Dopo il reclamo di Ymo, la tassa automatica sulle indennità militari terminerà |  Politica

Dopo il reclamo di Ymo, la tassa automatica sulle indennità militari terminerà | Politica

I 700 reduci che ricevono un indennizzo perché feriti dalla violenza della guerra non devono pagare tasse su tale importo. Il gabinetto vuole proporre un accordo entro la fine dell’estate al più tardi. Ciò dovrebbe porre fine alla pratica dell’amministrazione fiscale e doganale che continua a riscuotere le tasse, a meno che gli stessi veterani non si oppongano.

Il segretario di Stato Marnix van Rij (Finanze) sta prendendo provvedimenti a causa del racconto del veterano bosniaco e afghano Ymo Hartzema (47). Venerdì ha raccontato a questo sito della sua battaglia con le autorità fiscali. A causa di un errore del sistema, il fisco continua a riscuotere un’imposta sui salari sul suo assegno di invalidità, anche se la Suprema Corte ha precedentemente stabilito che il premio non può essere considerato stipendio e che è esentasse.

Ogni anno, circa settecento reduci feriti ricevono un risarcimento attraverso il cosiddetto aumento di invalidità speciale (biv). Il Ministero della Difesa paga un totale di 4,5 milioni di euro all’anno. Per alcuni veterani sono poche decine, ma nel caso di Hartzema si tratta di circa 16.000 euro l’anno.

Hartzema ha subito 28 interventi chirurgici, ha un disturbo da stress post-traumatico, mancanza di udito da entrambi i lati e ha i nervi danneggiati. Tuttavia, le autorità fiscali trattengono automaticamente un terzo della sua retribuzione. Si sente derubato, dice. “Questo vantaggio dovrebbe essere una coperta calda per rendere la vita più facile. Ma invece passo ore in complicate procedure di obiezione.

La legge potrebbe essere cambiata

Hartzema non si è arreso ed è saltato sulla breccia, anche per aiutare altri veterani che si trovano sulla stessa barca. Il suo segnale non ha risparmiato i politici. Secondo il Segretario di Stato Van Rij, l’empatia è necessaria. “Non dovrebbe essere il caso che un veterano debba riferire tramite il giornale o un avviso di obiezione”, ha detto martedì pomeriggio durante l’interrogatorio alla Camera dei Rappresentanti. “Queste persone meritano un trattamento migliore”.

READ  Due terzi degli hamburger vegetariani non sono molto salutari

Ecco perché Van Rij promette di trovare una “soluzione permanente”. Se necessario, cambierà anche la legge, ha detto al deputato VVD Folkert Idsinga. Van Rij informerà la Camera entro la fine dell’estate al più tardi. La sua intenzione è quella di “creare un dispositivo permanente per evitare che un beneficiario di quote non debba preoccuparsi del trattamento fiscale”.

Ascolta anche il nostro podcast Politics Close e iscriviti tramite Spotify O Mela:



Guarda tutti i nostri video di politica qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *