All’UvA rivivono le critiche alla “cultura del risveglio”: il sociologo si dichiara malato, gli studenti lanciano petizione

All’UvA rivivono le critiche alla “cultura del risveglio”: il sociologo si dichiara malato, gli studenti lanciano petizione

Alla Facoltà di Scienze Sociali dell’Università di Amsterdam (UvA), nelle ultime settimane si è parlato molto delle dichiarazioni sulla woke culture del sociologo Laurens Buijs. Lo scienziato si è poi dichiarato malato all’università e tre studenti hanno avviato una petizione contro Buijs.

Il sociologo dell’UvA ha scritto il 18 gennaio sulla piattaforma giornalistica dell’università, Folia, a pezzo di opinione che la cultura del risveglio che prevale all’UvA minaccia la libertà accademica della sua facoltà. Secondo Buijs, “la politica della diversità nella sua forma attuale è un cavallo di Troia, con il quale le idee radicali ‘svegliate’ vengono introdotte nell’organizzazione e normalizzate alla velocità della luce”.

Ha anche scritto che vede il “fenomeno” del non binario e “l’ossessione del pronome che ne consegue” come una vuota montatura. Buijs ritiene che non sia possibile un dibattito sulle sue dichiarazioni e che venga descritto come una “persona cattiva”. “Se faccio un commento del genere, tocca quelle persone così profondamente che non c’è spazio per il dibattito lì. È a un livello così personale”, ha detto Buijs. ALLE 5 sapere, sapere.

“Conversazioni intense”

Il sociologo si è anche rivolto al Comitato esecutivo (CvB) come informatore lamentando la minaccia alla libertà accademica. Dopo un primo incontro, l’UvA ha annunciato che le sue denunce sarebbero state prese sul serio e che avrebbe istituito una commissione esterna per indagare. Secondo l’università, il processo di composizione è ancora in corso, quindi non può pronunciarsi su quando la ricerca dovrebbe essere completata.

Buijs registri ALLE 5 che si è già dichiarato malato. Nonostante la sicurezza che è stata messa in atto per lui, non si sente al sicuro all’università e anche le discussioni con il consiglio sono andate male. “C’est devenu si haut et nous ne pouvions pas en sortir. Je veux que la relation avec la direction et le conseil d’administration s’améliore avant de recommencer à travailler. Sinon, je ne me sens pas protégé”, dit- egli.

READ  L'azoto rappresenta anche una minaccia per la salute pubblica

“Credo sia importante che la ricerca inizi il prima possibile. Nell’ultima riunione con il Consiglio di amministrazione non abbiamo raggiunto un accordo sui presupposti. Ho ora indicato al Consiglio di amministrazione che sono aperto a ulteriori discussione su questo argomento”. Buijs menziona anche che il contatto con l’UvA è attualmente scarso. “Questo problema è diventato un punto controverso. Devo aver toccato una corda. Spero che le cose si calmino ora.”

‘negazione dell’identità’

Dopo il pezzo di opinione di Buijs, c’è stato molto trambusto tra un gruppo di studenti e sui social media. Ad esempio, sono stati fatti appelli all’UvA attraverso diversi canali per sospendere immediatamente Buijs. Inoltre, c’era un petizione lanciato da tre studenti per rendere UvA un “luogo sicuro per le persone non binarie”. Insieme alla petizione, gli studenti hanno anche scritto una lettera al consiglio di amministrazione dell’università, in cui si afferma, tra le altre cose, che Buijs sta “usando impropriamente le sue piattaforme per diffondere commenti di odio contro le persone non binarie”. Secondo gli studenti, il sociologo nega così “l’identità di un gruppo di studenti e insegnanti”.

Raisa Mulder, una delle studentesse che ha avviato la petizione, dice che vorrebbe parlare con l’UvA per creare un ambiente di apprendimento più sicuro. “Preferiremmo vedere una sorta di piattaforma aperta in cui studenti e insegnanti non binari possono condividere le loro esperienze e fornire punti di miglioramento. Speriamo che il consiglio lo prenda sul serio”.

Buijs dice che è “buono” che gli studenti prendano posizione sulla questione e inizino una petizione. “Purché abbiano buone argomentazioni. Voglio incoraggiare gli studenti UvA ad approfondire questa discussione e raccogliere informazioni da diverse parti. Questo è un argomento importante che riguarda il futuro della loro istruzione.

READ  Perché spesso abbiamo un'opinione così negativa di noi stessi? † Storie dietro le notizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *