C’è la primavera, c’è l’asteroide che spazza via i dinosauri dalla Terra

66 milioni di anni fa, il dominio dei dinosauri sulla terra terminò bruscamente. Eppure, gli scienziati possono dire esattamente in quale periodo dell’anno è successo.

Fondo di Hond

Sembrava un normale giorno di primavera nel luogo che, 66 milioni di anni dopo, sarebbe stato chiamato “Tanis” da un mammifero appena evoluto. Un fiume serpeggiava attraverso le pianure; dinosauri, anfibi e pesci erano impegnati a sopperire alla carenza di cibo invernale e a riprodursi.

E poi all’improvviso era finita.

A un continente di distanza, vicino a un luogo ora chiamato Chicxulub, in Messico, un asteroide aveva colpito. L’oggetto di dieci chilometri ha inferto alla Terra uno dei più grandi colpi della sua storia, con la potenza di circa un milione di bombe atomiche. Il calore sprigionato ha provocato incendi boschivi in ​​tutto il mondo, poi le particelle di polvere nell’atmosfera hanno provocato un “inverno nucleare”, come si teme anche dopo una guerra nucleare: anni di buio e di freddo.

E così la vita dopo l’impatto ha preso una svolta: i dinosauri sono scomparsi, insieme a tre quarti di tutte le specie animali e vegetali. Le specie abbastanza fortunate da sopravvivere ebbero improvvisamente la possibilità di diventare dominanti, in un momento che i paleontologi stavano ribattezzando: il Cretaceo era finito, il Paleogene stava iniziando.

Ma l’ecosistema Tanis non ha ricevuto nulla di tutto questo. Questo era già stato sepolto sotto metri di fango nei primi minuti dopo l’impatto. Negli ultimi anni questo luogo è diventato famoso tra i paleontologi come “il luogo dove morì il gesso”.

E da questa settimana sappiamo che è successo in primavera.

Cerca nello strato di fango

La ricercatrice olandese Melanie Pendant è giunta a questa conclusione in un articolo sulla rivista professionale Natura† Durante, attualmente dottoranda presso l’Università di Uppsala in Svezia, ha ricercato Tanis per la sua tesi di laurea. Usando varie tecniche, ha esaminato le ossa di storione e di cucchiaio che erano state conservate nello strato di fango. Ha mostrato come i pesci crescessero di anno in anno e le loro ossa si ispessissero: un arresto in inverno e uno scatto di crescita in estate. Nei loro ultimi giorni di vita vide che lo slancio della crescita era appena iniziato: doveva essere primavera.

Leggi anche

“Uno dei reperti più singolari di sempre”: gli inglesi portano alla luce lo scheletro lungo dieci metri di un “drago marino” di 180 milioni di anni

È chiaro quando si cammina in giro che gli storioni sono morti il ​​giorno dell’impatto, ha detto Pendant in un’intervista alla stampa. Ha svolto i lavori di scavo nel North Dakota nel 2017. “Vedi la sabbia dalla riva e sopra quelle strutture selvagge. Vedrai tutti i pesci rivolti a sinistra e uno strato in alto sono tutti rivolti a destra. Ci sono rami d’albero intorno ai quali i pesci vengono spezzati o sventrati. Sembra il peggior incidente automobilistico che tu abbia mai visto, ma congelato come un blocco di ghiaccio formatosi improvvisamente attorno ad esso.

Quello che accadde in quel giorno non così ordinario di 66 milioni di anni fa è che a decine di miglia di distanza, oltre la foce del fiume, un mare interno delle Americhe oggi scomparso sentì lo shock dell’impatto. Ciò ha causato a andare a prendere, sciabordando mentre l’acqua si spingeva in alto sopra la fattoria. Di conseguenza, un’onda alta almeno dieci metri si è sollevata a monte verso Tanis. Ha preso la materia dal basso e tutto ciò che viveva su quel fondo e sopra. E parte di essa è finita sull’ansa interna sabbiosa di un meandro.

Foto spaziale del cratere Chicxulub.  Immagine dell'Anp

Foto spaziale del cratere Chicxulub.Immagine dell’Anp

Bombardamento di zecche secondario

Un’altra prova che i pesci sono morti nello strato di fango mentre il mondo era in fiamme è che avevano minuscoli granelli di vetro, chiamati tectiti, nelle branchie. Questi vengono creati quando la roccia fusa viene scagliata nello spazio dall’impatto di una gocciolina di meteorite, dove si solidifica e alla fine cade. Dopo l’impatto con Chicxulub, questo bombardamento secondario di tectite fu gigantesco. Gli storioni, che si nutrono sul fondo, erano stati chiaramente trascinati da acqua contenente tectiti. Ma non avevano i pellet nello stomaco, segno che era passato poco tempo tra l’arrivo dei pellet e la loro morte.

Questo aspetto del sito di Tanis era già noto da quando un ricercatore che vi sta scavando dal 2012, Robert DePalma dell’Università di Manchester in Inghilterra, ne ha pubblicato nel 2019. Alla fine dell’anno scorso, DePalma ha anche offerto una stima della stagione in cui l’asteroide ha colpito: primavera o estate settentrionale. La stima di Pendant è più precisa: doveva essere primavera. Se doveva indovinare un mese: aprile.

inverno nucleare

Armati di questa conoscenza, i paleontologi potrebbero chiedersi come esattamente una tale catastrofe globale abbia portato all’estinzione di così tante specie. Perché la stagione fa una grande differenza, dice Pendant. “Per superare questo inverno nucleare, dovevi prima sopravvivere all’impatto stesso. Se fossi in superficie quando è avvenuto l’impatto, potresti morire. Se ti è capitato di andare in letargo o stare in una tana, le tue possibilità aumentavano. In primavera è meno probabile. Nell’emisfero australe era autunno e probabilmente più animali avevano cercato rifugio. Lì, le possibilità di sopravvivenza sarebbero state maggiori.

È una teoria chiara, ma molto difficile da confermare o smentire. Perché ci sono molti meno fossili nell’emisfero australe. Ma ci sono prove che almeno gran parte dell’attuale diversità delle specie animali nel mondo sia dovuta ai sopravvissuti del sud, i cui discendenti in seguito hanno ripopolato il nord. Questo potrebbe essere particolarmente vero per un ramo di piccoli dinosauri che hanno imparato a usare le piume per volare: gli uccelli.

Scansionare il cielo non ha aiutato

Un dinosauro che ha alzato lo sguardo 66 milioni di anni fa potrebbe aver visto arrivare questo asteroide?

Lo ha calcolato lo scienziato planetario Christian Köberl dell’Università di Vienna, cercando un modo per illustrare per quanto tempo una catastrofe spaziale può rimanere nascosta. Il Center for Near Earth Object Studies (CNEOS) monitora asteroidi e comete le cui orbite potrebbero avvicinarli alla Terra. E l’agenzia spaziale delle Nazioni Unite convoca regolarmente esperti su questi oggetti alla Conferenza sulla difesa planetaria. Per questa conferenza, Köberl ha cercato la risposta alla sua domanda.

“La scienza non è sempre presa sul serio”, ha spiegato il suo mini-progetto lo scorso ottobre alla conferenza della Geological Society of America a Portland, nell’Oregon. “La grande domanda è come spiegare il pericolo al pubblico quando scopriamo un oggetto in rotta di collisione con la Terra”.

La luminosità dell’asteroide Chicxulub nel cielo dipendeva dalle sue dimensioni, materiale e distanza. “Abbiamo una buona idea delle dimensioni”, ha detto Köberl. “Ed era una condrite di carbonio: un oggetto realizzato con questo materiale riflette solo una piccola frazione della luce solare”.

Mentre si dirigeva verso la Terra a una velocità di circa 15 chilometri al secondo, l’asteroide divenne più luminoso. Quando potrebbe un uomo con buoni occhi vederlo per terra?

“Incredibilmente in ritardo”, conclude Köberl. In una buona notte buia solo quando era un po’ più lontano della luna. Di giorno solo quando era già più vicino ai satelliti geostazionari, a quota 36.000 chilometri. “Se vuoi fidarti dei tuoi occhi per questo pericolo, hai circa dieci ore di preavviso di notte e mezz’ora durante il giorno.”

READ  scegli un'immagine e scopri il tuo personaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *