Cento giorni di guerra ha esercitato molta pressione sul sistema sanitario ucraino

Cento giorni di guerra ha esercitato molta pressione sul sistema sanitario ucraino

“Questa guerra è andata avanti per 100 giorni di troppo, distruggendo vite e comunità e mettendo in pericolo la salute del popolo ucraino a breve e lungo termine”, ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “L’OMS si impegna a sostenere il Ministero della Salute ucraino e a fornire forniture e attrezzature mediche essenziali. Ma la medicina di cui l’Ucraina ha più bisogno è quella che l’OMS non può fornire: la pace. Chiediamo alla Federazione Russa di porre fine alla guerra.

La guerra ha aumentato la necessità di assistenza sanitaria riducendo al contempo la capacità del sistema di fornire servizi, soprattutto nelle aree di conflitto attivo. Il 2 giugno ci sono stati 269 attacchi sanitari accertati che hanno ucciso almeno 76 persone e ferito 59.

“In 100 giorni di guerra, ci sono stati più di 260 attacchi verificati all’assistenza sanitaria in Ucraina. Questi attacchi sono ingiustificabili, non sono mai accettabili e vanno indagati. Nessun professionista medico dovrebbe fornire cure mediche avanzate, ma è esattamente ciò che stanno facendo infermieri, medici, paramedici e equipe mediche in Ucraina”, ha affermato il dottor Hans Henri P. Kluge, Direttore dell’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa.

“Ho avuto il privilegio di incontrare molti operatori sanitari durante due visite in Ucraina dall’inizio della guerra. Mantengono vivi i servizi vitali e la speranza di fronte a un incredibile dolore e sofferenza, e noi li salutiamo”.

Alcune strutture sanitarie sono state distrutte mentre altre sono state travolte da persone in cerca di assistenza per traumi e ferite derivanti direttamente dalla guerra. L’Oms ha istituito centri nelle aree vicine al conflitto, come Dnipro, per raggiungere velocemente le zone più bisognose.

READ  Una pizza surgelata con un buon Nutri-Score? È così | Mensola

Ricostruzione

“L’OMS si impegna a essere in Ucraina sia ora che a lungo termine, per affrontare le sfide sanitarie immediate e sostenere la ricostruzione del sistema sanitario. Stiamo riorganizzando i team in tutto il paese man mano che l’accesso e la sicurezza migliorano. ha affermato il dottor Jarno Habicht, rappresentante dell’OMS in Ucraina. “La salute – mentale e fisica – deve essere al centro dei piani di ripresa e ricostruzione dell’Ucraina”.

Per raggiungere questo obiettivo, l’OMS ha lanciato un appello aggiornato per 147,5 milioni di dollari per sostenere l’aggravarsi dell’emergenza umanitaria in Ucraina, fornire assistenza sanitaria immediata e mantenere la resilienza del sistema sanitario a lungo termine. Di questo totale, 80 milioni di dollari sono necessari per fornire sostegno nel paese, come la distribuzione di medicinali e la fornitura di servizi sanitari essenziali, e altri 67,5 milioni di dollari sono necessari per sostenere i paesi ospitanti e di rifugiati, tra cui Polonia, Repubblica Ceca, Moldavia e Romania.

La guerra ha portato a un enorme aumento dei danni e delle sofferenze psicologiche. In tutto il paese, i professionisti medici riferiscono che la richiesta più comune ora è quella di aiuto per l’insonnia, l’ansia, il dolore e il dolore psicologico. L’OMS sta lavorando con l’ufficio della First Lady dell’Ucraina Olena Zelenska per sviluppare un programma nazionale di salute mentale inclusivo.

L’OMS ha risposto alle mutevoli esigenze sanitarie in Ucraina aumentando il numero del personale e riutilizzando i sistemi, compreso il nostro sistema logistico. Ciò ha consentito la consegna nel Paese di oltre 543 tonnellate di forniture e attrezzature mediche, distribuite principalmente nelle oblast’ orientali, meridionali e settentrionali, dove attualmente i bisogni sono maggiori. Le forniture includono forniture per interventi chirurgici traumatologici, ambulanze, ventilatori di fabbricazione ucraina che possono continuare a funzionare anche in caso di interruzione di corrente, generatori elettrici e apparecchiature per l’ossigeno, inclusa la costruzione di impianti di ossigeno per aiutare gli ospedali a operare in modo indipendente.

READ  Sandra Collin offre consulenze respiratorie gratuite per una buona salute

Un’altra importante esigenza è la formazione per affrontare gli effetti della chirurgia traumatica di guerra, le vittime di massa, le ustioni e l’esposizione chimica. Dal 24 febbraio, l’OMS ha formato più di 1.300 operatori sanitari su questi temi.

Inoltre, l’OMS ha collaborato con il Centro ucraino per la salute pubblica per rafforzare la sorveglianza delle malattie e la diagnostica di laboratorio e con le autorità locali per ricostruire i programmi di immunizzazione e i servizi sanitari essenziali. Per completare il sistema sanitario, l’OMS sta anche lavorando con più di 40 squadre mediche di emergenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *