Come la guerra in Ucraina provoca morti indirette

Anche se potrebbe non essere la minaccia più urgente per gli ucraini, il Covid rimane un serio rischio. I treni sovraffollati, i rifugi antiaerei e le strutture per i rifugiati offrono le condizioni ideali per la trasmissione del covid. Nel Paese, gli attacchi russi hanno distrutto le strutture sanitarie e interrotto le rotte di consegna degli aiuti umanitari e gli ospedali ancora funzionanti mancano di risorse come ossigeno e forniture mediche essenziali.

“La guerra in Ucraina sta avendo effetti devastanti sulla salute del popolo ucraino che continueranno per anni o decenni a venire”, ha dichiarato il 17 marzo il direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus durante la riunione del Consiglio. Sicurezza delle Nazioni Unite sull’Ucraina.

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, il numero di casi di Covid nel paese era sceso dal picco all’inizio di febbraio di oltre 37.000 casi al giorno. Ma dall’inizio della guerra sono stati effettuati meno test Covid e il numero di nuovi casi segnalati dalle autorità sanitarie ucraine è probabilmente sottovalutato. L’Ucraina ha anche un tasso di vaccinazione relativamente basso: si stima che circa il 36% degli ucraini abbia ricevuto iniezioni, il che rende più probabile che almeno alcuni di coloro che contraggono la malattia siano gravemente colpiti.

Il Covid è ancora una minaccia. “Non è andato via, ma le priorità sono decisamente cambiate”, ha affermato Paul Spiegel, direttore del Center for Humanitarian Health presso la Johns Hopkins University. “Coloro che prima si sono concentrati sul covid ora sono preoccupati per la propria vita, per lasciare il proprio Paese, i propri figli, il proprio partner”.

Spiegel afferma che le condizioni affrontate da molti rifugiati probabilmente aumenteranno la trasmissione di SARS-CoV-2, il virus che causa Covid. Anche se teme che ciò possa portare a un aumento dei casi di rifugiati, afferma che i paesi ospitanti devono fare attenzione a non incolpare loro per la diffusione della malattia. Molti paesi europei stanno già vivendo una nuova ondata di casi causati dalla sottovariante BA.2 di Omicron, quindi l’afflusso di rifugiati potrebbe avere scarso effetto sul numero totale di casi. Tuttavia, i milioni di rifugiati che entrano nei paesi europei vicini avranno bisogno di cure e questi paesi devono essere preparati a gestire la pressione sui loro sistemi sanitari.

READ  Stati federali: prepararsi per il corona in autunno

Negli ultimi giorni, la Russia ha intensificato gli attacchi ai civili e alle infrastrutture civili, compresi gli ospedali. Secondo il sistema di monitoraggio degli attacchi alle strutture sanitarie dell’OMS, ci sono stati 73 attacchi alle strutture sanitarie ucraine tra il 24 febbraio e il 28 marzo.

Una tragica e diffusa foto di cronaca che è recentemente circolata mostra una donna incinta su una barella tra i resti bombardati di un ospedale nella città di Mariupol, nell’Ucraina orientale. Né la donna né il suo feto sono sopravvissuti.

Le organizzazioni sanitarie internazionali hanno chiesto alla Russia di porre fine a questi attacchi all’assistenza sanitaria. “Questi orribili attacchi stanno uccidendo e ferendo gravemente pazienti e operatori sanitari, distruggendo infrastrutture sanitarie vitali e costringendo migliaia di persone a rinunciare all’accesso ai servizi sanitari nonostante il disperato bisogno”, una dichiarazione congiunta di OMS, UNICEF e Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) . “Attaccare i più vulnerabili – neonati, bambini, donne incinte, coloro che già soffrono di malattie e disturbi e operatori sanitari che rischiano la propria vita per salvare vite umane – è un atto di spietata crudeltà”. La dichiarazione chiedeva anche un cessate il fuoco immediato per consentire l’accesso agli aiuti umanitari, una richiesta che chiaramente non è stata soddisfatta.

Oltre al Covid, la guerra potrebbe aumentare il rischio di altre malattie infettive, come la tubercolosi (TB), il morbillo e la poliomielite. L’Ucraina ha un alto tasso di morte e disabilità per tubercolosi, inclusa la tubercolosi resistente ai farmaci. “La situazione in Ucraina prima della guerra non era terribile”, ha affermato Lucica Ditiu, direttore esecutivo della Stop TB Partnership, un’organizzazione con sede a Ginevra che fa parte delle Nazioni Unite. Ma Stop TB ha collaborato con l’Ucraina per risolvere il problema e trovare farmaci per curare le persone con la malattia. Il paese era determinato a fare progressi, ha detto Ditiu. Poi è iniziata la guerra.

READ  Dopo l'ondata di Omikron: "Molti residenti di Bruxelles ora sono immuni dal corona"

“Quello che sta succedendo ora è orribile”, ha detto Ditiu. Gli ospedali e le farmacie che forniscono cure essenziali per la tubercolosi vengono distrutti. “Ci sono voluti anni per costruire questo sistema. Ci vorranno decenni per ricostruirlo”, dice. I sintomi della tubercolosi sono molto simili a quelli del Covid – entrambi possono causare tosse, febbre e sudorazioni notturne – ed entrambe le malattie si diffondono facilmente nelle condizioni di affollamento in cui vivono molti rifugiati.

Ditiu non solo chiede la fine della guerra, ma raccomanda anche una serie di altre misure per affrontare la crisi. I paesi che ospitano i rifugiati hanno bisogno di sostegno, comprese cure mediche e personale. E devono essere creati corridoi umanitari in modo che gli operatori sanitari e le forniture mediche possano raggiungere gli ucraini nelle parti duramente colpite del Paese.

La poliomielite può anche riemergere a causa della guerra. La malattia può essere prevenuta con i vaccini ed è stata quasi sradicata dalla maggior parte del mondo. Ma nell’autunno dello scorso anno, in Ucraina sono stati segnalati alcuni casi. Il Paese ha risposto a questa epidemia con una campagna di vaccinazione, ma la guerra ha interrotto questi sforzi, aumentando il rischio di nuove epidemie.

C’è un legame secolare tra guerra ed epidemie. La guerra civile in Siria e la conseguente crisi dei rifugiati hanno causato focolai di morbillo. E il violento conflitto nella Repubblica Democratica del Congo, che includeva attacchi diretti agli operatori sanitari, ha esacerbato i recenti focolai di Ebola.

“Quello che sappiamo dalla ricerca sulla guerra è che ci sono due tipi di trauma”, ha detto Rohini Haar, epidemiologo dell’Università della California, Berkeley, School of Public Health. Ci sono traumi diretti o violenti, che provocano vittime nei combattimenti stessi, e ci sono traumi indiretti, che durano anni e potrebbero non essere mai completamente documentati. “In generale, il trauma diretto è la principale fonte di morte nei primi giorni e nelle prime settimane”, afferma Haar. “Ma dopo mesi e anni, questo impallidisce in confronto alle morti indirette”.

READ  Pulire i motori con l'idrogeno: cosa devi sapere

Lei e i suoi colleghi hanno condotto uno studio sui casi di morbillo in Siria sulla base dei dati del 2015, ma la guerra civile nel Paese stesso è iniziata nel 2011. “Non sappiamo nemmeno cosa sia successo prima, perché nessuno importava”, ha detto. Teme che le morti e le malattie indirette siano probabilmente sottovalutate in Ucraina. E gli effetti sulla salute della guerra in Ucraina dovrebbero continuare per molti anni. “Questo è solo l’inizio di quella che alla fine diventerà una crisi prolungata”, dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *