A corto di personale?  Guarda anche dall’altra parte del confine |  Economia

A corto di personale? Guarda anche dall’altra parte del confine | Economia

I datori di lavoro dovrebbero cercare molto più personale al di fuori dei Paesi Bassi. Ci sono molte persone in cerca di lavoro in altri paesi per molte professioni. Questa è la conclusione dell’UWV basata su un’analisi approfondita.

L’agenzia previdenziale ha identificato il numero di professioni nei Paesi Bassi che sono a corto di personale e lo ha confrontato con la situazione in 27 paesi dell’UE, oltre a Svizzera e Norvegia. I Paesi Bassi non fanno eccezione quando si tratta di carenze, ma il nostro paese appartiene chiaramente al gruppo di paesi con le maggiori carenze di personale.

Risulta che secondo lo studio UWV, i Paesi Bassi hanno non meno di 166 occupazioni carenti. Dagli operai stradali, ai camionisti, dagli addetti alle pulizie ai carpentieri, dal personale di vendita, ai cuochi, al personale sanitario e molto altro. Le persone sono richieste in tutti i settori.

Molti datori di lavoro sono in perdita, ma l’UWV pensa di avere una soluzione. L’analisi mostra che l’offerta di lavoro è disponibile per il 70% di tutte le occupazioni carenti in un altro paese europeo. Ad esempio, ci sono dieci Paesi europei dove c’è un surplus di venditori e sette Paesi dove è difficile trovare lavoro per operai edili e aiutanti di cucina.

Ad esempio, i datori di lavoro alla ricerca di lavoratori al dettaglio potrebbero cercare personale in Austria, Belgio, Repubblica ceca, Danimarca, Portogallo, Svezia, Cipro, Ungheria, Lussemburgo e Slovacchia, dove esiste un eccesso di offerta di persone in questa occupazione. I datori di lavoro che necessitano di lavoratori edili possono recarsi in Danimarca, Grecia, Germania, Lettonia, Norvegia, Svezia e Slovacchia, dove un numero relativamente elevato di lavoratori edili è disoccupato.

READ  Ecoincentivi: la proposta, tramite il deposito di rottamazione

Movimento Libero

Ciò offre quindi opportunità per i datori di lavoro olandesi, afferma l’UWV. Motivo per incoraggiare i datori di lavoro a cercare più spesso personale al di fuori dei Paesi Bassi. Grazie alla libera circolazione dei lavoratori all’interno dello Spazio economico europeo, anche questo è possibile. Tuttavia, questo accade ancora abbastanza raramente. Secondo lo stesso rapporto, solo un datore di lavoro su dieci fa assumere personale dall’estero per combattere la carenza di personale.

I datori di lavoro che lo fanno spesso si avvalgono dell’aiuto dei servizi europei per l’occupazione (EURES). Questa è un’organizzazione che fornisce anche informazioni, revisioni di alloggi, diritto del lavoro e previdenza sociale in materia di migrazione per lavoro.

Edificio residenziale nel centro della città.
Edificio residenziale nel centro della città. © ANP

Non sempre facile

L’UWV concorda sul fatto che in pratica non è sempre facile impiegare qui personale straniero, in parte a causa delle differenze culturali o delle barriere linguistiche. Tuttavia, a volte può funzionare bene con una guida aggiuntiva, è il messaggio ai datori di lavoro. Un portavoce dell’UWV cita come esempio due occupazioni di scarsità, dove ciò è possibile con un aiuto aggiuntivo. Un esempio è il muratore disoccupato italiano o spagnolo. “Poiché i muratori di questi paesi posano i mattoni in modo diverso da qui, non possono iniziare immediatamente a lavorare nei Paesi Bassi”, afferma. seguire una formazione aggiuntiva prima di iniziare a lavorare qui.

Un altro esempio è la professione di odontoiatra. Secondo il portavoce dell’UWV, qui c’è una grave carenza di dentisti, mentre c’è un’eccedenza in Spagna. “Il problema è che in Spagna spesso vengono al loro studio solo persone con gravi problemi dentali. Di conseguenza, c’è la possibilità che si annoino qui, perché gli olandesi hanno spesso denti ben curati. Questo viene preso in considerazione anche durante la preselezione.

READ  “È ancora troppo presto per temere una nuova crisi bancaria”

VNO-NCW e MKB-Nederland vedono l’assunzione di lavoratori qualificati altrove in Europa come un’opportunità per ridurre la carenza di datori di lavoro. “Le carenze nel mercato del lavoro sono grandi. Possiamo attingere meglio a tutti i tipi di gruppi non sfruttati per questo. Anche l’assunzione di personale proveniente da altri Stati membri dell’UE può dare un importante contributo alla riduzione delle carenze”, risponde un portavoce dell’organizzazione dei datori di lavoro.

Allo stesso tempo, sottolinea che può essere difficile per le aziende con un piccolo team assumere personale in Lituania, ad esempio. “Speriamo che una migliore conoscenza della rete EURES possa aiutare alcune aziende nella ricerca di personale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *