Comprate case sotto la pista dell’aeroporto di Eindhoven: troppo fastidio

Comprate case sotto la pista dell’aeroporto di Eindhoven: troppo fastidio

Due case vicino all’aeroporto di Eindhoven sono state acquistate perché risentono troppo del rumore dell’aeroporto. Il rumore e il fastidio sono così grandi che misure come l’isolamento non offrono alcuna soluzione. I soldi pagati per l’acquisizione provengono dal Liveability Fund, che ha lo scopo di migliorare l’ambiente dell’aeroporto.

Queste sono due case sulla Kerkheide a Wintelre. La vendita è stata finalizzata alla fine dello scorso anno dopo un processo lungo anni, conferma Jeroen Weekers, presidente della Eindhoven Airport Liveability Foundation. I colloqui sono attualmente in corso con un terzo residente che è anche idoneo per l’acquisizione.

“Casi strazianti”
Il barattolo del Fondo Abitabilità è riempito da diversi soggetti:

  • Aeroporto di Eindhoven,
  • provincia del Brabante,
  • il Ministero della Difesa,
  • il Ministero delle Attrezzature e dell’Ambiente,
  • comune di Eindhoven e altri comuni circostanti.

Un milione di euro del fondo è destinato a progetti volti a migliorare l’ambiente di vita dell’aeroporto. 750.000 euro andranno alla ricerca sanitaria.

Un’altra parte viene utilizzata per riscattare tre “casi dolorosi”, secondo i rapporti del fondo. Weekers non significa quanti soldi sono coinvolti. “Poi diventa chiaro quanto viene pagato per le case e non lo vogliamo”.

Troppo rumore e fastidio
Le tre case sono già state classificate come “casi dolorosi” nel 2019. Pieter van Geel pubblica quindi un rapporto sul futuro dell’aeroporto di Eindhoven e sull’ambiente di vita. In questa relazione concludeva che la personalizzazione era necessaria per “situazioni individuali particolari”. Anche allora, si è scoperto che misure come l’isolamento non offrivano una soluzione per un certo numero di persone. I fastidi e il rumore sono un peccato in questi luoghi.

Un dettaglio importante è che queste persone hanno vissuto a lungo in questo luogo appena sotto la pista. Altre persone nello stesso quartiere non possono quindi beneficiare del programma. “Queste sono persone che hanno vissuto qui per tutta la vita, molto prima che l’aeroporto fosse ampliato. Soffrono di fastidi molto significativi dovuti alla crescita dell’aeroporto”, spiega Staf Depla. È presidente della consultazione all’aeroporto di Eindhoven, che mette in pratica i consigli di Van Geel.

READ  Elon Musk ha avuto una relazione con la moglie del co-fondatore di Google Sergey Brin Stars

“Sono felice che sia stato esaudito anche un desiderio che era sulla carta. Il denaro è stato pagato da un fondo separato all’interno del fondo, a cui hanno contribuito tutte le parti”.

“rumore di vaiolo”
Klaas Kopinga è presidente di Belangenvereniging Omwonenden Welschap ed è a conoscenza dell’acquisizione. Secondo lui, infatti, si tratta di situazioni specifiche in cui “le persone sono davvero un po’ in subbuglio”. “Al giorno d’oggi, non dovrebbero essere costruite nuove case in questi luoghi. Il fastidio è troppo serio per quello.”

Non è vero che ora sono ammissibili anche i residenti locali che sentono di subire i disagi dell’aeroporto. I soldi sono destinati solo a questi tre casi, sottolineano Weekers e Depla. Non si sa ancora cosa accadrà alle case, ma secondo Weekers almeno non vi abiterà più nessuno.

Omroep Brabant ha parlato con uno dei locali, ma non ha voluto rispondere ulteriormente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *