“Buffer ad alta carica virale”. La verità sui rimedi

Inutile girarci intorno: sono tanti quelli che hanno il cuore in gola decorso della malattia di Silvio Berlusconi, infettato con coronavirus. E non perché pensiamo che dal San Raffaele dicano bugie (nell’ultimo bollettino il dottor Zangrillo ha parlato di una situazione di “ottimismo stabile, regolare, cauto e ragionevole”). Semplicemente perché il leader di Forza Italia ha 83 anni (il 29 settembre compirà 84 anni) e ha una storia di battaglie per la salute (problemi alla prostata e al cuore). In un ambiente ospedaliero si parla infatti di un paziente “fragile”. Per capire le reali condizioni dell’ex presidente del Consiglio, è arrivato il Corriere della Sera Massimo Clementi, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia del San Raffaele che ha spiegato dettagliatamente ccome è guarito Berlusconi e cosa è risultato dal suo campione (“Alta carica virale”).

Berlusconi si cura con Remdesivir: parla il virologo Clementi de San Raffaele

Clementi, alla domanda su cosa sia realmente il cavaliere, afferma che “non è sottoposto ad ossigenoterapia e non lo è mai stato (l’ossigenoterapia è un aiuto, per chi ha problemi polmonari, a respirare meglio, ndr) “ è “ora è in terapia antivirale “. Più precisamente, lo presume Remdesivir, l’unico farmaco antivirale fino ad oggi “concesso in licenza da agenzie di regolamentazione per il trattamento delle infezioni da virus Sars-Cov-2 ″. È una terapia progettata per combattere l’Ebola “,non è specifico per il nuovo coronavirus, ma funziona anche in questo caso, se utilizzato in una fase iniziale. Questo trattamento può essere effettuato solo nelle strutture sanitarie. Per questo, il politico è stato ricoverato in ospedale e non sono rimasto ad Arcore, Racconta Clementi.

READ  Iss: "L'indice Rt è affidabile". Cos'è il "termometro" che controlla l'epidemia e come funziona

Il tampone di Berlusconi ha “un’alta carica virale”

Abbiamo parlato dell’inizio della polmonite bilaterale in una fase iniziale. Cosa significa questo in dettaglio? In altre parole: cosa cambia rispetto a queste persone che a marzo e aprile sono state colpite dal virus e sono finite per essere intubate nei reparti di terapia intensiva? Clementi, anche nel diario di via Solferino, è chiaro su questo: “Berlusconi non ha affrontato la famosa tempesta di citochine (che provoca uno stato di infiammazione generalizzata nel corpo, richiede cure particolari e, lo scorso marzo, ha provocato molti morti, ndr). Si tratta solo di combattere il virus e dal punto di vista respiratorio va tutto bene ”. Passiamo al capitolo sugli assorbenti interni: l’imprenditore milanese ha prelevato numerosi campioni nei giorni scorsi tutti risultati negativi. Tranne l’ultimo che ha rivelato positività e “Una carica virale elevata”. “E questo era un elemento che suggeriva il ricovero in ospedale e l’uso di antivirali“, Sottolinea Clementi. E adesso? Che cosa accadrà?

Clementi su Berlusconi: “Bisogna aspettare almeno una settimana per valutare lo sviluppo”

Clementi lo spiega per il momento Berlusconi resta sotto sorveglianza costantemente e si aspetta che i rimedi abbiano effetto così “Abbassare la carica virale. Ma ci vuole almeno una settimana (preferibilmente dieci giorni) per valutare l’evoluzione “, informa il virologo. Molto è stato detto, per quanto in modo inappropriato, sui calunniatori. Alcuni l’hanno insensato irragionevolmente al contagio del cavaliere ci fu Briatore, poi i bambini. Dal tampone, possiamo risalire al giorno esatto del contagio per chiarire e mettere a tacere finalmente i pettegolezzi? “No. Alcune persone diventano positive, dopo il contatto con persone infette, in breve tempo, altre impiegano più tempo”. Conclude Clementi.

READ  La perseveranza rivela il suono dello spazio profondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *