C’è vita nei sotterranei di Marte?

Il recenti missioni scientifiche hanno sempre più evidenziato la possibilità di trovare tracce di vita in Seminterrato marziano. Un nuovo studio ora sembra aver scoperto come determinare se la vita è presente o è stata sotto la superficie di marzo, Luna e altro oggetti rocciosi nell’universo.

La ricerca della vita si concentra solitamente sulla presenza di acqua che si trova in superficie o nell’atmosfera. Ma l’assenza di acque superficiali non sembra escludere la possibilità di riprendere vita nelle profondità della biosfera del sottosuolo.

“L’acqua superficiale ha bisogno di un’atmosfera per mantenere la pressione, senza la quale l’acqua liquida non può esistere. Tuttavia, quando ci si sposta in regioni più profonde, il la pressione è esercitata dagli strati superiori che, in linea di principio, potrebbe consentire all’acqua liquida di esistere “, ha spiegato Manasvi Lingam, coautore dello studio. “Ad esempio, non ci sono attualmente prove di acqua di lunga data sulla superficie di Marte, ma il pianeta è noto ospiti laghi sotterranei“.

La Luna e Marte mancano di un’atmosfera che consentirebbe all’acqua liquida di esistere sulla loro superficie, ma le regioni più calde e pressurizzate sotto la superficie, secondo lo studio. potrebbero permettere alla vita di svilupparsi in acqua liquida.

Lo studio ha determinato un limite superiore alla quantità di materiale biologico che potrebbe esistere in ambienti sotterranei e profondi, scoprendo che corrisponde in una piccola percentuale a quella della biosfera sotterranea della Terra ed è mille volte inferiore alla massa. Terra globale.

Gli organismi che prosperano in ambienti estremamente freddi su corpi rocciosi apparentemente privi di vita potrebbero prosperare e riprodursi a temperature sotto lo zero. Questi corpi, chiamati estremofili, si trovano in luoghi permanentemente freddi sulla Terra, come nelle regioni polari e nelle profondità del mare, e possono esistere anche sulla Luna e su Marte.

READ  La sonda OSIRIS-REx ha esagerato

“Ci sono molti criteri coinvolti nel determinare le posizioni più ottimali per cercare segni di vita su Marte”, ha spiegato Lingam. “Quelli che abbiamo considerato per la ricerca sotterranea includono perforazioni nelle vicinanzeequatore, dove la biosfera sotterranea si trova più vicino alla superficie e la ricerca di punti geologici con temperature più elevate. il futuro delle missioni dovranno essere in grado di perforare decine di chilometri sotto la superficie di Marte ”.

I risultati dello studio, pubblicati su Lettere dalla rivista astrofisica, può essere applicato a tutti gli oggetti nell’Universo e implica che l’area abitabile di un corpo celeste è molto più grande di quanto si credesse in precedenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *