Caso Juventus-Napoli: la decisione del club napoletano

Regna ancora il caos che circonda la partita Juventus-Napoli, in programma questa sera a Torino (20:45). Il club napoletano non sarà presente all’Allianz, i padroni di casa hanno detto che scenderanno in campo.

L’intera squadra del Napoli è attualmente in completo isolamento (per protocollo dovrebbe riprendere l’allenamento lunedì). Non poteva partire per Torino domattina.

La posizione del Napoli è stata spiegata da Mattia Grassani, avvocato del club, alla Gazzetta dello Sport: “In tempo reale abbiamo informato i giudici sportivi di A, Lega, Figc e Juventus che la squadra non poteva partire per Torino, a meno che non volessero commettere reati durante la partita. Abbiamo allegato tutta la corrispondenza con Asl e Regione: il calcio può aspettare. Il diritto statale è superiore al diritto sportivo “.

Una posizione ferma e chiara che, di fatto, ha lasciato il posto a a resa dei conti con la Juventus e la Lega stessa che, finora, ha deciso di farlo confermare la partita in programma.

Annunciata la Juventus, con un comunicato ufficiale la sua intenzione di “seguire” le istruzioni della normativa vigente (con 13 giocatori negativi in ​​organico, compreso un portiere, è possibile scendere in campo. Alle 11, per i bianconeri, è previsto il classico arrivo.

Sui social è scoppiata una vera e propria rissa tra i tifosi delle due squadre. Anche, pure l’ex giocatore della Juventus Claudio Marchisio concentrato sulla domanda: “Tutta questa incertezza genera solo paura, e ora non è il momento di avere # juventus-napoli ”, ha detto sui social.

Altre notizie sono attese nelle prossime ore. Molti si aspettano un confronto tra le parti per cercare di trovare una soluzione. Un nuovo, possibile, comunicato dalla Lega.

READ  Maltempo in Valtellina, l'onda di fango travolge tre vite a Chiareggio - Cronaca

OMNISPORT | 04-10-2020 08:43

Carattere: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *