C’è povertà qui, afferma il direttore degli aiuti di emergenza: “Abbiamo fissato il livello di sussistenza troppo basso”

Nessuno nei Paesi Bassi deve vivere in povertà? In ogni caso. “Abbiamo fissato un livello di sussistenza troppo basso nei Paesi Bassi. Quello che manca è l’idea che tutti debbano avere abbastanza soldi per condurre un’esistenza dignitosa”, spiega Nathalie Boerebach. È direttrice della Stichting Urgente Noden Nederland (SUN Nederland), l’“organizzazione di supporto” di 26 agenzie di aiuti di emergenza attive in quasi cento comuni.

Varie agenzie di aiuti di emergenza sono sostenute dal NRC Readers’ Fund, che raccoglie fondi dai lettori ogni anno durante la campagna natalizia. L’anno scorso la resa, che è aumentata notevolmente negli ultimi anni, è stata di oltre tre tonnellate.

I fornitori di aiuti e servizi identificano regolarmente bisogni urgenti tra i gruppi vulnerabili che non possono essere soddisfatti immediatamente, nemmeno da tutti i tipi di programmi di sostegno come l’assistenza speciale municipale. Per loro, questi umanitari possono rivolgersi alle varie organizzazioni di aiuti di emergenza. Ogni anno le agenzie insieme spendono circa 5 milioni di euro, con una media di 500 euro a donazione.

tendenze

SUN Olanda dispone ora per la prima volta di una panoramica delle cifre relative a 14 delle 26 agenzie. Anche se questi numeri non raccontano l’intera storia – se non altro perché mancano i dati di un certo numero di agenzie in alcune grandi città – le tendenze possono essere individuate. Le agenzie per gli aiuti di emergenza sono più spesso chiamate dai comuni, dal lavoro per i rifugiati e dagli amministratori. La maggior parte delle donazioni va a persone con un reddito fino a 2.000 euro al mese, una percentuale inferiore rispetto ai redditi più alti.

READ  Ripple vince la più grande vittoria di sempre nella causa SEC

Nathalie Boerebach di SUN Olanda: “Quello che stiamo osservando è il reddito disponibile; quanti soldi ti rimangono per vivere alla fine del mese? Quindi, se hai un lavoro ben pagato ma sei sfortunato perché il tuo ristorante fallisce e improvvisamente devi pagare il mantenimento dei figli, potresti comunque morire di fame in pratica.

La maggior parte dei beneficiari ha tra i trenta ei sessant’anni. Circa due terzi di loro sono single, con o senza figli. Altri vasini sono spesso disponibili per i bambini, ma non per gli studenti. “Non sempre sanno dove trovarci”, dice Boerebach.

Secondo lei, la “complessità” della società, così come la “vergogna” e la “sfiducia nei confronti del governo”, spesso impediscono alle persone di ottenere ciò a cui hanno diritto. La maggior parte dei beneficiari vive di sussidi, nessuna professione specifica si nota tra i lavoratori, tranne che in tempi di corona. Boerebach: “A quel tempo, molte richieste riguardavano le spese di soggiorno, perché le persone improvvisamente vedevano scomparire le loro entrate. Cameriere, per esempio, ma anche prostitute, perché improvvisamente non avevano più clienti.

Leggi anche questa intervista: ‘Fondi, osa spendere il tuo capitale

Culla o lavatrice

Il basso livello di sussistenza significa, dice Boerebach, che le persone devono fare delle scelte. “Se acquistano regali Sinterklaas per i loro figli, non possono acquistare prodotti mestruali. Se comprano vestiti pesanti, non possono pagare l’affitto.

Di conseguenza, le agenzie di soccorso ricevono una ‘svariata’ di richieste: una culla o una lavatrice, un buono per il supermercato o denaro per un test del DNA per dimostrare di avere diritto a un lascito. Boerebach: “Potrebbe essere qualsiasi cosa”.

READ  Certificazione unica 2022: nuova e in scadenza

Ciò che rivelano anche i nuovi dati sulle domande è che la mobilità sociale non avviene automaticamente nei Paesi Bassi. Boerebach: “Non importa in quale zona del codice postale sei nato, ma in pratica è spesso così. Non esistono pari opportunità. Le scuole ci dicono che i bambini lasciano la scuola primaria con una raccomandazione del VWO, ma finiscono al VMBO entro l’anno. Perché il bambino è troppo piccolo per fare i compiti, non c’è wifi, oppure i genitori sono al lavoro e non possono aiutare. I Paesi Bassi dovrebbero cercare di impedire questo slittamento.

Esigenze specifiche

Le agenzie di emergenza non possono cambiarlo. “Siamo lì per il bisogno occasionale, diamo una mano agli sfortunati. Ma i governi possono imparare dai dati per porre fine alle esigenze strutturali.

La maggior parte delle richieste riguarda mobili, elettrodomestici, biciclette, studi, sport e tempo libero, debiti, spese mediche come mal di denti acuti, documenti di identità e ricongiungimenti familiari. Boerebach: “Colpisce in quest’ultima categoria che se alle persone è stato concesso l’asilo, non sia organizzato il ricongiungimento familiare, al quale hanno diritto in base ai trattati internazionali”.

I due terzi delle domande presentate vengono approvati. Una categoria le cui richieste raramente vengono rifiutate è quella dei Wajonger, giovani malati o disabili i cui sussidi sono spesso insufficienti. Boerebach: “Vediamo casi strazianti. Si dice spesso che alle persone non dovrebbe essere dato un pesce, ma una canna da pesca. Ma molte persone non hanno una canna da pesca. Non possono maneggiare una canna da pesca o sedersi vicino all’acqua.”

Si dice anche che gli aiuti di emergenza siano “solo cerotti”. Ma stanno curando e aiutando le bende, dice Boerebach. “Se un bambino cade su un ciottolo sciolto, una benda è la prima cosa di cui ha bisogno, quindi non vai subito dal chirurgo. È quindi importante che il governo metta questa pavimentazione al posto giusto. »

READ  Limburgo vince ancora: KoningsKanjer vince a Weert | 1Limburgo

Leggi anche: Un “nuovo inizio” con frigorifero, lavatrice e letto del fondo povertà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *