Ad esempio, i grandi fornitori di energia pagano 2 x 190 euro di compensazione

Ad esempio, i grandi fornitori di energia pagano 2 x 190 euro di compensazione

Vatten cade

Vattenfall afferma: “Se sei un cliente con noi il 1° novembre, riceverai 190 euro a novembre. Se sei anche un cliente il 1° dicembre, riceverai altri 190 euro a metà dicembre”.

La società segnala che se i clienti hanno ancora un account aperto, lo sconto verrà detratto da esso.

La società non lo fa con le rate regolari di novembre e dicembre o con un accordo di pagamento corrente. Quindi se non hai fatture non pagate, riceverai semplicemente i 2 volte 190 euro trasferiti.

Essenziale

Essent si accorda con l’importo del deposito. “Regoleremo 190 euro con l’importo del tuo deposito e altri importi ancora in sospeso. Ci auguriamo che tu possa vederlo in Mijn Essent e nella nostra app dal 15 novembre e 15 dicembre. Vedrai l’allocazione di 190 euro sotto ‘Fatture e pagamenti’.

Essent: “Se sei un cliente con noi il 1° novembre, riceverai 190 euro a novembre. Se sei un cliente con noi il 1° dicembre, riceverai 190 euro a dicembre.”

Eneco

Eneco non sa ancora esattamente come pagherà i 190 euro nei due mesi. “Attualmente stiamo lavorando su come verrà pagato esattamente questo compenso. Non appena questo sarà noto, te lo faremo sapere. Puoi contare sul rimborso completo che ti verrà pagato nel 2022”.

scelta verde

A Greenchoice, parole di significato simile. Non è ancora chiaro esattamente come e in che modo il denaro raggiungerà le famiglie.

Greenchoice: “Nei mesi di novembre e dicembre di quest’anno i piccoli consumatori riceveranno un’indennità temporanea di 190 euro al mese come riduzione sulla bolletta energetica. Informeremo i nostri clienti entro il 1 novembre di cosa questo significherà per l’importo della loro caparra .”

READ  In questo modo puoi risparmiare carburante con un riscaldatore da parcheggio nella tua auto | Sulla strada

Diversi fornitori più piccoli affermano di non sapere ancora esattamente come e quando il denaro affluirà ai clienti. Qualcuno può già dire che novembre è comunque troppo presto.

QUESTO

Questa è la società LUI. La società afferma: “La scadenza di novembre non rispetterà l’HEM poiché il governo ha impiegato molto tempo. Diverse società energetiche hanno subito ritardi nell’elaborazione di questo programma di compensazione nei loro processi di fatturazione. Questo vale anche per HM”.

HEM sceglie di pagare 380 euro al cliente tutto in una volta a dicembre. Non è quindi rinviabile a gennaio.

Lo sconto energia non è quindi trattato allo stesso modo per tutti i fornitori di energia, ma i sondaggi del Ministero dell’Economia mostrano che tutti i fornitori sono disposti a partecipare allo sconto. “Non ci sono segnali noti che i fornitori di energia non siano disposti a partecipare”, ha affermato il ministero.

Fallimento?

È anche improbabile che i tuoi soldi siano sul tuo conto dopo gennaio. “L’indennità deve essere corrisposta entro e non oltre 30 giorni dalla concessione del sussidio”, scrive il ministero. “I fornitori di energia devono quindi aver pagato l’indennità di novembre al massimo entro fine dicembre e l’indennità di dicembre entro fine gennaio”.

E se il tuo fornitore fallisse inaspettatamente nel prossimo futuro? Il Ministero: “Inoltre, non è immediatamente possibile dire cosa significhi per il risarcimento del cliente. Un fornitore potrebbe aver già saldato l’indennizzo prima del fallimento. Inoltre, i clienti di provider falliti finiscono con un altro provider. dicembre (data di riferimento dell’allocazione), quel mese riceveranno l’allocazione del nuovo fornitore.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *