Borse in rosso, in attesa del discorso di Powell. A Milano scende DiaSorin. Tariffe in calo nell'asta BoT

Borse in rosso, in attesa del discorso di Powell. A Milano scende DiaSorin. Tariffe in calo nell’asta BoT

Serviziogiorno di mercato

I mercati stanno (con ansia) aspettando la Fed numero uno che potrebbe lanciare una svolta sul fronte dell’inflazione. Le tensioni Usa-Cina sono tornate, con Pechino che ha lanciato alcuni missili nel Mare del Sud. Vendite a banche e assicurazioni in tutto il Vecchio Continente, mentre il petrolio è alle prese con l’allarme uragano

di Enrico Miele

(kasto – stock.adobe.com)

I mercati stanno (con ansia) aspettando la Fed numero uno che potrebbe lanciare una svolta sul fronte dell’inflazione. Le tensioni Usa-Cina sono tornate, con Pechino che ha lanciato alcuni missili nel Mare del Sud. Vendite a banche e assicurazioni in tutto il Vecchio Continente, mentre il petrolio è alle prese con l’allarme uragano

3 ‘di lettura

In attesa delle parole di Jerome Powell, il Borse valori europee verso metà sessione perdono terreno penalizzati dalle vendite a banche e assicurazioni di tutto il Vecchio Continente. Quindi l’attesa per il discorso numero uno della Fed al simposio aumenta Jackson Hole, in streaming a causa di Covid, che potrebbe rappresentare una svolta sul fronte dell’inflazione da parte della banca centrale statunitense (con il possibile addio al tetto del 2%). “Se confermato – ragionano gli analisti – significherebbe tassi bassi e un accomodamento monetario più lungo”. Ma tra le note discordanti della seduta c’è il ritorno della fiamma del tensioni geopolitiche tra Stati Uniti e Cina, con Pechino che ha lanciato alcuni missili nel Mar Cinese Meridionale e Trump che ha subito inserito nella “black list” 24 aziende legate ai lavori effettuati in quella zona, mentre restano sullo sfondo a livello mondiale i timori per l’andamento delle infezioni da coronavirus. Per non parlare delle improvvise dimissioni del social numero uno Tic toc, Kevin Mayer, dopo le accuse di Washington, con l’app che ora è diventata il centro dello scontro tra le due superpotenze. In Italia, intanto, dove lo spread sale leggermente a 150 punti, forte la domanda (con conseguenti tassi) in calo nell’asta BoT del Tesoro, che ha assegnato titoli per sette miliardi.

READ  Senza accordo c'è poco da essere ... Allegri

Le banche pesano sull’Ftse Mib, DiaSorin crolla

Sul Ftse Mib, appesantito dalle banche, il tonfo più consistente è però quello del DiaSorin toccato dai traguardi raggiunti mentre in un’intervista l’amministratore delegato ha spiegato che “fino a quando non ci saranno regole chiare sul biotech in Italia, non faremo più ricerca clinica”. Le vendite hanno toccato gli istituti di credito, da Intesa Sanpaolo a UniCredit e le compagnie petrolifere come Tenaris e Saipem sulla scia della debolezza del greggio. Tim, invece, che ha ufficializzato l’accordo con Tiscali, in forte rialzo, sulla fibra e sembra pronto al bis con Cdp e Open Fiber. Mediobanca guadagna terreno all’indomani delok della Bce al Delfin di Leonardo Del Vecchio aumentare fino al 20% il capitale di Piazzetta Cuccia.

Andamento del mercato azionario FTSE Mib

Caricamento in corso…

Euro a 1,18 dollari, allerta uragano sul greggio

Sul fronte valutario, ilEuro è in lieve rialzo e passa di mano a 1.183 dollari (contro 1.179 di ieri alla chiusura) mentre vale 125.442 yen (125.34). La valuta statunitense viene scambiata a 106,04 yen. Il petrolio scende dopo che un uragano nel Golfo del Messico ha costretto piattaforme petrolifere e raffinerie a sospendere la produzione: il WTI in scadenza ad ottobre scende dello 0,4% a 43,3 dollari al barile e il Brent a 45,7 dollari (+ 0,1%).

Lo spread con Bund risale a 150 punti base

Positivi i prezzi dei titoli di Stato negoziati sull’MTS secondario elettronico. L’apprezzamento dei corsi coinvolge anche il Bund e il diffusione con la conseguenza che lo spread: il differenziale di rendimento tra il benchmark decennale BTp e il Bund di pari durata è indicato in 150 punti base dai 149 punti base di fine 26 agosto. L’apprezzamento delle quotazioni, però, si riflette nel forte calo dei rendimenti: il rendimento decennale italiano questa mattina è pari all’1,07% contro l’1,09% del giorno prima.

BoT: tassi in ribasso nell’asta semestrale

Forte domanda e tassi in calo nell’asta del Tesoro BoT. via XX Settembre ha offerto titoli semestrali per 7 miliardi e l’asta, informa Banca d’Italia, è stata aggiudicata al prezzo medio ponderato di 100.164 che esprime un rendimento medio ponderato semplice negativo dello 0,33%, cinque punti base in meno rispetto al precedente all’asta (-0,28%). La domanda di mercato è stata prossima ai 12 miliardi con un rapporto di copertura di 1,71. L’importo di 7 miliardi è stato quindi interamente assegnato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *