È in corso il coprifuoco in Campania e Lombardia. Il Piemonte chiude i centri commerciali. Allerta a Genova

Se non si bloccherà, lo sarà coprifuoco, cioè chiusura totale la sera del giorno. Tra le varie misure previste, il coprifuoco è quello che impedirebbe confinamento generalizzata di cui ha parlato il Primo Ministro. Il coprifuoco, però, parla della permanenza in casa e della mancanza di socialità, soprattutto la sera, che si consuma nei locali durante le ore di straordinario. Ma come è la situazione in Italia? Le regioni, votazioni alla mano, non vanno in un ordine particolare. Per questo il primo Giuseppe Conte ha già messo le mani su: “Dobbiamo, come è il caso, mantenere il coordinamento nazionale, il dialogo costante e la collaborazione in particolare con il ministro della Salute”.

video

Walter Ricciardi al contrario, avrebbe preferito il coordinamento nazionale sì, ma con la chiusura delle attività più rischiose. Una condizione che ridurrebbe le infezioni molto meglio e di più: “Avrei chiuso palestre e il piscina, assolutamente si. Sono sicuro che molti manager le tengono molto bene, ma questi sono luoghi in cui le distanze di sicurezza si accorciano inevitabilmente. E quando succede per milioni di casi … ”, ha dichiarato il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza.

Le regioni su cui arginare l’emergenza Covid regolano il divieto di uscire la sera sono attualmente presenti Lombardia e il Campania. Per i presidenti di queste due regioni questa è la soluzione migliore: chiusura quindi dalle 23:00. alle 5 del mattino. Lo ha chiesto la Regione Lombardia al governo e al ministro della Salute Roberto Speranza Va bene. In effetti, è un mini blocco con tutto ciò che ne consegue: i ristoratori lombardi sono disperati e dicono che il coprifuoco notturno è come la morte. Nel consiglio regionale a Milano nel frattempo, stanno adottando misure per alleviare il Ztl. ÈApprovata a maggioranza in aula una mozione di Forza Italia che chiede di “prevedere, d’intesa con i comuni, la sospensione delle zone B, C e Ztl presenti nelle città lombarde per tutta la durata della pandemia”. Il testo chiede “sospendere il pagamento nelle linee blu favorire l’utilizzo di mezzi privati ​​”e“ integrare il servizio pubblico studiando convenzioni con aziende di trasporto passeggeri private ”.

Luna Campania al contrario, ha già deciso e da questo venerdì 23 ottobre inizierà il coprifuoco. Queste sono le uniche due regioni che hanno optato per la soluzione del coprifuoco. Non è il caso di Lazio, Veneto ed Emilia Romagna.

READ  Il Bayern Monaco umilia il Barcellona e vola in semifinale: finisce 8-2

Gli altri ancora valutano come dati sulle infezioni di coronavirus ma la tendenza è quella di chiudere gradualmente le aree e i giorni in cui la densità di popolazione può rappresentare un’emergenza. Così è acquisti, il mossae anche il file scuola. Se non è il coprifuoco, siamo vicini. RI.Inoltre, domani avrà luogo un incontro in videoconferenza tra i sindaci delle città metropolitane e il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese. Sarà anche l’occasione per chiedere mezzi, risorse e uomini perché nei prossimi giorni vengano preparati controlli nelle piazze e nelle strade.

Covid, sarà un Natale senza mercatini: Bolzano e Trento verso la fermata

Chiusura graduale

Solo poche strade si avvicinano Liguria, e in particolare a Genova, dove si sta prendendo in considerazione la chirurgia della vita notturna. In alcuni quartieri di Genova “non si tratterà di vere e proprie serrate, ma di possibili chiusure al raduno di alcuni quartieri della città che si preparano alla sovrappopolazione. Stiamo valutando di non poter sostare in alcune piazze e vie affollate in certi giorni della settimana ”, conferma il presidente della Regione Ligure Giovanni Toti, che promette: Sarà una misura morbida ”.

il Piemonte chiudo io centri commerciali Sabato e domenica, tranne quelli per il cibo. Lo ha annunciato il presidente Alberto Cirio, intervenendo a Tagadà su La7. “Entro questa sera firmerò un’ordinanza che chiude i centri commerciali il sabato e la domenica in tutta la regione e che, quindi, tiene aperti solo la parte alimentare e solo le farmacie, quindi quelle che sono i generi di prima necessità. “. Inoltre, viene introdotto l’obbligo per le classi secondarie da seconda a quinta, da monitorare l’apprendimento a distanza digitale per almeno il 50% dei giorni, in alternanza con la frequenza alle lezioni.

Nel Toscana, il sindaco del capoluogo Dario Nardella ha preparato un elenco di aree in cui è possibile vietare alle persone di parcheggiare per evitare raduni: “Szone aranno del centro storico, anche molto rinomate, tipiche della movida di Firenze, come piazza della Repubblica, piazza Strozzi e S. Ambrogio. Ci sarà un divieto di parcheggio ”. “Manterremo la quota di piazza S. Spirito – ha aggiunto Nardella -. È ovvio che occorrono agenti: vedremo qual è la disponibilità delle forze dell’ordine per capire in quali zone possiamo applicare efficacemente questi limiti. Non c’è bisogno di farlo. ‘imponiamo queste regole se non possiamo rispettarle con i controlli. ”Infatti un coprifuoco, o comunque un invito a non uscire la sera.

Nel Calabria sono attive diverse zone rosse, quindi isolate. Le zone rosse, in vigore dal 16 ottobre, sono state istituite a Sant’Eufemia d’Aspromonte, in provincia di Reggio, ea Torre di Ruggiero, in provincia di Catanzaro. Lo ha deciso con le proprie ordinanze Nino Spirlì, presidente ad interim della regione dopo la morte del governatore Jole Santelli.

Nessun coprifuoco in questo momento

Nel Veneto non c’è coprifuoco. “Quello che abbiamo presentato oggi è un progetto ospedaliero, su altre iniziative dettate da altre figure e su cui si dialoga a livello nazionale è un altro gioco. Oggi, in Veneto , all’orizzonte non si pensa al blocco o al coprifuoco ”. Lo ha detto ai giornalisti il ​​consigliere regionale per la salute Manuela Lanzarin. Il piano di sanità pubblica – è stato spiegato in conferenza stampa – è un piano di sicurezza passiva a fronte del crescente numero di pazienti, mentre le decisioni di lockdown rientrano nella sicurezza attiva.

READ  Messi chiede alla Fifa una CTI: vuole andarsene! Il Barcellona non c'è, l'Inter studia il piano. E c'è l'offerta del Comune | Prima pagina

Persino il Lazio per il momento non è in corso un’ordinanza che limiti la libera circolazione serale.

“In questo momento, dentro Emilia romagna, dato l’andamento dei contagi, non è necessario il coprifuoco. Quando abbiamo dovuto chiudere, non abbiamo esitato, come è successo a Medicina ”. Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, vive su Skytg24. “Preleviamo più di 15.000 campioni al giorno e migliaia di test sierologici – sottolinea – e abbiamo più di 85 unità mobili sul campo che tornano a casa. Per questo siamo diventati una delle regioni meno infette ”. “Non dobbiamo lasciarci ingannare dalla paura – conclude Bonaccini – ma essere pronti, in ogni momento, a prendere decisioni ea fare nuove restrizioni. Dobbiamo seguire la tendenza epidemiologica: se facciamo le cose per bene, possiamo resistere a questa seconda ondata ”.

Ultimo aggiornamento: 17:54


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *