Astronave, torre di lancio e preparazione del test orbitale | Aggiornamenti Starbase

Il successo ottenuto da SpaceX con il suo prototipo Starship SN15 ha finalmente aperto la strada a una nuova fase per l’azienda aerospaziale, che può finalmente guardare al futuro con più ottimismo. I prossimi mesi potrebbero rivelarsi particolarmente interessanti e il motivo è presto detto, SpaceX potrebbe cambiare marcia e passare alle fasi successive del suo progetto.

Come accennato più volte, gli attuali prototipi di Starship sono solo una parte dell’equazione, poiché è solo la navicella ad essere stata testata fino ad oggi. Manca ancora il primo stadio Super Heavy, ovvero il booster che si prenderà cura della spinta nella fase iniziale, e tutta la struttura di supporto per questa operazione.

Se con Falcon 9 SpaceX ha quasi raggiunto l’eccellenza ed è notizia recente quella con l’unità B1051 è stato stabilito un nuovo record di riutilizzo, con Super Heavy e Starship, le cose saranno più complicate. Nei giorni scorsi sono finalmente emersi i piani per il primo test orbitale, grazie alla concisa documentazione che SpaceX ha presentato alla FCC. Secondo i rapporti, il furto non avverrà fino al 30 giugno (ma anche luglio è improbabile, agosto sembra sicuramente essere il mese più probabile).


SpaceX Starship, dettagli del primo test orbitale svelato dalla FCC


Tecnologia
14 Mag

Fino al prototipo della Starship SN15, i movimenti di SpaceX erano più chiari, ma ora la situazione lascia aperte diverse possibilità e tra queste un possibile riutilizzo del primo prototipo vincitore. Vediamo quali sono le notizie, grazie a questo riepilogo basato su feed della comunità che osserva da vicino ogni mossa nell’area di Boca chica, in Texas.

STARSHIP SN15 ASPETTANDO SUL PAD: VUOI VUOI VOGLIA?


Dopo il successo dell’ultimo test orbitale, Elon Musk lo ha detto su Twitter SN15 potrebbe essere volato di nuovotuttavia, da quel giorno, non ha fornito alcun aggiornamento in merito. Siamo quindi entrati in una fase di incertezza e le poche informazioni a disposizione sono, come sempre, il risultato dell’osservazione di quanto sta accadendo a Starbase: così è stata ribattezzata l’area SpaceX di Boca Chica.

READ  WEEKEND spiagge WEEKEND, come sarà il tempo lungo le coste italiane e la temperatura del mare «3B Meteo

L’astronave SN15 ha parcheggiato per alcuni giorni sulla piattaforma di atterraggio, prima di essere spostata sulla piattaforma di lancio B. Si può definire un piccolo record, tenendo conto che il suo test in quota è partito dalla piattaforma di lancio A. Nel caso in cui dovesse volare di nuovo , questa sarà la prima nave ad essere riutilizzata e trarrà vantaggio da entrambe le piattaforme di lancio.

A quanto pare il veicolo è attualmente sottoposto a un’ispezione completa, con un occhio particolare ai motori Raptor, che attendono di essere nuovamente ammessi a circolare. E quindi ci sono diverse opzioni al momento per l’SN15, in quanto potrebbe ricominciare da capo con alcuni test a terra, che potrebbero includere un nuovo test criogenico seguito dal test di accensione statica del motore. Ma non si può nemmeno escludere che a seguito dell’ispezione si decida di volare velocemente. Per il momento non ci sono certezze.

STARSHIP SN16


Mentre il destino dell’astronave SN15 continua ad essere nuvoloso, SpaceX lavorando sul prototipo Starship SN16, che potrebbe persino convincere SpaceX a saltare i seguenti numeri per passare direttamente alla costruzione Starship SN20, il modello progettato per il test orbitale di luglio.

Per ora, sappiamo che la sonda è in fase di preparazione finale ad High Bay, ma quello che sembrava un percorso abbozzato (e probabilmente lo sarebbe stato se SN15 avesse fallito) al momento non è chiaro. Le foto più recenti suggeriscono che il lavoro di assemblaggio finale sia stato congelato, o almeno rallentato. Ad esempio, è chiaro che le piastre di prova dello scudo termico non sono ancora state applicate allo scafo dell’SN16. Sebbene questi non siano ancora funzionanti, il test in quota dell’SN16 potrebbe differire dai precedenti per un obiettivo che potremmo definire doppiamente ambizioso, ovvero raggiungere i 20 km di altezza.

READ  Spazio, nel cielo di marzo una staffetta di pianeti accoglierà la primavera

L’idea che ci è venuta è che il destino di SN16 è strettamente legato a quello di SN15, ma a questo punto non dovrebbe passare molto tempo prima che ne sappiamo di più. Quel che è certo è che prima di tentare una salita in quota con uno dei due prototipi, il sito dovrà essere sgombrato e questo comporterà lo spostamento delle due enormi gru attualmente al lavoro sul nuovo sito di lancio orbitale.

SITO DI LANCIO ORBITALE


Sembra che SpaceX si stia concentrando maggiormente sugli sviluppi di sito di lancio orbitale (OLS), senza la quale i programmi delineati nei prossimi mesi non potrebbero in nessun caso aver luogo.

Poco sopra abbiamo parlato delle due gru attualmente in uso per la costruzione del sito della torre di lancio, condizione necessaria per rendere possibile il primo test del genere, che richiederà di impilare la navicella Starship sul Super booster. . La gru LR1600 / 2, soprannominata Tankzilla, è stato recentemente utilizzato per il riposizionamento di SN15 sulla piattaforma di lancio B. Esiste anche una seconda gru di supporto, questa si chiama LR11350 ma SpaceX l’ha ribattezzata Frankencrane perché è il risultato di varie appendici di diverse gru.

Domenica scorsa sono arrivate le prime parti che andranno a costituire una terza gru, la LR 11000 (per la quale attendiamo con ansia il nuovo soprannome …), ma nel frattempo le due sorelle maggiori sono state utilizzate non solo per spostare i prototipi. , ma soprattutto per proseguire con il montaggio della torre di lancio e per il posizionamento dei serbatoi.

Come accennato nel precedente articolo realizzato prima del lancio di SN15, SpaceX ha iniziato a installare diversi serbatoi per materie prime utilizzando componenti e metodologie così simili all’assemblaggio Starship, da essere inizialmente confusi con nuovi prototipi in costruzione. Al momento ne sono stati assemblati due, un terzo è pronto per essere trasportato e un quarto è in fase di impilamento.

READ  La luna di Giove Io emetteva onde radio "strane"

Apparentemente, SpaceX vuole preparare le strutture della torre di lancio prima che il prototipo del primo stadio, il Super Heavy BN3, possa arrivare sulla piattaforma. Questo sarà il primo ad essere utilizzato per i test orbitali con Starship SN20, come spiegato sopra.

Tuttavia, se la torre di lancio consentirà il recupero del primo stadio in futuro, ciò non accadrà con il primo test orbitale e faremo affidamento su un atterraggio morbido, secondo la documentazione FCC.

Infine, i piani di SpaceX prevedono non solo il recupero del primo piano tramite la torre di lancio, ma anche grazie alle due porti spaziali galleggianti soprannominati Phobos e Deimos (in omaggio alle due lune di Marte). Si trovano attualmente nel sud del Texas, nel porto di Brownsville, vicino alla struttura SpaceX a Boca Chica, dove Starship è in fase di sviluppo. Le due vecchie piattaforme petrolifere sono attualmente in fase di trasformazione ma per loro è ancora troppo presto per parlarne, perché ci vorrà molto tempo per vederle in azione.

Nel frattempo, il progetto Starbase è finalmente diventato ufficiale e nei giorni scorsi sono state installate le insegne al neon. I sogni di Elon Musk continuano lentamente a prendere forma e noi continueremo a sognare con lui.

crediti di immagine testati @tmahlmann

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *