‘Anche 10 miliardi di persone possono mantenere la terra vivibile’

L’acqua dovrebbe svegliarci. Nelle ultime settimane è stata tutta una questione di acqua, o meglio di mancanza di acqua. Ma con i primi acquazzoni, l’attenzione sembra calare. Mentre l’acqua, l’acqua dolce, è la più grande crisi ambientale che l’umanità deve affrontare.

“Viviamo in un Paese che getta in mare il 90% della sua acqua dolce. E anche noi siamo di fronte alla mancanza d’acqua”, spiega Cees Buisman. “Questo dovrebbe darti spunti di riflessione. E lo è, ma per un po’. Il nostro problema con l’acqua sarà presto risolto. Ma oggi, 4 miliardi di persone vivono con uno stress idrico cronico. È metà della popolazione mondiale”.

Buisman è professore di tecnologia ambientale all’Università di Wageningen e direttore di Wetsus, un istituto di ricerca per e per i settori dell’acqua, a Leeuwarden. Il problema è che non possiamo fare l’acqua, nemmeno il direttore dell’istituto idrico Wetsus. “Puoi dissalare l’acqua di mare. Ma le strutture di cui hai bisogno sono enormi e richiedono molta energia. Guarda l’Arabia Saudita. Questo è dove succede. Ma questo può funzionare solo per l’approvvigionamento di acqua potabile delle città.

La desalinizzazione per fornire acqua di irrigazione all’agricoltura è impossibile, afferma Buisman. “L’acqua di mare contiene poco meno del 4% di sale. Se dissali un metro cubo di acqua di mare, 1000 chili, ti restano 40 chili di sale. Ma con un metro cubo d’acqua possiamo produrre al massimo un chilo di cereali. Un po’ di grano e un pizzico di sale. Non si può fare.

2300 litri a persona

Dal momento che non possiamo produrre acqua, dobbiamo accontentarci di ciò che il mondo ha. Questo rende l’acqua il problema ambientale centrale, secondo Buisman. “Quando si parla di cambiamento climatico, le persone possono ancora pensare: installiamo turbine eoliche e pannelli solari e basta. Questo non è possibile con l’acqua, poiché le scorte disponibili sono limitate.

Se dividi equamente questa scorta disponibile, ogni abitante del mondo potrebbe consumare 2300 litri di acqua al giorno. Sembra molto, perché ora sommi le docce, i lavaggi e la tua tazza di tè nella tua testa, e sei lontano da quel numero. Ma l’olandese medio consuma 4000 litri di acqua al giorno.

La maggior parte di questo è nella produzione del nostro cibo, e in particolare di prodotti animali come carne e latticini. È acqua in parte invisibile, come la chiama Buisman. “Vediamo l’acqua potabile che esce dal rubinetto, vediamo l’acqua che usa l’agricoltore, ma non vediamo le grandi quantità di acqua che sono necessarie in altre parti del mondo per produrre grano, mais e mangimi per animali che noi importare. . »

Da tutte queste crisi – acqua, clima, materie prime – traiamo qua e là la conclusione che viviamo con troppe persone sulla terra. Buisman lo contesta in un libro, anzi in un saggio, appena uscito. In L’uomo non è una piaga mostra che c’è spazio per 10 miliardi di persone o più. La crescita della popolazione mondiale, che si arresterà in questo secolo, non è il problema. Il problema è che devi cambiare il mondo.

La tecnologia non lo risolverà

Ci si aspetterebbe che un ingegnere di Wageningen come Buisman faccia molte scoperte tecnologiche, ma non è così. Buisman mostra che la tecnologia da sola non porterà il cambiamento necessario. “Sono un tecnologo ambientale da quarant’anni. Sono andato a studiare tecnologia ambientale perché volevo risolvere il problema ambientale – così si chiamava ancora allora: il problema ambientale. E ho visto che non funzionava. Più cose pulite ed economiche produciamo, più persone consumano. All’inizio ho iniziato con entusiasmo, ma ora ho studenti che mostrano nella loro dissertazione come la tecnologia ambientale può danneggiare il mondo.

Le possibilità della scienza e della tecnologia sono limitate. Anche questi hanno i loro limiti, mostra Buisman nel suo saggio. Sono anche usati in modo improprio, dice. “Nel mondo di oggi, vengono sviluppate solo tecnologie che possono essere utilizzate per fare soldi. La tecnologia non riguarda la risoluzione dei problemi, ma il guadagno.

Ora prendi il succo di carota. Ricco di nutrienti, ottimo per la digestione. Ma non lo vedrai pubblicizzato in TV. Ci sono solo bevande a base di latte con probiotici, che sono “scientificamente dimostrati per aiutare a mantenere sano l’intestino”. “Beh, se qualcosa ha bisogno di prove scientifiche da vendere, devi stare in guardia”, dice Buisman.

In che mondo vogliamo vivere?

Dovremmo solo sviluppare tecnologie che rendano davvero il mondo un posto migliore. Tecnologie coerenti, come le chiama Buisman. Fa alcuni esempi nel suo libro (vedi riquadro). “Dobbiamo prima determinare in quale mondo vogliamo vivere e adattare la nostra innovazione di conseguenza. Potremmo dire: vogliamo un mondo con fiumi puliti. Cosa dobbiamo fare per questo? E in questo modo puoi formulare più obiettivi per l’innovazione.

Ciò richiede una nuova forma di coscienza. Ed è già in crescita, sostiene Buisman. È da lì che trae il suo ottimismo e la convinzione che anche con 10 miliardi di abitanti la terra sarà abitabile. Seguendo il filosofo americano Ken Wilber, Buisman vede un’evoluzione nella coscienza dell’umanità.

Nasce dalla coscienza “magica” dei cacciatori-raccoglitori, in un’era preistorica a volte glorificata oggi, ma dove era estremamente violenta, dove mancavano ancora scienza e cultura, e dove prevaleva l’egocentrismo. Poi venne la coscienza “mitica” della società agraria. La cooperazione sta emergendo e le prime strutture collettive. E Dio predominava.

Deve essere stato spazzato via quando la rivoluzione industriale ha portato la coscienza razionale. La scienza e la tecnologia suggerivano che non c’erano più miti. La vita non aveva uno scopo più alto, era semplicemente un gioco d’azzardo di particelle elementari. Ci furono grandi progressi economici, accompagnati da una crescente uguaglianza, la schiavitù fu abolita, ma anche l’inquinamento ambientale e lo sfruttamento eccessivo.

Coscienza Integrale

Nell’era razionale, mezzo secolo fa è emerso il pluralismo, con movimenti collettivi per la libertà, i diritti civili e la protezione dell’ambiente. E ora, dice Buisman, siamo alla vigilia di una nuova coscienza: la coscienza integrale. In questo documento, tutti i passaggi precedenti non vengono abbandonati, ma integrati e portati a un livello superiore.

Cosa sono le persone pienamente coscienti? “Le persone coscienti integrali pensano con il cuore. Apprezzano la ragione e il sentimento. Desiderano la completezza. E hanno una prospettiva globale. Vedono la siccità nel mondo e non solo nel loro stesso fiume. E vedono un mondo che ha bisogno di cure e compassione.

Questa coscienza integrale è ancora rara, al massimo il 5% delle persone ce l’ha. Ma la storia ha dimostrato che il 10% è sufficiente per portare l’umanità a un livello di coscienza più elevato. Questo rende Buisman ottimista.

Prendi il succo di carota

Dimentica le costose bevande al latte con i probiotici, bevi il succo di carota. Questo è il motto di Buisman per lo sviluppo di tecnologie che non massimizzano il profitto ma migliorano il mondo.

Come:

Groasis Waterboxx: una scatola di cartone con un foro attraverso il quale crescerà un albero. Un solo riempimento d’acqua è sufficiente per avviare l’albero. Un’invenzione olandese e un metodo semplice per ripristinare le numerose foreste abbattute dall’uomo, rendere nuovamente abitabili le zone aride e mitigare i cambiamenti climatici.

escrementi umani: sono un ottimo fertilizzante per l’agricoltura, ma finiscono nelle fognature e i fanghi di depurazione non vanno usati in agricoltura perché contengono troppi metalli pesanti. Raccogli le feci umane in un sistema separato. E rendere riutilizzabili i fanghi di depurazione; contiene, tra l’altro, fosfato, un nutriente importante per piante e animali. Ora gli forniamo fertilizzante, mentre i fanghi di depurazione vengono inceneriti.

Allevamento a strisce: le monocolture intensive dell’agricoltura moderna stanno raggiungendo i loro limiti, per impoverimento del suolo, fitopatie, morte di insetti fertilizzati, ecc. Sostituire queste monocolture con colture di striscia. Riduce la larghezza di una moderna macchina agricola e diverse colture a strisce affiancate. Questo è anche produttivo e più resistente a malattie e parassiti.

Medicinale: La via chimica della farmacia crea nuovi problemi, come agenti patogeni che diventano resistenti agli antibiotici. Ripristina la fitoterapia, investi nella ricerca di rimedi naturali per le malattie (infettive).

Cees Buisman; L’uomo non è una piaga. A proposito di vivere con 10 miliardi di persone sulla terra; casa editrice Noordbook; 166 pagine; 17,90€.

Leggi anche:

Dobbiamo ascoltare l’acqua

Passiamo dall’alluvione alla siccità, dal trasformare l’acqua in amare l’acqua. Cos’è l’olandese rapporto con l’acqua?

READ  Questa festa techno ti renderà molto più in forma e più sano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *