20 accordi in 2 anni

20 accordi in 2 anni

PAPÀ

Notizie ONS

  • Sara Burman

    Editore d’interni

  • Thomas Spekschoor

    Giornalista

  • Sara Burman

    Editore d’interni

  • Thomas Spekschoor

    Giornalista

Il primo programma di riacquisto degli agricoltori per ridurre le emissioni di azoto non è ancora un grande successo. Secondo le province, almeno 750 aziende potevano beneficiare di un programma di riscatto volontario, ma dopo più di due anni è stato effettivamente raggiunto un accordo con solo una ventina di agricoltori. È quanto emerge da un inventario svolto dalle ONS nelle dodici province.

Secondo le province, è colpa del governo se il programma di riacquisto non va a buon fine. Condizioni sempre fluttuanti e l’annuncio di un nuovo schema “disperatamente attraente” avrebbero reso gli agricoltori riluttanti a partecipare alla prima stretta.

Il ministro Van der Wal ammette in una risposta che il numero delle registrazioni sta “partendo lentamente”. Sottolinea di aver prolungato di alcuni mesi il contratto di acquisto e spera che gli agricoltori continuino a denunciare. “I primi agricoltori ora vengono acquistati, ma è un processo lungo. Non lo fai dal lunedì al martedì”.

caricatori avanzati

Questo è il cosiddetto schema di riacquisto del peak loader. Il programma è stato creato per riacquistare fattorie vicine alle riserve naturali. Poiché l’ammoniaca prodotta da mucche e maiali finisce rapidamente a terra, gli allevamenti più vicini alle riserve naturali sono responsabili di una parte relativamente ampia delle precipitazioni di azoto in queste aree naturali.

“È deludente”, afferma senza mezzi termini il deputato per l’azoto di Ronnes (CDA) del Brabante settentrionale. “Abbiamo sfruttato al massimo”, ha detto il suo collega dell’Overijssel, Gert Harm ten Bolscher (SGP). “Se due anni fa mi avessi detto che avremmo potuto raggiungere un accordo con sei agricoltori, non sarei stato soddisfatto. Ma poiché abbiamo incontrato così tante restrizioni lungo il percorso, ora sono soddisfatto della nostra prestazione”.

“Arrangiamento di una bellezza devastante”

I parlamentari ritengono che il governo centrale non l’abbia affrontato adeguatamente. Ronnes: “L’Aia ha promesso nuovi progetti, progetti apparentemente estremamente attraenti”. Si riferisce a una dichiarazione del ministro dell’azoto Van der Wal alla Camera dei rappresentanti.

Ha progettato un nuovo programma di riacquisto, che ha descritto come “estremamente attraente” e al quale gli agricoltori potranno aderire in futuro. Ronnes: “Quando hai annunciato l’annuncio, hai subito visto che creava incertezza tra gli agricoltori con cui stai parlando. ‘Stiamo facendo la scelta giusta ora? Non è meglio questo accordo?'”

Anche il suo collega del Limburgo Gabriëls (Groenlinks) l’ha visto. “Non appena gli agricoltori vengono a sapere che ci sarà un accordo più allettante, iniziano ad avere dei dubbi, perché tutti naturalmente vogliono fermarsi al momento giusto e nelle migliori condizioni”.

Incertezza sulle condizioni

Inoltre, c’era molta incertezza tra il governo e le province sui termini dell’acquisizione. Un esempio: gli agricoltori devono essere responsabili di almeno due moli di precipitazioni di azoto per ettaro all’anno in una riserva naturale. Inizialmente si diceva che il numero poteva essere arrotondato, in modo che sarebbero bastate anche 1,95 moli di precipitazione. Successivamente ciò non è stato possibile e 2 mol era il limite inferiore assoluto.

READ  Perché i miliardari americani vendono le azioni della loro azienda?

Anche un’altra condizione ha creato confusione. Gli allevamenti spesso autorizzano più animali di quanti ne tengono effettivamente. Il numero di animali ammessi determinerebbe in primo luogo se un allevatore poteva partecipare, a seconda della provincia.

Successivamente, hanno appreso dal governo nazionale che dovevano calcolare con il numero di animali che si trovavano effettivamente nella stalla. Può fare la differenza tra qualificarsi per lo squeeze o meno. Il ministero dell’Agricoltura indica in una risposta al NOS che è sempre stato chiaro su questa condizione.

“Le regole del gioco sono state modificate durante il gioco”, spiega il deputato del Brabant Ronnes. Ciò ha creato molta incertezza a tavola tra gli agricoltori che volevano partecipare. “Si tratta di decisioni molto difficili da prendere per gli agricoltori e si desidera solo chiarirle in modo appropriato”.

Questo vale anche per il deputato dell’Overijssel Ten Bolscher. “A volte un’intera famiglia è coinvolta nelle conversazioni perché è una fattoria che è in famiglia da molto tempo. Se si scopre che una certa parte non può continuare, è molto doloroso e molto fastidioso”.

Il Dipartimento dell’Agricoltura afferma che c’è un contatto costante con le province su come il governo può aiutare con il programma di riacquisto.

Nuove normative

I tre deputati sperano che il prossimo piano di acquisto sia più bello e che le condizioni siano più chiare. Il deputato Gabriëls van Limburg: “Penso che sia un peccato che se hai soldi sullo scaffale non avrai successo con il primo accordo che hai”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *