Addio Nichi D’Amico, l’astrofisico è morto all’età di 67 anni. “Era un punto di riferimento per chi studia lo spazio, lascia un grande vuoto”

Specialista in fenomeni profondi diuniverso, professore di astrofisica pressoUniversità di Cagliari, presidente diIstituto Nazionale di Astrofisica che guidava dal 2015. L’astrofisico Nicolò D’Amico, ha detto Nichi, è morto all’età di 67 anni: è stato il promotore del radiotelescopio italiano Radiotelescopio sardo.

Nato a Palermo il 28 giugno 1953, sposato e con una figlia, D’Amico si laurea in fisica presso l’Università degli Studi di Palermo nel 1977. In qualità di presidente dell’INAF si impegna a rafforzare relazioni istituzionali a livello internazionale e con il mondo industriale, spingendo principalmente gli enti di ricerca iniziative astronomiche internazionali proiettato nel futuro.

“Sono profondamente addolorato per la perdita di Nichi D’Amico, un grande scienziato italiano – ha commentato Giorgio Saccoccia, presidente diAgenzia Spaziale Italiana (ASI) – Ci mancherà moltissimo. D’Amico lascia un grande vuoto nel campo delle scienze spaziali, a cui ha contribuito personalmente sia come scienziato di fama internazionale che come presidente dell’INAF, sostenendo la partecipazione di scienziati italiani alle principali missioni scientifiche diAgenzia spaziale europea e di Nasa“.

Grazie alla sua determinazione, Nichi D’Amico ha potuto portare a termine, in collaborazione con ASI, anche l’ambizioso progetto del radiotelescopio Sardegna, che ha dato all’Italia unAntenna da 64 metri, da utilizzare sia come radiotelescopio sia come antenna per missioni spaziali lontane. Per il presidente dell’ASI “rimarrà la figura di Nichi D’Amico un punto di riferimento non solo per chi ha avuto il privilegio di collaborare con lui, ma anche per gli studenti che hanno avuto la fortuna di averlo come insegnante. Nel poco tempo che ho avuto, purtroppo, disponibile a conoscerlo e interagire con lui – ha concluso Saccoccia – ho apprezzato la sua grande professionalità e dedizione, ma soprattutto la sua bella personalità e empatia“.

READ  Il vaccino contro il coronavirus russo non convince gli scienziati

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

“Covid può causare danni a lungo termine a polmoni, cuore e cervello”: articolo su Nature

seguente


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *