come ottenerlo e dove spenderlo in Veneto

Via libera al Bonus Termine, la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale ha reso operativo l’incentivo fino a 200 euro da spendere per le cure nelle terme convenzionate. Sarà attiva la piattaforma di prenotazione, gestita da Invitalia da ottobre .

Il Bonus Terme è destinato a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti da Isee senza limiti legati al nucleo familiare. “Si tratta in particolare di un intervento che mira a sostenere un settore particolarmente colpito dall’emergenza covid”, si legge nel documento.

È un bonus

Ogni cittadino potrà beneficiare di un bonus, che consiste in a 100% di sconto sul prezzo di acquisto dei servizi termali prescelti, fino ad un massimo di 200 € massimo . In occasione di un prossimo avviso pubblicato sui siti Mise e Invitalia, verrà comunicato l’elenco degli stabilimenti convenzionati e l’apertura delle prenotazioni per i servizi termali.

Vieni a prenotare

È necessaria la prenotazione presso la spa prescelta, che rilascerà il certificato di prenotazione. La prenotazione è valida per 60 giorni della sua trasmissione; i servizi riservati devono essere utilizzati durante questo periodo. Le terme presso le quali il cittadino ha usufruito dei servizi termali, richiede ad Invitalia, tramite apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del voucher utilizzato dal cittadino.

Il bonus si sta esaurendo (53 milioni), ecco perché a giorno del clic, come in precedenza con il bonus scooter.

Centri termali

Il Veneto ha una lunga tradizione nel campo delle cure termali, grazie ad un territorio capace di offrire un’ampia varietà di sorgenti e strutture adatte a tutte le esigenze. Vanno dalle Terme di Abano e Montegrotto dove sono specializzati in fanghi e nei trattamenti di bellezza, a Recoaro, famosa per le proprietà curative delle sue acque, e dove si respira l’aria della Belle Epoque. La Mise stabilirà un apposito elenco dal quale scegliere la struttura accreditata.

READ  questo centesimo vale 1.000 euro!

CENTRI TERMALI, SPA, CENTRI BENESSERE IN VENETO

Green pass e terme: quando scatta l’obbligo
Una faq del governo ha confermato l’obbligo di avere una carta verde per accedere alle terme e alle piscine coperte. Alle terme non è obbligatorio il green pass per le attività riabilitative e terapeutiche, per le quali è richiesta la prescrizione del proprio medico di famiglia o di uno specialista. Dal 6 agosto 2021 è necessario presentare il certificato verde per i servizi di fisioterapia e benessere termale e benessere in piscina e in palestra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *