Aggressione del 6 gennaio 2021, Biden attacca Trump: “L’America non è un posto per autocrati”

“La democrazia ha retto”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ricordando l’assalto al Congresso dei sostenitori del suo predecessore Donald Trump 6 gennaio dello scorso anno. E Biden ha attaccato apertamente il magnate: “Nessun presidente ha mai ostacolato la transizione. Per lui il suo ego è più importante della democrazia”.

“Trump non ha fatto niente”

“Il 6 gennaio è stata un’insurrezione armata e Donald Trump ha tentato di ribaltare elezioni libere, rovesciare la Costituzione e fermare un pacifico trasferimento di potere attraverso un gruppo di teppisti, il mondo intero ha visto con i propri occhi”, ha detto Biden. . “Anche durante la guerra civile, questa cosa è successa. In questo luogo sacro, la democrazia è stata attaccata, un attacco brutale, ma il popolo ha resistito, la democrazia ha tenuto. Donald Trump non ha fatto nulla durante l’assedio di Capitol Hill. Non ha accettato di aver perso, è stato un perdente, ma il suo ego è troppo forte, quindi ha cercato di riscrivere la storia, tessendo una trama di bugie a discapito degli interessi del Paese. È stato battuto con un margine di oltre sette milioni di voti. Non ci sono prove che i risultati delle elezioni presidenziali fossero imprecisi. “

READ  Selezione separata per studenti di 10 °, 11 ° e 12 ° elementare || Autorizzazione del governo del Tamil Nadu a sostenere esami separati per studenti del 10 °, 11 ° e 12 ° grado

I veri patrioti

Per quanto riguarda i repubblicani, Biden ha affermato che molti “sembrano non voler più essere il partito di Lincoln, Eisenhower, Reagan, Bush” e che è “sbagliato e non americano cercare di sopprimere il franchising” come Trump e i suoi sostenitori. .

“Siamo a un punto di svolta nella storia in America e nel mondo, c’è una sfida tra democrazia e autocrazia, vedi Cina e Russia. Dicono che la democrazia è troppo lenta per risolvere i problemi oggi e scommettono che l’America diventerà come loro. Ma non lo faremo mai. Questa non è una terra di re, dittatori o autocrati, siamo una nazione di leggi. I patrioti, dice Biden, non sono stati certamente quelli che hanno attaccato il Congresso, ma i 150 milioni di americani che hanno votato: “Più di 150 milioni i veri patrioti americani, mai così tanti, sono andati alle urne in piena pandemia e io sto rischiando la vita”. “Stiamo combattendo per l’anima dell’America e vinceremo”, ha concluso.

Il discorso di Kamala Harris

Prima di lui, ha parlato il vice Kamala Harris. “Il 6 gennaio è stato un attacco alla democrazia” in cui gli attentatori “hanno tentato di distruggere non solo l’edificio e la vita dei parlamentari, ma i valori, le idee e le istituzioni che generazioni di americani hanno conquistato e difeso nel sangue”, ha affermato. per poi invitare gli americani a “unirsi per difendere la democrazia”.

La risposta di Trump

L’ex presidente Donald Trump ha risposto ai commenti di Biden con una dichiarazione in cui lo accusava di “usare il suo (Trump, ed) per dividere ulteriormente l’America”.

Joe Biden, “che sta distruggendo la nostra nazione con insensate politiche di apertura dei confini, elezioni corrotte, disastrose politiche energetiche, mandati incostituzionali e devastanti chiusure scolastiche, ha usato oggi il mio nome nel tentativo di dividere ulteriormente l’America”. Questa è la prima reazione di Donald Trump al discorso del presidente al Congresso, in cui, senza mai citarlo per nome, ha più volte accusato l’ex presidente di “bugie” sull’esito del voto.

READ  Covid: Spagna, esperienza di successo del primo concerto dal vivo - Ultima Ora

“Questo teatrino politico – scrive in una nota Trump, che ha cancellato una conferenza stampa che aveva in programma stasera tra le polemiche con la commissione d’inchiesta sui fatti del 6 gennaio – non è altro che una distrazione dal fatto che Biden ha mancato completamente e totalmente “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *