Conto corrente, è pericoloso dare il proprio codice Iban?

Possono rubare soldi dal conto corrente se forniamo il codice IBAN? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere al riguardo.

È passato ormai più di un anno da quando il Covid è entrato prepotentemente nelle nostre vite, provocando ripercussioni negative sia dal punto di vista sociale che sociale. a buon mercato. Un periodo storico particolarmente complicato, che ha visto il governo adottare una serie di misure restrittive per limitarne la diffusione. Molti imprenditori hanno dovuto abbassare le saracinesche delle loro attività, molte famiglie sono state costrette ad affrontare una difficile gestione del bilancio familiare. È proprio in questo contesto che sono tante le persone che decidono di dedicare un’attenzione particolare al mondo del risparmio, al fine di evitare possibili sprechi.

La crescente incertezza sul futuro porta a tenere i propri soldi in un conto corrente, per avere sempre qualche euro su cui contare. Allo stesso tempo, molti temono per i loro soldi mentre li tengono in banca. Dalle possibili truffe, al spettro del patrimoniod’altra parte, ci sono molte cose a cui prestare attenzione. Non stupisce quindi che molti si chiedano quali siano i possibili pericoli, nel caso in cui qualcuno riceva l’IBAN. In particolare, il timore è che qualcuno possa, a nostra insaputa, rubare i nostri soldi. Ma è davvero possibile? Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere al riguardo.

LEGGI ANCHE >>> Dalle cambiali ai prestiti, attenzione al colpo: i prezzi salgono in modo preoccupante

Conto corrente, possono fregarci conoscendo il codice Iban?

conto bancario
Foto © AdobeStock

Dall’accredito dello stipendio o della pensione, al pagamento di bollette o utenze varie, ognuno prima o poi dovrà fornire il proprio codice Stavamo andando. Un’operazione indubbiamente semplice e allo stesso tempo utile, perché ci permette di avere una corretta tracciabilità dei vari pagamenti. Allo stesso tempo, i dubbi abbondano, molti si chiedono se fornire il proprio codice Iban potrebbe portare con sé impatto negativo.

READ  Amazon, via libera alle consegne con i droni: pacco in 30 minuti

In particolare, ci chiediamo se un malintenzionato possa utilizzare questi dati per truffarci e prelevare denaro dal conto corrente. Una domanda che prima o poi tutti si pongono e alla quale è possibile dare una risposta positiva. Fortunatamente, infatti, pur conoscendo il proprio codice Iban, non è possibile prelevare denaro a nostra insaputa. L’Iban, infatti, serve solo per effettuare pagamenti e non per prelevare denaro. Se un malintenzionato venisse a conoscenza di questi dati, potrebbe quindi solo effettuare un bonifico a nostro favore.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, anche i più furbi hanno le loro ragioni: “1.500 euro offerti non sono rari”

Allo stesso tempo, non è nemmeno possibile che possa effettuare addebiti diretti, come l’addebito diretto su fatture. Anche in questo caso, infatti, non vi è alcun rischio, poiché per ogni carico ilautorizzazione del titolare del conto. Ricordate sempre, invece, di non comunicare a nessuno i codici di accesso alla banca di casa, così come le tre cifre dietro le carte di credito o di debito. In questo caso, il rischio che il denaro scompaia dal tuo conto corrente è molto alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *