Avventuriero professionista approda a La Dolce Vita • Entrepôt Totaal

“Nel 2014 ho iniziato a lavorare per DHL Express Netherlands come Direttore Commerciale e dopo cinque anni ero pronto per una nuova sfida. Ero aperto a una nuova avventura all’estero e poiché DHL Express è presente in 220 paesi, ci sono sicuramente opportunità all’estero. Oltre al fatto che il ruolo dovrebbe corrispondere; dovrebbe anche essere privato. Quando si è presentata l’opzione Italia, è stato anche un ottimo momento in privato: nostra figlia aveva appena iniziato a vivere da sola e mia moglie aveva un’attività turistica in proprio, ma quella si è interrotta a causa della pandemia di corona. Insomma, l’occasione è arrivata al momento giusto e l’abbiamo colta al volo e siamo andati in Italia a fine dicembre 2020.

Qualità

L’Italia è un Paese molto interessante, sia privatamente che professionalmente. L’Italia è un grande paese nella rete DHL Express e tutti questi noti marchi italiani sono in realtà tutti clienti DHL Express. Anche questo lo rende interessante. E in privato puoi intuire perché l’Italia non è così noiosa: un paese fantastico per le vacanze con un’eccellente qualità della vita! Non per niente si chiama “La Dolce Vita”.

Burocrazia e gusto

Ok, l’Italia può essere piuttosto burocratica e ad un certo punto impari a preoccupartene meno. Aprire un conto in banca italiano non era così facile: per farlo serviva una carta d’identità italiana. Per ottenerlo dovevo essere iscritto al Comune di Milano. Prima di questo dovevo assicurarmi che il nostro contratto di noleggio fosse registrato e ancora una volta questo è possibile solo se hai un codice fiscale…. Quindi alcune cose sono un po’ più pesanti ed è così che impari. Ma a parte questo: gli italiani sono persone molto orgogliose, amichevoli, che amano la vita e prestano grande attenzione alla qualità: che si tratti di vestiti, automobili, vino o cibo, il gusto non può essere negato agli italiani. E non puoi davvero trovare un cattivo caffè qui!

READ  F2 e F3 in Italia | MP Motorsport vince il titolo mondiale con Drugovich, i VIP vincono la gara sprint

Impari a guardare le cose con occhi diversi e che ci sono anche altri modi per aggiustare le cose o ottenere un risultato

Giappone

Prima di lavorare in DHL, ho lavorato in KLM e per quel datore di lavoro siamo stati a Tokyo, in Giappone, dal 2005 al 2008. Puoi trovare questa attenzione per la qualità anche in Giappone, ma è davvero completamente diverso; una cultura e un modo di fare impresa completamente diversi. Inoltre i giapponesi sono per natura molto più chiusi o modesti, in Italia è diverso. Quello che porti con te in termini di esperienza: oltre al fatto che lavorare in altri paesi è un enorme arricchimento, ti insegna anche a guardare le cose in modo diverso e che ci sono anche altri modi per sistemare le cose o ottenere un risultato.

Gli italiani si sono organizzati un po’ più formalmente

Ci sono alcune differenze nella conduzione degli affari. Innanzitutto gli italiani non sono sempre molto puntuali in termini di tempi, e non sempre ben strutturati. Inoltre, non sorprenderti che gli italiani reagiscano in modo meno diretto; a una domanda chiusa, puoi ottenere una risposta di 10 minuti senza una risposta alla tua domanda. Inoltre, gli italiani sono organizzati in modo più formale con più rispetto per l’anzianità rispetto ai Paesi Bassi. E nel mondo degli affari ci sono molte PMI in particolare. In pratica i grandi e noti nomi italiani si rivelano piuttosto grandi imprese familiari che vengono gestite come tali. E cosa è pratico: assicurati di padroneggiare l’italiano abbastanza rapidamente.

Membro del Consiglio di DHL Italia

Dal 1 gennaio 2021 ho iniziato a lavorare qui come MD Sales Express e faccio parte del management team di DHL Express Italy. Avere un team di circa 330 persone sul lato vendite e nel mio ruolo – insieme ovviamente al mio team – definire la politica aziendale e portare l’organizzazione al livello successivo. Come DHL Express Italia, siamo leader di mercato nelle spedizioni internazionali urgenti e con la nostra rete internazionale e il nostro valore aggiunto per i clienti, vogliamo mantenere questa posizione.

READ  Fonseca va controcorrente - Forzaroma.info

Errori non intenzionali

Ci sono molti casi speciali perché ti sei appena trovato in un ambiente diverso. Prendo un esempio da entrambi i paesi. In Italia, dal primo giorno, ho parlato solo italiano con la mia squadra. Ma sì, non è liscio al 100% e all’inizio puoi commettere errori non intenzionali. In un discorso davanti a tutta la mia squadra ho parlato di anni, o “un anno = un an” ma quando lo pronunci – come me – come “ano” allora all’improvviso parli del tuo didietro… il che porta la necessaria ilarità!

frizzante giapponese

E in Giappone abbastanza aneddoti. Una delle situazioni più divertenti è stata l’incontro con un cliente che forniva servizi postali in cui abbiamo dovuto giustificare il motivo per cui alcune spedizioni non erano ancora state consegnate a causa di un container bloccato in Europa. Ero seduto con il mio account manager di fronte a 12 account manager, tutti in uniforme, che ci chiamavano uno per uno per fare rapporto, schiumando in bocca in giapponese… Beh, quindi a volte ci chiediamo dove diavolo siamo finiti.

Sfide

L’Italia è stata colpita molto duramente dalla crisi del coronavirus nel 2020 e lo noterai con tutte le regole che si applicano ancora oggi. A proposito, si sono assicurati che l’Italia superi il 2021 un po’ più facilmente in termini di corona rispetto ai Paesi Bassi, secondo me. I prossimi mesi saranno interessanti. Anche le PMI hanno avuto il sostegno del governo qui, ma questo sta volgendo al termine. La domanda è se tutti manterranno la testa fuori dall’acqua. Inoltre, cosa vale per molti paesi europei: la pandemia ha esercitato un’enorme pressione sulle catene di approvvigionamento regolari, portando a una mancanza di capacità di trasporto marittimo e aereo. I volumi precedentemente spediti con spedizionieri vengono ora instradati da corrieri espressi. Sarà interessante vedere cosa accadrà nel 2022.

READ  erano scesi per una pausa

Paesi Bassi

Sono soprattutto la famiglia e gli amici che ti mancano: ci sono abbastanza risorse tecniche ma parlare fisicamente tra loro è ancora diverso. Per fortuna Milano non è lontana. Quindi abbiamo abbastanza visitatori e siamo anche in Olanda, ma non molti perché la nostra vita è in Italia per ora. Stai anche costruendo un social network qui. E no, di certo non mi mancano le annaffiature e il tempo olandesi: qui sono disponibili molte alternative e bel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.