Van der Burg: cresce la pressione sull’Italia per registrare i richiedenti asilo

Van der Burg: cresce la pressione sull’Italia per registrare i richiedenti asilo


Foto: ANP

Sta aumentando la pressione sui paesi dell’UE in cui arrivano molti richiedenti asilo per smettere di inviarli non registrati nei Paesi Bassi, ad esempio, afferma il segretario di Stato Eric van der Burg (Asylum). Ecco perché spera ancora di “ottenere buoni affari” il mese prossimo. Ciò non era ancora possibile durante la consultazione con i suoi colleghi dell’UE di venerdì sera.

Prima di oggi, Van der Burg ha notato un crescente sostegno in altri paesi dell’UE per un’ulteriore sorveglianza delle frontiere esterne dell’Europa per limitare l’afflusso di richiedenti asilo. Questa è una delle cose su cui i Paesi Bassi insistono per garantire finalmente l’arrivo regolare dei richiedenti asilo in Europa. Questo non è stato possibile per anni perché i paesi dell’UE non riescono a mettersi d’accordo sulla condivisione degli oneri.

Le consultazioni di venerdì sono arrivate quando Italia e Francia si sono nuovamente scontrate sulla gestione di una nave di salvataggio piena di migranti. L’Italia e altri paesi di confine dell’UE ritengono che i paesi del nord, in particolare, stiano accogliendo troppo pochi richiedenti asilo e, ad esempio, stiano bloccando l’accesso alle navi di soccorso che trasportano rifugiati via mare. Ma all’Italia è stato fatto capire che doveva davvero aiutarli, dice Van der Burg. L’Italia non lo ha promesso a parole, ma “non l’ha nemmeno smentito”, assicura il collega ceco, che ha guidato l’incontro.

I ministri della migrazione hanno anche approvato un nuovo piano d’azione della Commissione europea. Ma contiene poche novità, dicono gli esperti. Si incontreranno di nuovo tra due settimane e poi dovranno esserci nuove proposte da parte della commissione. Si aspetta qualcosa da esso, perché anche gli Stati membri stanno facendo pressione sul comitato e “è stato impressionante vedere quanto fosse stretto”.

READ  MotoGP, GP d'Austria. Qualifiche da Spielberg: Vinales in pole, Dovizioso 4 °, Rossi 12 °

Nel frattempo l’Olanda non pensa ad accogliere l’Italia e co e, ad esempio, a prendersi cura dei richiedenti asilo di questi Paesi. “In primo luogo, i paesi devono attenersi ai loro accordi e dobbiamo assicurarci che li rispettino davvero”. Inoltre, non è possibile “finché abbiamo così tante persone nei Paesi Bassi che non possiamo farcela”, afferma Van der Burg.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *