Ci sono anche molti insetti nel monotono tappeto verde

Ci sono anche molti insetti nel monotono tappeto verde

Più velocemente cresce l’erba in un prato, più insetti ci troverai. Un gruppo internazionale di biologi è giunto a questa sorprendente conclusione sulla rivista scientifica questo mese Conservazione biologica. I ricercatori hanno confrontato 64 appezzamenti di prati dove hanno nidificato uccelli di prateria in cinque diversi paesi europei: oltre ai Paesi Bassi, anche in Francia, Polonia, Estonia e Finlandia.

Hanno contato insetti volanti e ambulanti e animali bentonici come i lombrichi. Hanno anche determinato la velocità con cui cresceva l’erba. Le specie di insetti ambulanti, come molti coleotteri, hanno mostrato uno schema sorprendente: più produttiva è la prateria, più insetti vivevano nei vasi interrati dei ricercatori e più pesanti erano gli insetti.

Il progetto è stato guidato dal professore di conservazione della natura di Wageningen David Kleijn. “Nel caso del forte calo degli insetti, si fa riferimento, tra l’altro, all’agricoltura intensiva”, spiega Kleijn per il motivo della ricerca. “Ma la richiesta di praterie gestite in modo estensivo come panacea per gli insetti, e quindi per i pulcini di uccelli delle praterie, sembra eccessivamente miope sulla base di questa ricerca. Pare che molti insetti possano anche camminare nelle praterie, molto produttivi.

Tendenza inversa

Kleijn e i suoi colleghi sono stati anche in grado di confutare un’altra affermazione spesso sentita secondo cui gli insetti volanti stanno diventando sempre più piccoli nelle praterie gestite in modo più intensivo. “Abbiamo assistito a una tendenza inversa. Quando l’erba cresceva più velocemente, i singoli insetti volanti sembravano aumentare di peso, sebbene non vi fosse alcuna correlazione con la quantità totale di insetti volanti.

Oltre al tasso di crescita dell’erba, i ricercatori hanno anche esaminato il contenuto di umidità del suolo. Ancora una volta, hanno visto una correlazione con le dimensioni degli insetti ambulanti: più il terreno è asciutto, più piccoli sono gli insetti. “Ma questo effetto è stato annullato quando un pezzo di prato non solo è stato reso più asciutto, ma è stato anche utilizzato in modo più intensivo per la produzione di erba. Nel complesso, non abbiamo riscontrato che la quantità di insetti per definizione diminuisce quando i prati vengono utilizzati in modo più intensivo”, afferma Kleijn.

Il professore avverte che “più insetti ambulanti nei prati più intensivi” non è per definizione migliore per i pulcini degli uccelli dei prati, ad esempio. “L’erba che cresce più velocemente viene solitamente falciata all’inizio dell’anno, il che rappresenta una grave minaccia per i pulcini dei prati. E un’erba che cresce così velocemente da diventare una fitta giungla è anche un problema per un pulcino che deve cercare il proprio cibo, non importa quanti insetti contenga.

Attenzione alle conclusioni affrettate

Il team internazionale di autori comprende anche Theunis Piersma, professore di ecologia degli uccelli migratori a Groningen. Inoltre mette in guardia dal saltare alle conclusioni. “Questo studio mostra principalmente un legame tra la crescita dell’erba e gli insetti ambulanti, come i coleotteri. Resta da vedere se sia anche un alimento adatto per i pulcini.

I ricercatori sospettano che molti pulcini di prateria dipendano principalmente da insetti volanti in cima alle piante. “E in questo studio, non abbiamo visto questi insetti volanti migliorare o diminuire a nessun livello con l’aumento dell’uso delle praterie”. Il fatto che l’intensificazione non vada di pari passo con una diminuzione degli insetti volanti è di per sé sorprendente, afferma Piersma. “Più massa vegetale potrebbe anche significare più cibo, anche per gli insetti volanti. Ma a quanto pare ci sono altri problemi per questi insetti volanti.

“Questo è uno studio interessante e importante”, afferma l’ecologa Eelke Jongejans della Radboud University Nijmegen. Jongejans è già stato coinvolto in studi sul calo della quantità di insetti nella natura olandese e tedesca. “Esaminando le 64 regioni europee, questa nuova ricerca mostra effettivamente un legame con la produttività delle praterie”, afferma Jongejans.

“All’interno dei paesi, gli effetti sul numero di insetti sono molto più bassi. Se si osservano solo le dodici praterie olandesi gestite in modo intensivo ed estensivo in questo studio, si nota anche una leggera tendenza in media verso una diminuzione degli insetti volanti e degli animali bentonici nelle praterie gestite in modo più intensivo. Jongejans sospetta quindi che fattori diversi dal tasso di crescita dell’erba determinino anche la quantità di insetti nei Paesi Bassi.

Le popolazioni di uccelli delle praterie, in particolare quella della pittima reale, sono aumentate negli anni ’70 fino a raggiungere picchi record di circa 120.000 coppie riproduttive. Ciò è generalmente attribuito al fatto che l’agricoltura dell’epoca aveva creato un paesaggio perfetto per il nostro uccello nazionale. Ma c’è un limite a questo, sottolinea anche Piersma. “Questo studio mostra che l’agricoltura porta davvero più erba sulla terra e più insetti. Ma questa crescita chiaramente non continuerà all’infinito.

Leggi anche:

Meno siccità a causa delle erbacce tra l’erba della fattoria.

Più di 800 agricoltori hanno partecipato a un progetto per seminare erba con molte erbe negli ultimi due anni. Il risultato è meno siccità e più biodiversità.

Meno falci, più fiori ottieni, è così semplice

Un grande prato leggermente falciato era originariamente un’invenzione britannica e uno status symbol. Ciò significava che avevi abbastanza soldi per mantenere un’area così erbosa.

READ  oggi sereno, martedì 3 piogge e schiarite, mercoledì 4 temporali »ILMETEO.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *