Una casa con le svastiche su Funda: ecco come potrebbe finire secondo il broker

Una casa con le svastiche su Funda: ecco come potrebbe finire secondo il broker

Ma prima la “casa nazista”, come fu presto chiamata. Una casa unifamiliare con un negozio di tatuaggi, nella Groningen Stadskanaal. Piccolo pezzo di terra lì. Venerdì scorso il tutto è stato messo in vendita su Funda per 319.000 euro.

Come di consueto, il sito di vendita può essere visualizzato digitalmente a piacimento. E chi infatti ha sfogliato le foto, non ha potuto ignorare i simboli nazisti. Sulla parete sopra il tavolo da pranzo era appesa un’enorme aquila reale con una svastica stretta tra le gambe, il logo del partito NSDAP di Adolf Hitler.

svastica sul comodino

In camera da letto c’era una bandiera con una svastica su un comodino. E poi c’era il testo estremamente frenetico “Jedem das Seine” sopra lo stipite di una porta. Un testo appeso sopra l’ingresso del campo di concentramento di Buchenwald durante la seconda guerra mondiale che probabilmente non era mai stato letto prima su Funda.

Il sitoweb autocarro postato una foto degli interni notevoli e anche su parra.nu sono apparse diverse immagini. Giornale del Nord ha scritto diversi articoli sulla “casa nazista”.

La casa stessa scomparve qualche tempo dopo da Funda e dal sito di Makelaardij Boekelo, l’ufficio che voleva vendere la casa. Su Facebook, il broker ha offerto “scuse sincere a tutti coloro che si sono trovati di fronte alle foto”. La spiegazione: “A causa di un errore umano, queste foto potrebbero essere state visibili su Internet”.

Ma come, è la grande domanda. Il proprietario Herman Boekelo dell’agenzia immobiliare ha detto oggi a RTL Nieuws che le svastiche erano state ovviamente notate durante una prima visita alla casa. “Abbiamo fatto notare che non era davvero possibile. La casa sarebbe stata vuota”.

READ  Ministro Staghouwer: I supermercati giocano un ruolo nella crisi dell'azoto

Cartella foto difettosa

Questo chiaramente non era il caso quando il fotografo di un’azienda esterna è arrivato, secondo Boekelo prima del previsto, e “ha comunque iniziato a scattare foto”.

Ma non hai notato le svastiche quando le foto sono apparse nella cassetta della posta dell’agente immobiliare? “Decisamente così. Quindi uno dei nostri dipendenti ha messo tutte le foto che davvero non potevano essere fatte in una cartella separata. Ma poi ha caricato la cartella sbagliata”.

Boekelo sospira profondamente mentre dice: “È una coincidenza molto fastidiosa. Sono rimasto completamente scioccato quando ho ricevuto un messaggio di testo da un cliente. Lo troviamo molto fastidioso”.

Colloquio con Funda

La casa non è più in vendita a casa sua, dice. “Vogliamo liberarcene completamente”.

Domani ci sarà una conversazione con Funda sull’intera situazione e Van Boekel sentirà se ci saranno conseguenze per lui dall’intero incidente. “Ci sono broker che pensano che non dovrei mai più essere autorizzato a fare affari su Funda. Ma sono anche concorrenti che traggono un po’ di profitto”.

“È una storia che entra in gioco quando lavori nel mondo.” Una signora che risponde al telefono in un’attività di fotografia domestica ha sentito parlare della casa della svastica. Lo stesso vale per i dipendenti delle varie agenzie immobiliari a cui si rivolge RTL Nieuws.

Le svastiche sono un esempio estremo, anche proibito da mostrare in pubblico. Ma altre osservazioni che possono complicare la vendita di una casa non sono estranee agli agenti immobiliari.

Carola van der Krabben di House to Sell a Den Bosch è l’agente immobiliare che una volta giaceva quasi nel fetore di 65 gatti dietro una porta d’ingresso. “I proprietari hanno anche capito che non a tutti gli acquirenti piacevano i gatti e che ce n’era un numero superiore alla media. Ma a loro stessi piacevano molto questi animali. E poi, è difficile dire che in casa c’è odore di pipì di gatto”.

READ  Lufthansa si scusa per aver impedito agli ebrei di fuggire

Non pulito

La casa alla fine non è stata messa in vendita. Tuttavia, una volta ha venduto la casa molto sporca di un collezionista defunto. “Libri, dischi in vinile, davvero tutto, i piani superiori erano pieni di roba.”

E non è stata la cosa peggiore: “L’abitante non veniva di sopra da anni. Era molto tempo che non veniva pulito. La casa non era stata curata, le finestre erano marce, la moquette era molto sporca”. aveva anche un grosso cane, che poteva passare attraverso una specie di gattaiola in giardino per lasciarsi andare”.

Molto triste, Van der Krabben cita esempi come questo, soprattutto per i parenti che devono vendere una casa del genere. “Hanno preso dodici o tredici contenitori di cianfrusaglie dalla casa.”

La soluzione qui era vendere a un investitore. “Qualcuno che lo aggiusti e lo rivenda. Non sembra così. E non c’è bisogno di scattare foto o mostrare agli spettatori”.

Clientela coraggiosa

Van der Krabben non ha mai incontrato svastiche. E lo stesso vale per Mike de Sprong di MB Makelaars di Breda. Ridendo: “No, penso che abbiamo un’ottima clientela”.

Tuttavia, a volte deve parlare di espressioni di gusto personale in una casa, che possono rendere più difficile la vendita. “Mi sono imbattuto in una sala studio piena di foto di Pim Fortuijn. Dico a questo proposito, proprio come per le foto personali, che è meglio cancellarle”.

Continua: “Se quello è davvero il grande eroe di qualcuno e quelle foto devono rimanere a tutti i costi, allora non stai affatto fotografando quello spazio”.

Cantina SM

Ma anche se si prepara bene la vendita di una casa, durante una visita possono sempre nascere sorprese, De Sprong lo sa. “La ragazza in casa che è ancora a letto dopo una serata fuori e cade improvvisamente sotto il piumone durante il tour, ci sono passato.”

READ  Notevole: questo autunno non c'è stata una sola tempesta nei Paesi Bassi

In precedenza De Sprong ha lavorato per un’azienda che fotografa case in vendita, brochure e siti in vendita. “Una volta ho sentito da un fotografo che si trovava all’improvviso in uno scantinato SM. Non fai foto per Funda per un po'”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *