Che lingua parlavano a Troia?

Troia era in fiamme. Dopo dieci anni di guerra, i greci erano riusciti ad entrare in città con un trucco. Ora stavano inseguendo tutti. Il guerriero troiano Enea si precipitò a casa di suo padre, Anchise. Lo pregò di fuggire dalla città, ma il vecchio non ne venne a conoscenza. “Tu che hai ancora nelle vene il sangue fresco della giovinezza e che sei ancora nel fiore degli anni, devi fuggire. Se gli abitanti del cielo avessero voluto tenermi in vita, avrebbero salvato questo luogo.

Enea protesta. Che razza di figlio era se lasciava morire suo padre? “Come puoi mettere così grande malizia sulle tue labbra?” Gettò Anchise alle spalle e fuggì dalla città. Infine, dopo molte peregrinazioni, Enea si ritrovò in Italia, dove, secondo il mito, divenne l’antenato del popolo romano.

In quale lingua sarebbe avvenuta questa conversazione tra padre e figlio? Conosciamo la scena drammatica dell’epopea Eneide dell’autore romano Virgilio. Scrisse in latino nel I secolo aC, ma questa non era ovviamente la lingua parlata a Troia. Il Eneide e anche il ilia Non ci sono registrazioni di Omero, ma gli antiquari concordano sul fatto che Troia sia effettivamente esistita e sia stata distrutta in una guerra intorno al 1180 a.C. A quel tempo, un popolo “Troiano” viveva effettivamente sulla costa nord-occidentale della Turchia, con la propria lingua.

Alwin Kloekhorst, docente al Center for Linguistics dell’Università di Leiden, pensa di aver capito che lingua fosse. Ha recentemente pubblicato le sue scoperte Nell’articolo Luvi, Lidi, Etruschi e Troiani. Il paesaggio linguistico dell’Anatolia nordoccidentale nel periodo preclassico.

Per il grande pubblico

Kloekhorst è specializzato nelle lingue parlate in Anatolia, l’attuale Turchia, prima dell’inizio della nostra era. Dieci anni fa, l’Allard Pierson Museum gli chiese di scrivere un pezzo per una mostra su Troia. “In questo testo ho speculato sulla lingua parlata a Troia, ma era per il grande pubblico. I colleghi mi hanno chiesto di ricercare scientificamente questa teoria. Questo è quello che ho fatto con questo articolo.

READ  Rutte: l'Italia stessa responsabile dei rendimenti obbligazionari

Ci sono pochissime fonti dell’età del bronzo (1950-1180 aC) in questa parte occidentale dell’Anatolia, dice Kloekhorst. “Sappiamo che Troia è esistita davvero grazie alle tavolette d’argilla trovate ad Hattusa, la capitale degli Ittiti, un popolo che visse tra il 1700 e il 1200 a.C. governò un grande impero nel cuore dell’Anatolia. Le tavolette menzionano Wiluša, regno che coincide in territorio con Troas, paese di cui Troia era capitale. Uno dei re si chiamava Alakšandu, nome molto simile al greco AlexsandroV [Alexandros]. Questo non prova che il greco fosse la lingua ufficiale qui, ma che potrebbe esserci stata una migrazione di persone dal mondo di lingua greca.

Un’altra lingua che potrebbe essere stata parlata a Wiluša/Troas è il Luwisch, dice Kloekhorst. Gli scavi a Troia hanno trovato un sigillo con un’iscrizione in geroglifici luviani. “Ma tali sigilli possono essere trovati in tutto il Vicino Oriente, quindi non sorprende che sia stato trovato un sigillo anche a Troia. Ciò non significa che parlassero Luwisch lì.

In breve, non ci sono prove convincenti per la lingua di Troia dall’età del bronzo, il periodo in cui Troia combatté contro una forza greca invasore, che poteva o meno essere stato mitico guerrieri. Pertanto, Kloekhorst andò alla ricerca di fonti dell’età del ferro e del successivo periodo classico della storia greca (1200-500 e 500-300 aC).

difficile da sostenere

Non fu solo Wiluša a lottare intorno al 1200, perché a quel tempo il cosiddetto Crollo dell’età del bronzo posto. In tutto il Mediterraneo gli imperi crollarono e invasero i migranti provenienti dall’Europa occidentale e settentrionale. Allo stesso modo in Anatolia. Lì apparvero lingue come il frigio e il lidio, che erano parlate a nord e ad est di Wiluša. Sull’isola di Lemno, a 70 chilometri da Troas, si parlava lemnisch. “È un linguaggio molto speciale”, dice Kloekhorst. “A differenza di tutte le altre lingue anatoliche, il lemniano non è indoeuropeo. Tuttavia, l’analisi linguistica mostra che questa lingua ha una famiglia al di fuori dell’Anatolia, precisamente in Italia. Questi sono l’etrusco, nella regione sopra Roma, e il Retico, di cui si parlava nelle Alpi. Queste lingue devono quindi aver avuto un antenato comune: una lingua parlata da qualche parte prima del Crollo dell’età del bronzo.”

READ  Vaccino anti-Covid, l'allarme di Arcuri: "Da lunedì 29% in meno di dosi di Pfizer: ci penserà l'azienda o procederà in giudizio". L'hanno già ricevuto oltre un milione di italiani

Le persone che parlavano etrusco e lemniano venivano talvolta chiamate Tyrsenoi (Tirreni) dagli autori greci classici. Ne abbiamo sempre parlato al passato, come se fossero una popolazione in pericolo. Kloekhorst: “All’inizio di questo secolo, Robert Beekes, professore di indoeuropeo a Leida, ha raccolto tutti i riferimenti ai Tyrsenoi. Se la posizioni su una mappa dell’area intorno al Nord Egeo, viene creata una regione con l’impero Wiluša/Troas e la città di Troia al centro. Quindi la mia conclusione è: a Troia parlavano una lingua che io chiamo proto-tirreno, la lingua da cui in seguito si sono evoluti il ​​lemnio e l’etrusco.

E così la linguistica si inserisce bene nella storia di Enea, un uomo che fuggì dall’Anatolia nordoccidentale e finì in Italia. “La figura di Enea si incontra in Etruria già nel VII secolo aC. contro i vasi”, dice Kloekhorst. Per quanto mi riguarda, ciò rendeva improbabile che diventasse popolare solo dopo la messa in onda di Homer. ilia nell’VIII sec. Inoltre, era un personaggio minore in questa poesia, quindi perché i romani avrebbero dovuto sceglierlo come loro antenato? No, ci penso Eneide si sentono gli echi di un volo da Wiluša, di persone che parlavano prototirreno e trovavano una nuova casa in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *