Assistenza medica insufficiente per i richiedenti asilo nei centri di accoglienza di emergenza | ADESSO

I richiedenti asilo nei centri di accoglienza di emergenza non ricevono cure mediche sufficienti. A volte ricevono solo cure di emergenza, quando hanno diritto alle stesse cure di tutti gli altri nei Paesi Bassi. L’Ispettorato della salute e della gioventù (IGJ) ha concluso questo mercoledì.

In luoghi regolari, è possibile fornire ai richiedenti asilo cure mediche sufficienti, secondo l’IGJ.

Secondo l’Ispettorato, l’assistenza ai richiedenti asilo soffre “seriamente” le “condizioni di crisi attuali”. Il supervisore ha quindi inviato mercoledì una chiamata di emergenza al ministro Ernst Kuipers (Sanità pubblica) e al segretario di Stato Eric van der Burg (Asilo).

Rifugi di emergenza sono stati allestiti in tutto il paese, ad esempio nei palazzetti dello sport e negli edifici vuoti. I richiedenti asilo sono lì perché non c’è spazio nel centro di richiesta sovraffollato. Anche lì i centri per richiedenti asilo sono pieni.

Gli operatori sanitari devono improvvisare in questi luoghi. A volte sono costretti a offrire meno cure ai richiedenti asilo. E se forniscono assistenza, non sempre viene eseguita secondo gli standard e le istruzioni che si applicano a tutti, secondo l’Ispezione.

L’Ispettorato attribuisce i problemi al gran numero di richiedenti asilo e ai luoghi di accoglienza, alla mancanza di personale e all’elevato carico di lavoro. Per questo l’IGJ vuole che il gabinetto prenda misure per evitare che “l’assistenza ristagni ulteriormente” e per “accelerare le disposizioni strutturali per una buona accoglienza dei richiedenti asilo”.

READ  nel 2022 sulla bolletta elettrica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.