Conte: “Sì al governo politico”. Ai 5 Stelle: “Ce ne sono e io ci sarò”. E rilanciare il patto con il Pd. Zingaretti incoronato leader del fronte progressista

Giuseppe Conte rompere il silenzio. Il giorno in cui Mario draghi ha avviato consultazioni con varie forze politiche, il primo ministro Dimesso, ha rilasciato il suo primo comunicato ufficiale da quando aveva ufficializzato il ritorno al Quirinale. Non l’ha fatto per Palazzo Chigi – probabilmente volendo evitare le polemiche relative alle sue dimissioni – ma all’esterno, da un tavolo di vetro posto al centro di piazza Colonna. Un discorso breve e sintetico, in cui Conte ha detto sostanzialmente tre cose. Il primo: non sarà lui a interferire Mario draghi nella formazione di a nuovo governo. Il secondo: a uno quadro tecnico preferisco uno politico. Il terzo: si è rivolto a “amici del movimento 5 stelle“E quelli di Pd e Leu per rilanciare l’alleanza che ha sostenuto il suo governo. Concetti che risuonano leader politicoe non più solo dall’avvocato del popolo che ha avuto il merito di rappresentare la sintesi tra le diverse parti. Un ruolo che ora la segretaria esige Nicola Zingaretti riconosce esplicitamente: Conte si propone come leader del progressivo in avanti? Per me va bene“Ha detto il leader del Nazareno la sera su La7. “La vera ragione dell’attacco di Matteo renzi, che ha fatto cadere il governo, era la sua paura di un’alleanza competitiva (tra M5, Pd e Leu, ed) che ha lasciato fuori Vivere l’Italia e lasciarla morire “.

Le parole del premier uscente – Con l’approvazione di Zingaretti, Conte è quindi in pole per diventare il primo contendente dei giallorossi nel prossimo elezioni. Sicuramente la dichiarazione del Presidente del Consiglio prima Palazzo Chigi non ha i toni tipici di a il primo ministro dimesso. Al contrario: parla Conte leader della coalizione – l’ha chiamata “un’alleanza per lo sviluppo sostenibile»- chi vuole parlare con il nuovo Presidente del Consiglio in carica. “Il progetto che abbiamo iniziato a costruire un’alleanza per lo sviluppo sostenibile è un progetto forte e concreto che aveva già iniziato a dare i suoi frutti: dobbiamo continuare a portarlo avanti. Offre una prospettiva reale di modernizzare finalmente il Paese nel segno della transizione energetica, della transizione digitale e dell’inclusione sociale ”, dichiara l’avvocato di Volturara Appula.

READ  Il Dpcm cambierà. Zone rosse locali più severe, fine settimana come il Natale: indicazioni Cts

“Le scelte politiche sono necessarie per le emergenze del Paese” – Interviene Giuseppe Conte in strada, davanti alla sede del capo del governo, incarico che attualmente ricopre solo per l’attualità. Si avvicina a un tavolo allestito lì per i microfoni della televisione poco dopo le 13:40 e spiega: “Prima di tutto, voglio ringraziare Presidente Mattarella, è stato un prezioso interlocutore nei rapporti sia istituzionali che personali ”, è il primo scelto dal primo dimissionario. Il che va subito al dunque: “Ieri ho conosciuto Draghi: a lunga manutenzione, molto aperto alla fine del quale l’ho fatto auguri per il tuo lavoro. Mi descrivono come a ostacolo, ovviamente, non mi conoscono o parlano in malafede. Cerchiamo sabotatori altrove “. Il primo ministro in carica ha offerto le dimissioni per entrare a far parte del suo governo? Conte non lo dice, ma specifica che ha “sempre” ha lavorato per il bene del paese“E così ora farà del suo meglio” per renderlo possibile formare un nuovo governo“. Ma, aggiunge,” da questo punto di vista, spero governo politico che sia solido e che abbia coesione sufficiente per fare scelte politiche ”. Una dichiarazione che suggerisce il più possibile il percorso di un governo guidato da Draghi con ministri politici. “Il le emergenze nel Paese richiedono scelte politiche, non possono essere affidati a squadre di tecnici ”, spiega Conte. Che poi completa la sua transizione a leader di coalizione. Prima si rivolge a “il amici del movimento 5 stelle“. Cosa dice ai grillini?” c’è e io sarò“: Cinque parole che per alcuni suonano come una discesa a terra. Poi parla “ai suoi amici Pd e Leu” per dire “che dobbiamo lavorare tutti insieme perché l’alleanza per lo sviluppo sostenibile che abbiamo iniziato a costruire è un progetto forte e concreto. “È solo una frase ma può valerne la pena manifesto programmatico di un futuro candidato alla carica di Primo Ministro di una coalizione.

READ  Ronaldo vola a Dubai, nessuna quarantena al ritorno: polemica

Filtri ottimisti del Quirinale, Grillo in viaggio – Le parole di Conte cambiano ovviamente le carte in tavola e facilitano il percorso alla formazione del governo Draghi. “Un moderato ottimismo” filtra il Quirinale. Sergio Mattarella, secondo le fonti del Colle, le ha apprezzate entrambe gesto come le osservazioni fatte da Conte sulla nomina a Draghi poco prima dell’inizio delle consultazioni con il Presidente del Consiglio in carica. Fonti del movimento affermano che nelle ultime ore Conte ha sentito più volte il garante Beppe Grillo, che – fugge dai circoli parlamentari – arriva a Roma. Nulla è deciso sul ruolo del presidente del Consiglio uscente, ma in un M5S profondamente diviso alle prese con l’arrivo di Draghi, la sua posizione – “Io sono e ci sarò” – potrebbe essere decisiva per mettere insieme i pezzi.

Le reazioni di M5 e Pd – Certo, il “discorso a tavola” di Conte, come molti l’hanno già ribattezzato, ha il primo effetto di scongelare le posizioni politiche delle 5 stelle. “Ringrazio vivamente Giuseppe Conte per le sue parole, per la responsabilità istituzionale che ha dimostrato ancora una volta, in un momento di grande difficoltà per il Paese. Condivido pienamente la necessità di un forte impulso politico all’interno del governo che si andrà a formare ”, ha dichiarato il ministro uscente degli Affari Esteri. Luigi Di Maio. Per l’ex leader politico del M5, il Movimento è grato a Conte “e continuerà ad essere protagonista anche grazie a lui”. “Visione, generosità e sensibilità istituzionale nelle parole di Giuseppe Conte. “Il M5S, con lo stesso senso delle istituzioni, parteciperà in modo costruttivo, a testa alta e con coerenza rispetto ai valori usuali, alle consultazioni del nuovo presidente Draghi”, è il commento del Custode dei Sigilli Alfonso Bonfede, capo delegazione M5 al governo Conte 2. “Grazie al presidente Conte. Un discorso di grande responsabilità e lungimiranza “, ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, per poi incoronarlo in serata alla guida della coalizione. “Il suo impegno diretto rafforza la prospettiva di un’alleanza politica nata dall’esperienza del suo governo”, ha scritto su Twitter Dario Franceschini, Ministro dei Beni Culturali e rappresentante del Partito Democratico. “Grazie, Presidente Conte, per l’ottimo lavoro svolto. Sono d’accordo: non dobbiamo sprecare l’eredità che la coalizione Leu-Pd-5 ha costruito. Deve essere messa più che mai al servizio del Paese ”, è il posto di Pietro grasso. In breve: lalleanza per lo sviluppo sostenibile sembra compatto.

READ  le scuole non saranno chiuse completamente. Ordina nelle prossime ore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *