Parassitismo della covata: gli scienziati risolvono un puzzle evolutivo di milioni di anni attorno alle uova finte

Parassitismo della covata: gli scienziati risolvono un puzzle evolutivo di milioni di anni attorno alle uova finte

Ad esempio, due diverse linee di tessitrici di cuculi femmine si sono evolute per deporre uova con uno sfondo rosso o blu, in risposta evolutiva a una diversità simile nei loro ospiti prinia dalla groppa. Ma non ci sono prove che possano creare la precisa miscela di pigmenti necessaria per deporre le uova verde oliva che alcune femmine ospiti possono produrre.

In uno studio precedente, il professor Spottiswoode ha scoperto che una proporzione crescente di uova deposte dai prinia dalle gambe arrugginite è verde oliva, suggerendo che si tratta di un contrattacco evolutivo accelerato.

Come previsto, i ricercatori hanno scoperto che gli uccelli ospiti trasmettono la capacità di deporre uova “anti-cheat” attraverso un processo genetico diverso rispetto ai tessitori di cuculo, in particolare attraverso l’eredità di entrambi i genitori.

“I tessitori di cuculi mancano di una potente fonte di innovazione evolutiva e questo potrebbe inasprirli nella corsa agli armamenti che si sta svolgendo qui. Il modo in cui ereditano la loro capacità di imitare le uova dell’ospite è uno svantaggio poiché probabilmente perdono le difese delle specie ospiti in modo più efficiente e limitano le capacità del parassita per rispondere a loro”, ha detto Spottiswoode.

Ovviamente, se i cuculi ereditassero la loro capacità di imitare le uova da entrambi i genitori, correrebbero il rischio che le uova non assomiglino molto a quelle dell’ospite, ma probabilmente consentirebbe loro una tavolozza più ampia per produrre uova e colori. . Il fatto che sia ereditato solo dalla madre limita notevolmente le loro possibilità.

“Potremmo assistere all’emergere di inimitabili ‘firme delle uova’, che potrebbero potenzialmente costringere i tessitori di cuculi a passare ad altre specie ospiti ingenue. Oppure gli uccelli parassiti potrebbero diventare sempre più dipendenti da giovani ospiti individuali che non hanno ancora imparato ad avere le proprie firme e sono pessimi a individuare le uova non corrispondenti”, ha detto.

READ  Tempo con un'enorme bolla d'aria tropicale verso l'Europa. Questa è La Nina. Preoccupante congelamento a gennaio 2022

Lo studio indica anche che le pressioni selettive delle difese dell’ospite hanno portato i tessitori di cuculi a trasferire il controllo dell’aspetto delle uova alla parte del genoma ereditata dalla madre almeno due milioni di anni fa.

Lo studio del team internazionale è pubblicato in Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze† Questo articolo si basa su un comunicato stampa dell’Università di Cambridge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *