almeno il 54% dei casi riscontrati in Italia sono legati a questa variante“, aggiunge. Serve anche un giro di vite per evitare un aumento delle vittime:” Con l’aumento delle infezioni, anche la curva dei casi gravi tenderà ad aumentare. “E, quindi, così fanno le morti.” Dobbiamo adottare misure molto rigorose. le misure. In Italia oggi abbiamo una grande differenziazione tra i territori, monitoriamo la curva giorno dopo giorno e controlliamo le misure più adeguate ”, ripete.

READ  Minacce di morte dopo Non è l'Arena, il trasferimento della prefettura - Libero Quotidiano

Successivamente arriva anche il messaggio di Luigi Di Maio, che indica il percorso suggerito da Cts. “Nelle ultime 24 ore in Italia, abbiamo registrato più di 20.000 nuovi casi, con a tasso di positività che sale al 7,6%. Il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è di nuovo in aumento e piangiamo un totale di quasi 100.000 vittime. Con queste cifre sono necessarie misure più rigorose, come richiesto anche dal Comitato tecnico scientifico ”, ha affermato il ministro degli Affari esteri.

A sintetizzare la foto della serata, il professor Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore della Salute (Css). “C’è una recrudescenza del contagio, i numeri e vari indicatori ce lo dicono chiaramente”, ha detto a Che tempo che fa. “In questa fase in cui la curva di contagio è ancora più importante che mai, penso che tutti dobbiamo dare la priorità a quella che è una responsabilità nei comportamenti individuali e nel tenere le distanze. È chiaro – aggiunge – che il problema non si limita solo all’emergenza sanitaria ma alla crisi economica e sociale che non va dimenticata. Tuttavia, la priorità rimane la salute“.

La strada sembra tracciata: “L’indice Rt ha raggiunto 1,06, in 6 regioni è superiore a 1. La situazione nel Paese è eterogenea, la Sardegna è addirittura zona bianca. Crescono i ricoveri. In intensivo care, con 9 regioni sopra la soglia critica del 30% “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *