Il paziente deceduto con la corona ha portato il virus per 16 mesi, forse una scienza record

Il paziente deceduto con la corona ha portato il virus per 16 mesi, forse una scienza record

Un paziente che è stato infettato dal virus corona per oltre 16 mesi è stato curato nel Regno Unito. Questa è una persona che da allora è morta e aveva un sistema immunitario gravemente indebolito. I medici britannici sospettano che sia una delle infezioni da Covid-19 più antiche al mondo.

Il paziente, la cui identità non è stata rilasciata, è morto l’anno scorso in un ospedale britannico. Che i pazienti portino con sé particelle di virus per così tanto tempo è piuttosto unico, dicono gli esperti alla BBC. Sembra che infezioni a lungo termine come questa debbano essere studiate a fondo per aumentare la nostra conoscenza del coronavirus e dei suoi rischi associati.

La maggior parte delle persone infette da Covid-19 espellono il virus dal corpo. Ma questo paziente aveva un sistema immunitario gravemente indebolito a causa di condizioni di base e quindi non era in grado di combattere il virus da solo.

Nessun covid polmonare

Il paziente è stato infettato per la prima volta all’inizio del 2020 e ha visitato l’ospedale più volte nei mesi successivi sia per i controlli di routine che per le cure di emergenza. Ad ogni controllo – una cinquantina in tutto – il paziente era positivo, il che significa che c’erano ancora particelle virali nel suo corpo.

I medici del King’s College di Londra hanno affermato che le indagini hanno rivelato la stessa identica infezione, piuttosto che ripetuti attacchi. Il paziente non è stato in grado di sbarazzarsi dell’infezione anche con l’aiuto di farmaci. I medici dicono che è qualcosa di diverso dal “polmone covid”, dove il virus viene eliminato dal corpo, ma i sintomi persistono.

READ  Questi sono davvero alberi su Marte?

Nuove mutazioni

Le infezioni a lungo termine sono rare ma importanti, affermano i ricercatori della BBC, perché possono portare allo sviluppo di nuove varianti. Ciò non è avvenuto in questo caso. “Il virus si adatta ancora all’ospite una volta che le persone sono state infettate per molto tempo. Questo potrebbe dare al covid la possibilità di creare nuove mutazioni. Alcuni dei pazienti che abbiamo studiato hanno mutazioni che sono state identificate in varianti preoccupanti”, ha detto un medico televisione britannica.

Una persona con un’infezione cronica non è necessariamente contagiosa per gli altri, aggiunge il medico.

Leggi anche:

Che dire dei farmaci corona ora che ci sono disturbi corona in tutto il mondo? Quali sono usati? E con chi?

Il Sudafrica rompe il vaccino Moderna, aprendo le porte a un vaccino conveniente: “Fa bene all’Africa e fa bene a noi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *