Centinaia di arresti dopo le rivolte francesi sui regimi pensionistici

Centinaia di arresti dopo le rivolte francesi sui regimi pensionistici

In Francia ieri la gente è scesa in piazza a frotte per esprimere il proprio malcontento. A Parigi, i manifestanti hanno allestito barricate e le hanno dato fuoco.

A Parigi, la polizia ha sparato proiettili di gomma e schierato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua in Place de la Concorde, dove si erano radunati migliaia di manifestanti. Alla fine sono state arrestate 217 persone, dopo la mezzanotte è tornata la calma.

Guarda le massicce proteste a Parigi qui:

Ieri mattina il Senato francese (Camera alta) ha votato a favore della proposta di alzare l’età pensionabile da 62 a 64 anni. Anche il Parlamento avrebbe dovuto votare sulla misura nel corso della giornata. Ma poco prima dell’inizio della riunione in parlamento, si è riunito il Consiglio dei ministri e la premier francese Elisabeth Borne ha deciso di saltare il voto.

Ciò è stato fatto lanciando un articolo della costituzione che metteva da parte il parlamento. È stata una scena straordinaria. I parlamentari di sinistra hanno protestato e hanno iniziato a cantare, come potete vedere in questo video:

Una parte importante dei piani del presidente Macron è aumentare l’età pensionabile in Francia da 62 a 64 anni. C’è una forte opposizione da parte dei sindacati. Ci sono stati scioperi regolari negli ultimi mesi.

I critici trovano antidemocratico l’articolo costituzionale in questione. Ma in Francia non è esattamente la prima volta che si usa l’articolo: è successo cento volte nella storia della Francia.

Lione, Marsiglia e Tolosa

Non solo a Parigi, ma anche nelle città francesi di Lione, Marsiglia, Tolosa Digione, Lille e Nantes, ieri sera è stato frenetico. A Lille, due manifestanti sono stati ricoverati in ospedale per ferite. A Rennes, le pensiline degli autobus e un’agenzia immobiliare hanno dovuto pagare.

READ  PvdA e GroenLinks partecipano alle elezioni con una lista, i membri votano in massa

Dall’inizio di quest’anno in Francia si sono svolte manifestazioni contro i regimi pensionistici. Le giornate di azione a livello nazionale, compresi gli scioperi dei trasporti pubblici, hanno attirato milioni di persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *