Alzheimer, i cambiamenti silenziosi nel cervello che precedono la malattia (fino a 18 anni prima della perdita di memoria)

Alzheimer, i cambiamenti silenziosi nel cervello che precedono la malattia (fino a 18 anni prima della perdita di memoria)

Una ricerca di venti anni ha svelato i segreti dell’accumulo di proteine nel cervello legato all’Alzheimer.

Uno studio condotto in Cina ha analizzato adulti di mezza età e anziani per due decenni, rivelando che i futuri pazienti di Alzheimer avevano livelli più elevati di beta amiloide nel liquido cerebrospinale fino a 18 anni prima della diagnosi. Il nuovo studio ha anche identificato livelli anomali di proteina tau fosfolilata 11 anni prima della diagnosi e danni neuronali 9 anni prima.

I biomarcatori nel liquido cerebrospinale si modificano diversi anni prima dei sintomi clinici, spiegando la limitata efficacia dei farmaci anti-Alzheimer. I biomarcatori plasmatici potrebbero essere utilizzati per individuare persone a rischio di demenza e selezionare candidati ai farmaci prima dei sintomi.

Con la giusta prevenzione, potrebbero essere prevenute 4 diagnosi su 10 di Alzheimer. I biomarcatori potrebbero aiutare ad individuare pazienti con pressione alta, diabete o resistenza all’insulina a maggior rischio di Alzheimer.

READ  Malaria: cause, prevenzione e sintomi da non sottovalutare - Hamelin Prog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *