Ammenda da record per le autorità fiscali a causa di una lista nera

Ammenda da record per le autorità fiscali a causa di una lista nera

L’Autorità olandese per la protezione dei dati (PA) infligge una sanzione record di 3,7 milioni di euro al Ministero delle Finanze per la cosiddetta Fraud Signaling Facility (FSV) delle autorità fiscali, una black list su cui le autorità fiscali conservavano i dati personali di potenziali truffatori per anni. Secondo l’AP, le autorità fiscali hanno violato la legge sulla privacy del GDPR per numerosi motivi.

In precedenza, il supervisore aveva già imposto a multa di 2,75 milioni di euro a causa del caso dell’assegno per la custodia dei figli, in cui i genitori hanno dovuto restituire molti soldi a seguito di falsi sospetti di frode. Secondo l’AP, le autorità fiscali da anni trattano la doppia nazionalità dei genitori in modo illegale, discriminatorio e quindi abusivo.

Anche le vittime dello scandalo dei benefici a volte finivano nella lista nera, ma questa lista non si limitava ai benefici. Poiché la lista nera riguarda un gruppo più ampio, la multa è più alta, secondo l’AP.

Le sanzioni che devono essere pagate dall’Agenzia delle Entrate al controllore sono trasferite all’erario. Le multe vengono riscosse dalla Central Judicial Collection Agency (CJIB), un’agenzia governativa sotto il Ministero della Giustizia e della Sicurezza. L’amministrazione fiscale e doganale ricade sotto il ministero delle Finanze, con il ministro Kaag in ultima analisi, motivo per cui viene ufficialmente multata.

“È vero che la multa andrà al tesoro pubblico. Ma si tratta di molto di più”, afferma Caspar Itz di AP. “Con le sanzioni indichiamo cosa è consentito e cosa non è consentito. L’importo della sanzione indica anche la gravità della violazione”. Inoltre, la multa costringe anche le autorità fiscali a modificare il proprio comportamento e fermare questa pratica, aggiunge.

READ  l'acquisto in termini evita la confisca, anche senza trascrizione

vittime

Nella lista nera, per la quale ora il fisco è multato, c’erano in totale 270mila persone, di cui 2mila minorenni. Sono state registrate anche le imprese.

Dal 2013 a marzo 2020 l’amministrazione fiscale e doganale ha registrato i dati anagrafici di possibili truffatori. I predecessori di questo sistema esistevano dal 2001. Il sistema è stato interrotto quando la ricerca ha dimostrato che violava la privacy delle persone. I dati personali sono stati conservati troppo a lungo, senza un motivo valido o uno scopo chiaro, e troppi dipendenti dell’amministrazione fiscale hanno avuto accesso al sistema poco protetto.

Le persone finivano nella lista nera se l’amministrazione fiscale e doganale riceveva i cosiddetti segnali di rischio. È stato recentemente riferito che sono stati trovati libri di testo che mostrano che la nazionalità e l’età hanno avuto un ruolo, secondo due nuovi studi della società di consulenza e contabilità PwC. Una donazione a una moschea potrebbe anche indicare un rischio di frode fiscale.

Inoltre è stato redatto il seguente “profilo delinquente”: “qualcuno con, tra l’altro, un reddito basso, uno stipendio medio, generalmente giovane (…) e spesso di origine straniera”.

Le autorità fiscali avevano precedentemente affermato che da 5.000 a 15.000 persone avevano subito danni finanziari dalla lista nera. Ad esempio, non hanno beneficiato della ristrutturazione del debito o del finanziamento degli studenti, oppure hanno incontrato problemi finanziari in altri modi. È anche possibile che la loro dichiarazione dei redditi fosse controllata in modo più rigoroso dalle autorità fiscali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *