Come Trump guarda la TV

Donald Trump è noto per guardare la televisione molto e per molte ore ogni giorno: tutti quelli che hanno lavorato con lui lo hanno detto, e qualche tempo fa lui stesso. Egli ha detto in conferenza stampa quello che aveva fatto il giorno prima. “Ho guardato Liz McDonald, è stata fantastica. Ho visto Fox Business. La sera ho visto Lou Dobbs, Sean Hannity, Tucker, Laura. Ho guardato questa mattina Fox e amiciTrump interagisce ripetutamente in diretta con i programmi che guarda, scrivendo tweet critici o approvando. Il tempo che Trump trascorre guardando la televisione – anche sette ore al giorno – è indicato nella sua agenda ufficiale vieni “Executive Time”.

Allo stesso modo, è noto che la stazione televisiva preferita di Trump è di gran lunga Fox News, e come i due si influenzano a vicenda. Questa storia è l’argomento del libro Inganno, pubblicato in Italia da NR Edizioni e scritto dal giornalista della CNN Brian Stelter, che conduce una rubrica seguita da analisi e critiche mediatiche sulla popolare rete televisiva americana. Il libro racconta lo stretto rapporto di dipendenza reciproca tra Trump e Fox News e come l’emittente televisiva definisce l’agenda politica del presidente degli Stati Uniti. Pochi giorni fa Stelter è stato intervistato da Francesco Costa, Vicedirettore di The Post ed esperto di affari statunitensi.

***

Trump si è dato più “tempo da dirigente” e ha guardato più televisione nel corso degli anni. Aveva dotato la sua residenza al piano di sopra di diversi televisori e registratori digitali, e si era fermato lì la mattina, lontano dalla vista delle potenziali talpe che lavoravano per lui al piano di sotto. Di solito guardava programmi come Fox e amici con un piccolo ritardo, che gli ha permesso di saltare gli spot pubblicitari durante la corsa. È passato da Fox Business a Newsmax a emittenti gratuite. Nonostante il suo dichiarato odio per CNN e MSNBC, ha anche tenuto d’occhio quei canali. Lo so perché i miei ospiti sono accesi Fonti affidabili a volte sono stati contattati dal presidente dopo aver detto cose a suo nome durante il mio programma. Una delle più grandi bugie, misurata in termini di distanza dalla verità, che abbia mai detto è stata: “Non guardo molta televisione”. Ha guardato così tanto che a volte, da fan appassionato, si addormentava con Fox ancora acceso.

READ  Iran-Usa, Pompeo: "Tornano in vigore le sanzioni Onu". E minaccia di punire chi non li rispetta

I registratori erano una parte fondamentale della sua attrezzatura televisiva. Il presidente ha definito TiVo “una delle più grandi invenzioni di tutti i tempi” e ha detto che la televisione è “praticamente inutile senza TiVo”. Ma TiVo, che è stato inventato nel 1999, era solo il segno di un concetto generico, come le persone che fotocopiavano un foglio con un’altra fotocopiatrice (il gioco di parole nell’originale è con “Xeroxed”, del marchio Xerox, che in inglese è usato come sinonimo di fotocopiatura, ndt). Trump affermava di avere un “Super TiVo” alla Casa Bianca, ma in realtà aveva il DirecTV Genie HD DVR, un sistema per tutta la casa che registrava più canali contemporaneamente e permetteva agli utenti di guardare quelle registrazioni da qualsiasi luogo. schermo di casa. . Tecnologia davvero straordinaria per un teledipendente. Con Genie, poteva sfogliare ore di programmazione Fox nella sua residenza, prendersi una pausa, andare allo Studio Ovale e riprendere da dove aveva interrotto. Quando si è trasferito, aveva un televisore da 60 pollici sopra un caminetto nella sua sala da pranzo privata nell’ala ovest, a pochi passi dallo Studio Ovale. Era lì che di solito riceveva le notizie via cavo durante la giornata lavorativa prima di ritirarsi al piano di sopra la sera. Obama teneva solo una piccola TV nella sala da pranzo, solitamente sintonizzata su ESPN, come Trump stesso ha detto ai visitatori, prendendo in giro le dimensioni dello schermo del suo predecessore e nominando il suo sostituto. .

C’erano anche altri televisori sparsi per l’ala ovest, molti dei quali erano sintonizzati su uno dei quattro schermi che mostravano quattro canali diversi contemporaneamente. La versione più popolare era “The Four Boxes of Cable TV”, con Fox News, Fox Business, MSNBC e CNN. Un altro schermo a quattro schermi mostrava i canali televisivi di Washington. Una terza variante includeva C-SPAN, CNBC e Bloomberg. Come avrete intuito, Trump era particolarmente interessato alla versione con le quattro TV via cavo.

READ  Contagio a scuola, Bella (M5S): "La 14-18 anni è la più a rischio, ma io sono già in AD. Il rischio zero non esiste da nessuna parte" [INTERVISTA]

Ha anche ricevuto file pieni di clip di notizie per vedere chi parlava di lui, e cosa diceva la scritta sovrapposta, nelle rare ore in cui non era davanti alla televisione. I file includevano anche le trascrizioni di alcuni segmenti televisivi e, secondo Vice, “a volte solo le immagini di Trump in TV con un aspetto potente”.

Alcuni giornalisti di Time che hanno passato del tempo a guardare la TV con Trump nel 2017 hanno riferito che guardava lo schermo “come un allenatore che copre il nastro della partita, studia gli avversari e pianifica le mosse per la prossima settimana”. A volte riguardava i suoi discorsi e discorsi; altre volte, i suoi rivali democratici. DirecTV Genie era la chiave di tutto.

La battuta di Fox era che Trump guardava i programmi dell’emittente più della direzione. Ora che Hope Hicks non era più alla Casa Bianca e lavorava alla Fox Corp, sapeva che c’era del vero. Ma odiava il clamore sul presidente attaccato a Fox News. Pensava che lo facessero sembrare modesto e disinformato.

Il problema, tuttavia, era che queste storie erano vere.

Il direttore dei social media della Casa Bianca Dan Scavino è stato incaricato di assicurarsi che l’orbita di Trump veda i segmenti di Fox preferiti da Trump. Ha twittato così tanti video dei programmi dell’emittente che il suo account Twitter a volte sembrava l’account ufficiale della rete.

“Fox”, mi ha detto un assistente della Casa Bianca, riferendosi al sistema di gestione dei materiali che i siti utilizzano per pubblicare i contenuti, “non è solo una cassa di risonanza. Lo vediamo come un sistema di gestione dei contenuti con steroidi ”. Ha descritto l’emittente come il CMS definitivo, un meccanismo per creare contenuti che gli ex presidenti avrebbero ucciso per avere. Si tratta di “pubblicare clip e assicurarsi che gli influencer li girino dove milioni di persone possano consumarli”. Ciò significa “ottenere siti di notizie amichevoli per scrivere articoli su articoli; dare al partito munizioni per la sua ricerca sull’opposizione; assicurarsi che le campagne possano menzionare Breitbart o il Daily Caller in pubblicità televisive e per posta. E viene tutto da Fox ”.

READ  Indagine del NYT: lobbisti nei complessi dell'impero Trump in cambio di favori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *