Anche Ben & Jerry’s non riesce a smettere di vendere gelati in Israele in tribunale |  ADESSO

Anche Ben & Jerry’s non riesce a smettere di vendere gelati in Israele in tribunale | ADESSO

Un tentativo del marchio di gelati Ben & Jerry’s di vendere la sua filiale israeliana attraverso un tribunale è fallito. Un giudice di New York ha respinto la richiesta del marchio statunitense di un’ingiunzione preliminare nel caso contro la casa madre Unilever.

Al centro del conflitto c’è la vendita del gelato Ben & Jerry’s in Cisgiordania. Ben & Jerry’s ha attirato le ire di molti israeliani annunciando che non venderà più gelati negli insediamenti israeliani in territorio palestinese.

La Unilever ha quindi annunciato a giugno che avrebbe affidato le operazioni israeliane di Ben & Jerry a un’altra parte. Ciò consente a Ben & Jerry’s di rimanere disponibile nelle colonie con nomi sia ebraici che arabi.

Il marchio di gelato, con un’immagine militante, non si è lasciato andare e ha avviato un’azione legale. Per quanto riguarda la sua missione sociale, il marchio gode da molti anni di una notevole autonomia all’interno di Unilever. Ben & Jerry’s ha affermato che l’integrità del suo marchio sarebbe stata compromessa dalla vendita.

Il giudice semplicemente non è d’accordo con questo ragionamento. Ha definito le affermazioni di Ben & Jerry “troppo speculative”, tra le altre cose. Il marchio dei gelati non avrebbe dimostrato di subire un danno irreparabile se si concretizzasse l’accordo raggiunto da Unilever.

READ  Moda e lusso, da colpo duro Covid (-28%) ma il made in Italy pensa alla ripartenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *