“1 persona su 7 ha problemi psicologici dopo il corona” – Wel.nl

Le infezioni da corona innescano reazioni immunitarie che danneggiano le cellule nervose del cervello, causando delirio, problemi di memoria e un aumento del rischio di demenza. Lo conferma uno studio del King’s College di Londra. “Una persona su sette che è stata infettata dal coronavirus soffre di problemi persistenti come nebbia cerebrale, problemi di concentrazione e sonno”, afferma il professore di psichiatria Manuel Morrens. HLN.

“Gli scienziati londinesi hanno dimostrato che IL-6, una citochina o messaggero inviata dalle cellule immunitarie per rafforzare il sistema immunitario, attraversa la barriera emato-encefalica, una barriera che può fermare virus e cellule immunitarie. Di conseguenza, viene attivato il sistema immunitario del cervello stesso e lì viene messo in moto tutto ciò che non dovrebbe essere avviato. Questa grande ondata di questi messaggeri del sistema immunitario da parte di Covid-19 è anche nota come tempesta di citochine. Il messaggio è che il coronavirus può influenzare la funzione cerebrale in due modi: attraverso un attacco diretto del virus alle cellule cerebrali, ma anche attraverso una tale tempesta di citochine che iperattiva il sistema immunitario in tutto il corpo, compreso il cervello.

Fonti): HLN
READ  Scuola, via libera ai test antigenici rapidi come strumento di prevenzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.