A Roma la lotta al calcare fa parte della quotidianità

A Roma la lotta al calcare fa parte della quotidianità

Da dove vengono gli amici di penna? di Volkskrant affrontare nella loro vita quotidiana? Oggi: Rosa van Gool nota in Italia quanto sia buona l’acqua del rubinetto olandese a basso contenuto di calcare.

Rosa van Gool

“Cosa ti manca nei Paesi Bassi? chiede uno studente di Amsterdam durante un’intervista, che funge da pausa leggera nel loro viaggio a Roma ricco di visite a chiese e musei. Cito gli amici, la famiglia e soprattutto mia nipote di 10 mesi che vorrei vedere più spesso. Nient’altro, dico, ma qualche giorno dopo mi rendo conto che non è vero. Una cosa dei Paesi Bassi che mi manca quasi ogni giorno: l’acqua del rubinetto.

Non solo perché ha un sapore molto migliore dell’acqua del mio rubinetto romano, ma soprattutto per l’assenza di calcare. Può sembrare strano – o come una pubblicità per i prodotti per la pulizia – ma la roba bianca apparentemente innocua è diventata il mio nemico naturale numero 1 negli ultimi due anni.

Innanzitutto i numeri. Ad Amsterdam l’acqua del rubinetto ha una “durezza” (misura della presenza di calcio e magnesio) compresa tra 6 e 10 gradi francesi. A Roma la durezza è più di tre volte maggiore di 31 gradi, a causa del terreno calcareo da cui proviene.

Ora, come lettore, potresti alzare le spalle – comprensibilmente – ma per coloro che vivono qui e cercano di mantenere una casa, il controllo del calcare è una parte inevitabile della vita di tutti i giorni.

Ad esempio il mio padrone di casa mi ha parlato duramente quando mi sono trasferito nel mio appartamento: non dimenticare di svitare tutti i filtri anticalcare dai rubinetti ogni poche settimane e pulirli con aceto, rabboccare con polvere filtrando la caldaia, pulire la lavastoviglie e la lavatrice puntuale, la decalcificazione e qualche altra ricetta che sono sicuro di aver dimenticato. I depositi bianchi attaccano qualsiasi apparecchio che funziona ad acqua e li fa consumare più energia.

READ  Coronavirus, per il mondo è il giorno più nero: quasi 300mila nuovi casi su 24, mai così tanti. La Francia verso la maschera obbligatoria in compagnia

E poi c’è la questione della salute: contrariamente a quanto molti pensano, bere acqua ricca di calcare non fa male alla salute e non provoca calcoli renali. Secondo l’OMS, l’acqua dura ha anche un leggero effetto protettivo contro le malattie cardiovascolari. Eppure molti italiani preferiscono bere acqua minerale, che forse non è più salutare, ma ha un sapore più fresco, quindi si trascinano ogni giorno con pesanti sei confezioni da 1,5 bottiglie di plastica da un litro.

Una fontanella a Roma.  Statua di Cristiano Minichiello/Getty

Una fontanella a Roma.Statua di Cristiano Minichiello/Getty

Un’altra opzione è filtrare tu stesso l’acqua del rubinetto in un’apposita caraffa con filtri usa e getta, il cui acquisto è stato un passo importante nella mia integrazione italiana. Non ho ancora fatto il passo successivo, la disincrostazione delle apparecchiature per utenti avanzati: un’installazione speciale per purificare l’acqua della doccia, per proteggere il tuo taglio di capelli. Perché sì, l’acqua ricca di calcare ha un effetto anche sui capelli, che sicuramente sembrano soffrire di crespo.

Mi chiedo spesso se ci sia una soluzione migliore di tutti quegli sforzi individuali per la decalcificazione, ognuno impegnato con il proprio rubinetto e soffione. Mettendo insieme tutti i soldi e il tempo, dovresti essere in grado di addolcire l’acqua collettivamente, giusto? O non ha senso, perché poi deve scorrere di nuovo attraverso tubi vecchi e mal tenuti?

“In Italia abbiamo le città più sporche ma le case più pulite, il debito pubblico più alto ma il risparmio più privato”, ho letto una volta nell’editorialista Mattia Feltri. La Stampa. È quasi un cliché sul rapporto italiano tra sfera pubblica e sfera privata – in fondo la seconda ha sempre la precedenza sulla prima – a cui penso regolarmente quando pulisco i miei filtri anticalcare.

READ  Tuta da lavoro, trovati i 25 mila dispersi nella sede del cognato di Fontana: sequestrati dalla Guardia di Finanza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *