Afghanistan, ostacolo o santuario? Quale sarà il nuovo stato per Al-Qaeda, Isis & Co. – Corriere.it

di Guido Olimpio

Ex leader dell’Isis ucciso dai miliziani: questo potrebbe significare una linea tattica dura da parte dei talebani. Ma l’effetto mullah sui jihadisti preoccupa molti paesi

La zia ul Haq, ex capo dello Stato islamico in Afghanistan, sarebbe stata uccisa in prigione. Talebani. La notizia diffusa dalla famiglia si è insinuata nel grande dibattito su cosa-fare-terroristi. Un’analisi non facile, visti gli errori e le valutazioni errate delle ultime settimane.

Lezione

Una scuola di pensiero afferma: i mullah hanno imparato la lezione dell’11 settembre. Così nel 2001 hanno perso l’emirato a causa di Osama che ha lanciato l’attacco all’America. Ti ricordi A un certo punto, i sauditi hanno persino provato a ottenere la loro cattura o espulsione. Non è nel loro interesse, almeno a questo punto, creare problemi. Alcuni segnali, infatti, vanno in questa direzione, con contatti discreti, messaggi ai vicini. Per il momento potrebbero godere della vittoria, favorendo la stabilizzazione e il coinvolgimento di settori della società senza aprire un nuovo fronte (subito). Gli altri non si fidano, credere che il lupo sia ancora un lupo, insistere sui legami con i terroristi, crescere nella stessa bolla e sentirsi ancora più invincibile. Sostenitori di Osama, agli occhi dei talebani, erano i compagni a sbagliare. Dobbiamo quindi proteggerli, controllarli ma non svenderli.

La casa madre

il al cuore Ancora Qaeda in queste regioni, i militanti sarebbero concentrati – dicono – al confine pakistano, sono le armi regionali a guidare la lotta. Nel Sahel, Somalia e Medio Oriente. L’attuale leader, l’egiziano Ayman al Zawahiri, ancora in carica, afflitto da problemi di salute e da una difficile situazione logistica. Ora che non ci sono più avversari diretti in Afghanistan, questo potrebbe dare segnali di vita più forti. Nega quelli che pensano che sia morto e salta sul carro della vittoria. Gli esperti temono che riapparirà uno degli agenti più esperti, Seif al Adel, o qualche mujahedin sfuggito alla caccia ai droni.

READ  Enrico Vaime - Corriere.it è morto

Citato a lungo Sirajuddin Haqqani, membro dell’omonima rete responsabile di grandi attentati nella capitale e facente parte di un piccolo consiglio qaedista, quello di Hattin, dal nome della località che fu teatro della grande battaglia contro i crociati. Per i servizi di sicurezza, Sirajuddin indossa il doppio turbante: Talebani e al-Qaeda. A tua disposizione uomini, conoscenti e parenti riservati. Alla fine di maggio, fonti investigative afgane hanno affermato che l’organizzazione godeva di piena protezione e poteva pianificare operazioni all’estero entro 18 mesi. Previsioni allarmate controbilanciate dalla convinzione che il movimento non avrebbe grandi numeri.

Ha perso dirigenti e forse – lo sperano ancora gli ottimisti – non vorrà creare attriti per coloro che da decenni gli danno ospitalità. Forse manterrà la cosiddetta pazienza strategica, una linea obbligatoria che lo ha tenuto a galla nelle stagioni difficili. Tutto questo non esclude sorprese. Sono consuetudine, ma anche motivati ​​da preoccupazioni. Osama ha fondato l’organizzazione per condurre la Jihad, non per la coesistenza pacifica. L’India si sente molto esposta. E in un certo senso lo è Pakistan, che mentre è ancora invischiato nei talebani, deve affrontare i propri jihadisti e i Baluci, una spina nel fianco condivisa con l’Iran.

Lo Stato Islamico

Colpisce duro, ha meno rappresentazione, agisce a livello locale. Tuttavia, non ha bisogno di molto per far scorrere il sangue. Ad oggi non è emerso alcun legame significativo con possibili azioni in Occidente. È possibile che il Califfato stia cercando di attirare gli scontenti, quelli che dopo i combattimenti sono esclusi dalla torta del potere e quelli che avevano altri obiettivi. Le rivoluzioni dimenticano sempre qualcuno. Come, come? gli affiliati del binladismo useranno le immagini caotiche dell’espulsione da Kabul per dimostrare che si può fare, si può vincere. L’importante è resistere. La presunta eliminazione di Zia ul Haq potrebbe essere interpretata come un feroce monito dei talebani, un’azione preventiva per mettere in guardia chi non rispetta il nuovo ordine e poco importa se salutano il bandiera della guerra santa.

La componente etnica

Il santuario afghano accoglie gruppi armati stranieri. tagiki, uzbeki, uiguri (musulmani cinesi) che si stabilirono grazie alla solidarietà islamica. una legione attentamente sorvegliata dai paesi vicini e non solo. Nelle ultime settimane, è stato ipotizzato che i militanti di oggi in Siria e sotto la pressione delle fazioni locali potrebbero decidere di migrare a Kabul. I loro possibili spostamenti furono oggetto di contatti tra i nuovi padroni e gli Stati della regione. A cominciare da Cina e Russia. Niente

READ  Mariarosaria Rossi, che è la Zarina Blu che ha votato Conte - Politica

18 agosto 2021 (modificato il 18 agosto 2021 | 08:15)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *