Campi Flegrei, terremoto avvertito a Pozzuoli e in vari quartieri di Napoli

Il primo allarme, come sempre in questi casi, è arrivato tramite i social. Con tanto da scambiare messaggi e informazioni sul terremoto chiaramente avvertito di notte nei Campi Flegrei e non solo.

Il terremoto ha allarmato molte persone a Pozzuoli e in vari quartieri della periferia ovest di Napoli. L’epicentro è appunto Pozzuoli, il terremoto è stato localizzato dalla sala operatoria dell’Ingv con magnitudo 2.1 a 22.54. Non ci sono danni a cose o persone.

Durante il mese di novembre 2020, 225 terremoti di bassa energia sono stati registrati nella caldera dei Campi Flegrei, secondo il sito dell’Osservatorio Vesuviano.

Più in dettaglio, si legge: “Durante il mese di novembre 2020 nella regione dei Campi Flegrei, sono stati registrati 225 terremoti di bassa energia con magnitudo massima = 1,1 ± 0,3. 204 eventi (91 %) aveva una magnitudo inferiore a 1.0, dimostrando un livello di energia molto basso; su 17 eventi, non è stato possibile determinare la magnitudo a causa della bassa ampiezza del segnale che non è chiaramente distinguibile dal In totale sono stati localizzati 124 eventi (il 55% di quelli registrati) localizzati principalmente tra Pozzuoli e la regione Solfatara-Pisciarelli con profondità non superiori a 2,5 km “.

“Le reti di monitoraggio della deformazione del suolo – prosegue l’Osservatorio – confermano una geometria radiale dell’ascensore centrato nella regione di Pozzuoli con una velocità media di circa 10 mm / mese. L’impianto registrato presso la stazione GPS del Rione Terra (Rito) da gennaio 2016, è di circa 39 cm. Le misurazioni termografiche nelle aree monitorate mostrano andamenti della temperatura notevolmente stabili con una leggera tendenza al ribasso. I parametri geochimici confermano le tendenze al rialzo osservate in precedenza “.

READ  Maike van der Duin vince di nuovo l'argento ai Mondiali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *