“Cari studenti, vi spiego il virus e l’importanza di papà”

Impressione

La scuola non è un luogo di contagio per il coronavirus, come ormai sanno bene i ragazzi che manifestano per tornare in classe.

Il virologo di Spallanzani sembra parlare con loro, Maria Rosaria Capobianchi, che li invita a riflettere sull’importanza del sacrificio richiesto.

Nell’intervista con Giornale Il Messaggero, lo scienziato a capo del laboratorio che per primo ha isolato il virus, spiega perché è importante che le aule rimangano vuote per il tempo indicato. Li invita inoltre a studiare il comportamento di un virus per riflettere sulla decisione presa dal governo e sui risultati già registrati.

Studiare a casa con la formazione a distanza consente di viaggiare meno sui mezzi pubblici e di non creare folle vicino agli edifici. La scuola verrebbe quindi accusata non come luogo diretto, ma come meta da raggiungere, come da tempo e da tanti si sostiene.

Poiché è stato il virologo a invitare gli studenti a studiare il virus, dà una prima lezione molto breve: gli studi – dice il virologo tra virgolette – hanno indicato che i cambiamenti in questo virus non sono legati alla sua capacità di invadere il sistema. respirazione profonda. In pratica, la variabilità virale è bassa e non minaccia il successo dei vaccini.

Impressione

READ  Le persone vulnerabili sperimentano l'impatto sulla salute di una pandemia in modo diverso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *