Bonus fino a 500 euro per web e tablet o PC: ecco come accedervi

BANDA ULTRA-LARGA

Contributi fino ad esaurimento di 204 milioni di euro. Ma alcune formalità sono ancora necessarie prima del via libera alla campagna.

di Carmine Fotina

Sconti da 500 euro per famiglie per internet e pc

Contributi fino ad esaurimento di 204 milioni di euro. Ma alcune formalità sono ancora necessarie prima del via libera alla campagna.

4 ‘letto

Luglio 2017, governo Gentiloni: durante gli incontri tra i tecnici dei ministeri interessati prende forma un piano di incentivi per favorire la diffusione della banda larga nel Paese. Tre anni e tre mesi dopo, un primo passo arriva in Gazzetta Ufficiale, con il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che fissa le regole contributive destinate a favorire i legami tra famiglie con un Isee (indicatore di situazione economica equivalente) di seguito. inferiore a 20mila euro. Non è certo però che le scadenze effettive siano così immediate: manca più di un traguardo tecnico, compresa la pubblicazione di un manuale operativo per i fornitori da pubblicare entro la fine di ottobre.

A questa prima serie di sconti ne seguirà un’altra, in una seconda fase, destinata alle famiglie con Isee fino a 50mila euro e alle aziende.

Fino a 500 euro per internet e per tablet o pc
Il contributo può raggiungere un massimo di 500 euro, sotto forma di riduzione, sul prezzo di vendita degli abbonamenti internet ultraveloci per un periodo di almeno un anno e, ove previsto, dei servizi di attivazione associati. Il bonus deve coprire anche la fornitura dei dispositivi elettronici associati, come il modem, e un tablet o personal computer che deve essere accoppiato alla connessione nella confezione venduta dall’operatore. Conta anche la “rapidità” degli utenti nella richiesta di preventivo, nel senso che il piano durerà fino ad esaurimento delle risorse – in totale 204 milioni – e comunque non oltre un anno dall’inizio del intervento.

READ  questo piccolo coraggio

Riconoscimento del contributo
Il contributo arriva indirettamente agli utenti sotto forma di un pacchetto a prezzo ridotto. È invece l’operatore che incassa fisicamente il contributo per lo sconto applicato. E solo gli operatori di telecomunicazioni che offrono il servizio Internet possono combinare il tablet o il PC inclusi nel pacchetto. In breve, non puoi semplicemente andare in un negozio di computer o di elettronica e scegliere il tuo modello preferito. Decisione che ha già sollevato polemiche tra distributori e catene di prodotti IT.
I consumatori interessati devono inviare una richiesta a qualsiasi canale di vendita messo a disposizione dagli operatori accompagnata da una copia del proprio documento di identità e da un’autocertificazione attestante il valore dell’ISEE inferiore a 20mila euro e i membri della stessa famiglia non hanno ancora beneficiato del contributo. L’operatore trasmette i dati al portale che deve essere messo in linea da Infratel, la società interna del Ministero dello Sviluppo, e una volta attivato il servizio di connessione agevolata e consegnato il tablet o pc trasmette anche il verbale di consegna firmato dal beneficiario e il documento attestante il livello di servizio misurato.

Entro 60 giorni Infratel versa l’importo totale del contributo per ciascun beneficiario sul conto dedicato dell’operatore, al netto del 5% a garanzia della corretta esecuzione del servizio. Tale importo verrà rimborsato durante il periodo di validità del Piano, che è di un anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *