“Anche chi ha preso la prima dose è infettato da Covid, l’età delle gocce infette”

ASCOLI – Il Piceno, insieme al Fermano, è attualmente l’area meno colpita dal boom di contagi che ha colpito la parte settentrionale delle Marche e che ha portato la regione ad essere inclusa zona rossa. Il parametro che obbliga ad inserire una zona nella fascia con i maggiori vincoli è quello di 250 casi ogni 100.000 abitanti.

LEGGI ANCHE

Avocado positivo due volte l’anno: “Mio marito ha preso AstraZeneca, 10 giorni dopo ho avuto di nuovo il virus”

Attualmente, in provincia di Ascoli, il dato è di poco superiore a 180. Non è facile la situazione in terapia intensiva, di cui il 60% è occupato in tutta la regione da pazienti positivi per Covid. Ad Ascoli, invece, il laboratorio di biologia molecolare dell’ospedale Mazzoni si occupa dell’analisi quotidiana dei tamponi, elemento fondamentale per l’identificazione del virus e l’analisi delle varianti.

Le varianti
“La situazione è stata aggiornata qualche giorno fa ma fino alla scorsa settimana sul nostro territorio prevale la variante inglese” sottolinea il direttore del laboratorio di biologia molecolare dell’ospedale Mazzoni, Antonio Fortunato “È una variante che sembra avere una maggiore contagiosità e diffusione, ma dal punto di vista della gestione dei pazienti e della terapia applicata non ci sono molte differenze. L’età media è calata: per il momento siamo tra i 40 ei 50 anni “, sottolinea Fortunato.” Qualche giorno fa abbiamo esaminato anche campioni di Urbino, ma nella nostra regione la percentuale di positivi sta diminuendo, ma non ancora in modo significativo, ma sicuramente c’è stata una diminuzione.Non è detto che i vaccinati siano esenti sono stati pochi i casi di qualcuno che è stato contagiato dopo la prima dose di vaccino “, sottolinea Fortunato. Pasqua, gli scolari dovrebbero tornare andare a scuola. Segno che fa presagire un ritorno alla normalità che tutti sperano e uno dei metodi a cui stiamo pensando per tornare alle lezioni faccia a faccia è quello di utilizzare test rapidi da eseguire su un campione di saliva su tutti. studenti. Il processo di validazione di questi dispositivi è in corso da parte dell’Istituto Superiore di Sanità.

READ  Causa Covid grave negli anziani vaccinati

LEGGI ANCHE

Una persona ferita nella controversia tra un automobilista e un conducente di un veicolo sanitario di emergenza. L’accusa: “Stava andando troppo piano”

Casting per il film con Depardieu e Isabella Orsini. Ecco come partecipare

Tamponi di saliva
“L’efficacia è la stessa degli altri assorbenti interni. La differenza riguarda il fattore di utilizzo: invece di usare il bastoncino che tocca la superficie della faringe o delle cavità nasali, aspiriamo un po ‘di saliva e cercheremo il virus Sars Cov 2 – prosegue Fortunato – L’efficienza è l’. , ma l’unico problema è avere metodi di certificazione d’uso, perché non tutti i metodi sono adattabili alla saliva. Il produttore del reagente deve garantire che l’uso possa essere efficace ”, aggiunge il direttore del laboratorio di biologia molecolare. “Non analizziamo tamponi di laboratori privati. I loro rapporti passano attraverso il nostro sistema informatico e poi arrivano alle statistiche regionali ma non li vediamo affatto. Per il momento il drive in all’ospedale Mazzoni è ancora attivo, e lo rimarrà sicuramente per qualche mese per poter continuare ad osservare un numero consistente di campioni ”, conclude.

Ultimo aggiornamento: 07:14


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *